Google+

Ragazzo al New York Times: «Nato in provetta, vivo nell’angoscia»

luglio 7, 2011 Benedetta Frigerio

Un 18enne racconta al New York Times del senso di angoscia e mancamento che prova nell’essere nato e cresciuto senza sapere chi sia il padre: «Non si può comprendere il vuoto che molti bambini, nati tramite fecondazione assistita, sperimentano. Chi nasce ha il diritto di sapere chi siano i propri genitori. Io sono uno di quelli e voglio sapere chi è mio padre»

«Quando avevo cinque anni, mia madre mi rivelò che ero stato concepito con l’inseminazione artificiale»; «I bambini che nascono hanno diritto di sapere chi sono i loro genitori»; «Si sottovaluta l’importanza che ha per un uomo sapere da dove venga». Sono le frasi secche e politicamente scorrette, scritte da un “figlio della provetta” e apparse sulle colonne del New York Times dello scorso 29 giugno. L’autore sa tutto sin da piccolo. Ma non ci pensa. Quasi rimuove, racconta. Poi a 14 anni la maestra chiede a tutti gli alunni di ricostruire il proprio albero genealogico. E’ qui che per il giovane ha inizio la sensazione di angoscia che ancora oggi lo accompagna in crescendo.

Il ragazzo ora diciottenne scrive infatti così: «Mia madre all’età di quarant’anni si ritrovò sola e senza figli. Aveva avuto una buona carriera ma era pentita di non aver fatto famiglia». Così, commenta glaciale il ragazzo, «decise di prendersi la briga di fare un figlio con le sue sole mani». Un fatto questo che «incuriosì molti. Alcuni la presero come un trionfo della autosufficienza femminile. Altri, particolarmente i famigliari e gli amici, erano contrari: “Non puoi avere un bambino senza un uomo”, le dicevano». «Invece ci riuscì», continua confessando quello che la fecondazione assistita semplicemente è, «perché si può fare e ti è permesso anche facilmente. La parte difficile, al massimo, è lasciata al bambino che quando cresce vive nell’ignoranza di chi sia suo padre. Le coppie sterili o le donne sole sottovalutano l’importanza cha ha per un uomo sapere da dove venga. I deficit emozionali e di sviluppo che nascono da questa ignoranza sono oggi troppo trascurati».

Non si può comprendere, aggiunge lo studente, «il vuoto che molti bambini, nati tramite fecondazione assistita, sperimentano. Chi nasce ha il diritto di sapere chi siano i propri genitori. Io sono uno di quelli e voglio sapere chi sia mio padre». Infine, il ragazzo descrive il senso di smarrimento e mancamento che lo accompagna oggi: «Siccome non so chi è mio padre, non potrei mai riconoscerlo neanche se lo vedessi. A volte mi sento soffocare dal tormento per le infinite possibilità date dal fatto che mio padre potrebbe essere ovunque: in mezzo al traffico di punta di un venerdì sera, dietro di me al bancone della farmacia, oppure lì a cambiarmi l’olio della macchina dopo settimane di scarsa manutenzione. A volte vivo una mancanza di sentimenti e parole tale che rimango semplicemente stordito pensando che lui potrebbe essere ovunque».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. 0290075769 scrive:

    Non so quante volte ho pensato: se s’incontrano due essseri, uno femminile, l’altro maschile, e si piacciono e stanno insieme è un incesto legalizzato il loro? Inoltre ora che sempre più si parla di curare le malattie attraverso lo studio dei geni e le eredità genetiche se non si conosce il proprio padre come si fa? Oltre a quel tormento di cui parla il ragazzo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana