Google+

Silicon Valley vs Hollywood

agosto 18, 2017 Francesca Parodi

Oltre a Netflix, anche Apple e Amazon fanno investimenti nel settore del cinema e delle serie tv e vanno a caccia dei migliori talenti.

netflix-ansa

La dilagante passione per le serie tv e la loro fruizione in streaming sta portando diversi giganti hi-tech ad affermarsi come pericolosi competitor di Hollywood. Diversi attori della Silicon Valley stanno portando avanti investimenti sempre più consistenti nella produzione di contenuti video, determinando un vero e proprio mutamento di paradigma nel settore. Apple per esempio, secondo il Wall Street Journal, ha deciso di investire un miliardo di dollari per produrre fino a 10 serie tv e competere così con i successi di Netflix e Amazon. Dopo aver primeggiato nel settore dell’hardware (iPhone e computer) ed essersi espanso nel settore della musica (Spotify), l’azienda di Cupertino diversifica maggiormente il proprio business e ora potrebbe stanziare dai 2 miliardi di dollari a puntata per le serie tv comiche a 5 milioni per quelle drammatiche.

È vero che una puntata de Il trono di spade può arrivare a costare anche 10 milioni a puntata, ma la cifra di Apple destinata alla produzione di video originali è in linea con quello di Amazon agli esordi nel 2013. In realtà Apple aveva già lanciato a giugno il talent show Planet of the Apples e il programma musicale Carpool Karaoke, ma i tentativi sono risultati sfortunati perché non hanno ricevuto un’accoglienza calorosa, così, Tim Cooke ha predisposto un piano d’attacco più aggressivo e uno studiato team di creativi. Ha scelto infatti di affidare la gestione del budget a Jamie Erlicht e Zack Van Amburg, due talentuosi dirigenti di Sony Pictures, celebri per i successi delle serie Breaking Bad e The Crown.

La sfida è serrata perché i competitor si dimostrano agguerriti. Netflix potrebbe investire quest’anno più di 6 miliardi di dollari ed è a caccia delle migliori celebrità per dominare sul mercato: ha assoldato David Letterman (famoso conduttore televisivo americano), Matt Groening (il creatore dei Simpson), i fratelli Cohen e Shonda Rhimes, la sceneggiatrice di Grey’s Anatomy e Scandal. Amazon ha invece ingaggiato Robert Kirkman, sceneggiatore di The Walking Dead. Facebook si è recentemente messo in concorrenza con YouTube attraverso la piattaforma Watch dove vengono pubblicati brevi video, per conto di una serie di partner, di una durata compresa tra i cinque e i dieci minuti, ma sembra che si punti ad arrivare ai 20-30 minuti.

Davanti a questi profondi mutamenti i colossi americani tradizionali stanno reagendo con una forza e un’inventiva inaspettati. Disney ha annunciato che tra un paio di anni toglierà i suoi contenuti da Netflix e, grazie al suo imponente budget, aprirà un nuovo servizio di streaming per film e sport. Mentre quindi i giganti della Silicon Valley cercano di inglobare quante più fette di mercato disponibili puntando su contenuti originali e di qualità, Hollywood sembra essere disposta a rinnovarsi e ad aprirsi a nuove vie strategiche. Un buon esempio per quante imprese nel mondo si trovano a dover competere con i nuovi agguerriti attori dell’online.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download