Google+

Se neghiamo l’esistenza di un creatore, è inutile che stiamo a discutere di diritti umani inalienabili

febbraio 1, 2012 Benedetta Frigerio

È una delle tesi di Tristram Engelhardt, uno dei più importanti bioeticisti del mondo, che terrà oggi un incontro con Gianni Vattimo e Maurizio Mori. «Se Dio non viene riconosciuto come colui che crea gli uomini in un certo senso uguali, come si può dire che gli esseri umani sono uguali? La morale secolare contemporanea è necessariamente contingente»

«Se Dio non viene riconosciuto come colui che crea gli uomini in un certo senso uguali, come si può dire che gli esseri umani sono uguali?». A porre la domanda non è un teologo, ma Tristram Engelhardt, uno dei più importanti bioeticisti del mondo, professore all’Università di Houston e direttore della rivista internazionale Journal of Medicine and Philosophy. La Stampa riporta la sintesi del suo pensiero, anticipando alcuni dei contenuti del dialogo con Gianni Vattimo e Maurizio Mori, che si terrà oggi alle 18 a Torino, in occasione della presentazione del suo ultimo libro, Viaggi in Italia. Saggi di bioetica (Le lettere edizioni, 428 pp., 38 euro).

La tesi del professore texano è che l’uomo, se nega un creatore comune, è destinato ad essere schiavo. È impossibile, sostiene, affermare la cogenza di diritti umani inalienabili e uguali per tutti quando manca un punto di vista metafisico. Engelhardt prende ad esempio Richard Rorty, che ha affrontato il venir meno della morale nel nostro secolo. «Rorty ha riconosciuto il motivo per cui è impossibile fornire una fondazione alla morale» spiega il professore, ricordando che per lui non esistendo un creatore non può esistere neppure un “metavocabolario” comune. Rorty, però, ammette che così «non possiamo stabilire quali siano la morale e la bioetica» e che «non si può neppure affermare la priorità morale di una comunità di individui anonimi nei confronti delle pretese della comunità particolare». L’assenza di un fondamento e di una prospettiva divina da cui l’uomo riconosce di derivare, prosegue Engelhardt, rende indimostrabile l’esistenza di «una priorità razionale cogente della comunità anonima degli individui e della comunità di coloro che amiamo e a cui restiamo fedeli».

Rorty tenta così di legare la morale alla prudenza degli individui, ma fallisce perché «si resta con una pluralità di morali come strutture normative (alcune delle quali rifiutano persino un punto di vista morale) sostenute da discorsi morali differenti, supportati da differenti condizioni socio-culturali». È in questo modo che si cade nella schiavitù del pensiero dominante. Perché «una volta separate dal proprio ancoraggio in Dio, e/o nell’essere, tutte le morali e le bioetiche secolari» diventano «socio-storicamente condizionate», affermando «configurazioni particolari». Il pericolo per il professore è chiaro: «A differenza delle affermazioni di obblighi morali fondati su una comune origine divina, che potrebbero essere riconosciute persino da un ateo come putativamente fondate nell’essere – nonostante l’ateo consideri falsa tale pretesa – la morale secolare contemporanea è necessariamente contingente e storicamente condizionata. Tale sradicamento e tale contingenza hanno implicazioni drammatiche riguardo alla forza delle pretese normative avanzate dalla teoria morale contemporanea dominante di stampo secolare su questioni come il significato morale di autonomia, uguaglianza, diritti umani, giustizia sociale e dignità umana».
Twitter: @frigeriobenedet

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. cerquini scrive:

    Il senso della vita.

    Pochi fortunati esseri umani possono dare un senso alla vita. La stragrande maggioranza, invece, non ha la possibilità o la voglia di pensarci perché colpita da innumerevoli sofferenze, causate dalla natura o dagli uomini stessi. Molto frequentemente la sofferenza colpisce anche quei pochi che un senso alla vita l’ avevano già dato.

    La SOFFERENZA imperversa su tutto!

    Spontanea questa considerazione:

    La divina commedia.
    Immaginare, ipotizzare, pensare, credere, che possa esistere un essere tanto malefico, malvagio, tragico, che, oltre a tutte le altre malefatte ( infinite sofferenze per gli esseri viventi, umani ed animali ) abbia creato anche la tortura eterna, è una idiozia colossale.
    Dante che l’ ha scritta e Benigni che la decanta, sono due inconsapevoli terroristi idioti. ( iddioti e credini, detto alla maniera di Odifreddi )
    Purtroppo anche alcune persone geniali, essendo inculcati di religione sin dall’infanzia, non si rendono conto delle stupidaggini che gli hanno propinato.
    La scuola deve essere assolutamente liberata da insegnamenti religiosi. Ai nostri figli si deve insegnare l’ uso della ragione, e tanto, tantissimo allenamento al tale uso. Oltre, ovviamente, all’ apprendimento della storia delle religioni e dell’ ateismo. Amen.

    https://sites.google.com/site/cerquinigiuseppe/home

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana