Google+

«Qui non è L’Aquila. Impariamo a ripartire, non è tutto negativo»

maggio 21, 2012 Leone Grotti

Le chiese sono inagibili, «non se n’è salvata una», ma le case non sono rase al suolo a Cividale, frazione di Mirandola, colpita dal terremoto. Intervista al parroco di Cividale, don Flavio Segalina: «Guardo le cose positive che ci sono date».

«Qui non è L’Aquila, è bene ricordarlo, la città non è stata rasa al suolo». Guarda al positivo don Flavio Segalina, parroco di Cividale, frazione di Mirandola, una delle città più colpite dal terremoto che domenica mattina ha causato la morte di sette persone e oltre 4 mila sfollati. «A parte le chiese, che sono tutte inagibili, non se n’è salvata neanche una – racconta a tempi.it – la situazione delle case è a macchia di leopardo».

I danni sono gravi?
Sì, anche se la situazione non va generalizzata: la città non è stata rasa al suolo. Le case che sono state ristrutturate e quelle rifatte con criteri sismici non hanno subito danni e hanno retto. Sono la maggioranza. Ma ci sono tante case vecchie, specie quelle più rurali o quelle dei centri storici, che hanno avuto dei problemi. I monumenti storici invece hanno subito danni ingenti: a San Felice la torre e il castello sono stati danneggiati, ad esempio. A Cividale la nostra chiesa non è più agibile, ma i muri hanno retto. A san Biagio e San Felice le chiese neanche ci sono più.

Come ha vissuto la notte del terremoto.
Rispetto a tanti altri di Cividale, molto bene. La canonica dove dormivo è stata rifatta l’anno scorso con criteri antisismici: io ho sentito la scossa dell’una, forte e secca, e ho subito capito che si trattava del terremoto ma siccome siamo sempre stati convinti che questa non è una zona sismica, e il terremoto non ha mai fatto danni, sono tornato a dormire. Poi mi sono svegliato di soprassalto alle quattro e pur non avendo avuto mobili rovesciati in casa, come molti altri, vedendo che la luce non c’era più, ho staccato gli allarmi e sono corso fuori in fretta. Giù c’erano già tutti i vicini. Quando ho visto che la canonica aveva retto, mi sono tranquillizzato e ho cominciato a reagire.

Qual è l’umore tra la gente?
È molto spaventata, impaurita. Stanotte nella frazione di Cividale anche se tantissime case sono nuove e senza danni, la gente ha dormito in macchina per precauzione. Lo stillicidio di scosse di assestamento mette paura, la gente è persa, fa fatica a guardare al futuro. Anche perché molti capannoni sono stati danneggiati, le attività produttive sono ferme e c’è il timore che le aziende non riaprano. A Mirandola hanno predisposto una tendopoli nella zona dei campi sportivi dove c’è l’area scolastica, là c’è il centro operativo della Protezione civile. Nel centro alcune zone sono state evacuate in attesa di ispezionare le case, ma tantissime hanno retto. Non è L’Aquila, ecco, la città non è rasa al suolo.

Lei dove andrà a dire Messa?
Le chiese rimarranno chiuse per molto tempo, i tempi delle belle arti sono lunghi e servono molti soldi. Non sappiamo dove verranno trovati. Come gli altri parroci, mi affiderò alla sala parrocchiale per la Messa. In qualche modo bisogna ripartire.

In quale modo?
Bella domanda, non lo so. Anch’io lo sto imparando in queste ore. Quello che ho cercato di fare è guardare alle cose positive che ci sono state date, ad esempio che nella nostra zona non siamo qui a piangere la scomparsa di nessuno. Questo è molto positivo. È chiaro che ci dovremo abituare alle scosse ma tutti, o quasi, abbiamo una casa dove tornare a dormire. E anche questo non è da poco. Cerco di individuare le cose positive in un clima che vorrebbe tutto negativo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana