Google+

Rimsha liberata e trasferita in una località segreta: «Temo che possano uccidermi»

settembre 12, 2012 Leone Grotti

Rimsha Masih, ragazzina cristiana accusata di blasfemia in Pakistan e liberata, e il padre Mizrak hanno rilasciato dichiarazioni. Rimsha: «Sono spaventata». Il padre: «Cristo ci ha portato la salvezza».

Rimsha Masih (nella foto col volto coperto), cristiana pakistana di circa 14 anni accusata ingiustamente di blasfemia, è stata rilasciata dal carcere su cauzione di 10.500 dollari venerdì scorso. Sabato è stata trasferita in elicottero dal carcere di massima sicurezza di Adiala nella città di Rawalpindi, Punjab, alla caserma femminile nel quartier generale della polizia. Qui è rimasta insieme con la sua famiglia fino ad oggi pomeriggio, quando è stata trasferita dalla polizia in un’altra località sconosciuta per ragioni di sicurezza.

«HO PAURA». Rimsha, infatti, era stata in modo poco velato minacciata di morte da estremisti islamici nel caso che il tribunale non l’avesse condannata per blasfemia. Oggi la ragazzina cristiana ha dichiarato alla Cnn di «essere spaventata e di temere che qualcuno mi possa uccidere». Alla domanda se sia stata accusata ingiustamente si è limitato a rispondere «sì», negando di aver mai bruciato pagine del Corano, il motivo per cui un vicino l’aveva denunciata.

«NON SIAMO BLASFEMI». Anche il padre di Rimsha, Mizrak, ha rilasciato dichiarazioni, affermando: «Noi rispettiamo il Corano proprio come rispettiamo la Bibbia. Non possiamo neanche immaginare di commettere un atto di blasfemia e i nostri figli neppure». Il caso di Rimsha non è ancora risolto ma le speranze per un’assoluzione sono molte visto che la polizia ha arrestato un imam, accusandolo di aver falsificato le prove contro la cristiana.

«GRAZIE A CRISTO». In alcune dichiarazioni rilasciate ad AsiaNews, Mizrak ha raccontato: «Quando ho saputo dell’accusa – che ha determinato anche la fuga di 600 famiglie cristiane dal sobborgo della capitale dove vivevano – mi è cascato il mondo addosso. Ho avuto paura. Ora però sono felice. La speranza e la fede in Cristo sono forti ed è lui che ci ha portato la salvezza attraverso il lavoro del ministro Bhatti e di quanti si sono impegnati per ottenere la libertà di mia figlia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sfida a suon di bicilindrici, diversi da sempre per schema motoristico e filosofia. L’irrinunciabile "L" della scuola nostrana senza compromessi di Ducati, con la Monster 1200 S, contro l'inconfondibile classe del boxer BMW R 1200 R. Un tempo erano molto lontane, ma ora qualcosa è cambiato e nel mirino delle due rivali potrebbe esserci lo stesso cliente

Per una “falla” nel sistema di sicurezza dell’ufficio brevetti australiano, sono stati svelati i disegni della prima SUV della storia del Tridente. Debutterà nel 2016.

Destinata ai Paesi emergenti, l’utilitaria francese abbina un’altezza da terra e una linea da SUV a dotazioni di pregio e un prezzo da discount. Arriverà in Europa con il marchio Dacia?

Fuori dal coro il video realizzato da Ford per promuovere la sua B-Max: legato a una campagna che coinvolge le mamme, chiamate a descrivere l’arrivo di una nuova vita

Sviluppato e realizzato in Giappone, il nuovo casco modulare firmato Kabuto è un concentrato di brillanti soluzioni sviluppate in galleria del vento

Speciale Nuovo San Gerardo