Google+

Rimsha liberata e trasferita in una località segreta: «Temo che possano uccidermi»

settembre 12, 2012 Leone Grotti

Rimsha Masih, ragazzina cristiana accusata di blasfemia in Pakistan e liberata, e il padre Mizrak hanno rilasciato dichiarazioni. Rimsha: «Sono spaventata». Il padre: «Cristo ci ha portato la salvezza».

Rimsha Masih (nella foto col volto coperto), cristiana pakistana di circa 14 anni accusata ingiustamente di blasfemia, è stata rilasciata dal carcere su cauzione di 10.500 dollari venerdì scorso. Sabato è stata trasferita in elicottero dal carcere di massima sicurezza di Adiala nella città di Rawalpindi, Punjab, alla caserma femminile nel quartier generale della polizia. Qui è rimasta insieme con la sua famiglia fino ad oggi pomeriggio, quando è stata trasferita dalla polizia in un’altra località sconosciuta per ragioni di sicurezza.

«HO PAURA». Rimsha, infatti, era stata in modo poco velato minacciata di morte da estremisti islamici nel caso che il tribunale non l’avesse condannata per blasfemia. Oggi la ragazzina cristiana ha dichiarato alla Cnn di «essere spaventata e di temere che qualcuno mi possa uccidere». Alla domanda se sia stata accusata ingiustamente si è limitato a rispondere «sì», negando di aver mai bruciato pagine del Corano, il motivo per cui un vicino l’aveva denunciata.

«NON SIAMO BLASFEMI». Anche il padre di Rimsha, Mizrak, ha rilasciato dichiarazioni, affermando: «Noi rispettiamo il Corano proprio come rispettiamo la Bibbia. Non possiamo neanche immaginare di commettere un atto di blasfemia e i nostri figli neppure». Il caso di Rimsha non è ancora risolto ma le speranze per un’assoluzione sono molte visto che la polizia ha arrestato un imam, accusandolo di aver falsificato le prove contro la cristiana.

«GRAZIE A CRISTO». In alcune dichiarazioni rilasciate ad AsiaNews, Mizrak ha raccontato: «Quando ho saputo dell’accusa – che ha determinato anche la fuga di 600 famiglie cristiane dal sobborgo della capitale dove vivevano – mi è cascato il mondo addosso. Ho avuto paura. Ora però sono felice. La speranza e la fede in Cristo sono forti ed è lui che ci ha portato la salvezza attraverso il lavoro del ministro Bhatti e di quanti si sono impegnati per ottenere la libertà di mia figlia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana