Google+

Quebec. Cure palliative proibitive, l’eutanasia invece è gratis

settembre 18, 2015 Leone Grotti

Solo un malato su cinque in Quebec ha accesso alle cure palliative. E ora c’è chi vuole ritirare i pochi finanziamenti alle cliniche, perché hanno annunciato che non forniranno la “dolce morte”

siringhe-eutanasia-shutterstock_249815845

Mancano poco più di due mesi all’entrata in vigore della legge sull’eutanasia in Quebec (10 dicembre), approvata nel giugno del 2014 dalla provincia canadese. Mentre l’Ordine dei medici prepara i «kit dell’eutanasia» da rilasciare ai dottori, alcune cliniche hanno già annunciato che non aiuteranno nessun paziente a morire, scatenando un putiferio.

«NOI NON PROCURIAMO LA MORTE». La direttrice della West Island Palliative Care Residence (Wipcr), Theresa Dellar, ha dichiarato alla stampa: «La filosofia che sta alla base delle cure palliative è non fare niente che procuri la morte, e ovviamente l’eutanasia procura la morte. La nostra filosofia include dare conforto, cura e dignità alle persone durante la fine della loro vita e di permettere alla morte naturale di sopraggiungere». Dellar ha aggiunto che chiunque richieda l’eutanasia sarà ovviamente libero di trasferirsi in un’altra struttura.

ALTRE 28 CLINICHE. La direttrice ha ricevuto molte critiche per le sue dichiarazioni, ma non è l’unica. Altre 28 cliniche che forniscono cure palliative hanno annunciato che non garantiranno il servizio dell’eutanasia, in accordo con la legge che prevede a tutti i medici di fare obiezione di coscienza. «Quando i sintomi delle persone e il dolore vengono gestiti, queste possono morire in modo degno. Abbiamo pazienti che riescono a vivere degnamente», continua Dellar.

LA RABBIA DEL MINISTRO. Anche i dottori del Centro ospedaliero dell’università di Montreal si sono tutti espressi contro l’eutanasia. E il ministro della Salute Gaétan Barrette non ha apprezzato: «Questo ostruzionismo io lo chiamo integralismo amministrativo. Vogliono obbligare i pazienti allettati nelle loro strutture ad andarsene per avere accesso all’aiuto medicale a morire?».

«RITIRIAMO I FINANZIAMENTI». La polemica è andata oltre e Jean-Pierre Ménard, avvocato specializzato nella difesa dei diritti dei malati, ha proposto che il Quebec ritiri il finanziamento pubblico a quelle cliniche che offrono cure palliative e che non vogliono fornire l’eutanasia. «Non era previsto che queste cliniche si comportassero così. Questo compromette il diritto dei cittadini all’accesso alle cure».
Definire l’eutanasia una “cura” è un azzardo, ma l’avvocato continua: «Così non si rispetta lo spirito della legge. Una parte del finanziamento delle cliniche che forniscono cure palliative è pubblico. Mi domando se come società dobbiamo continuare a finanziarle. È accettabile che venga finanziata ad esempio una scuola che non insegna il programma previsto dal Ministero?».

«LIBERTÀ DI SCELTA?». Ancora prima dell’entrata in vigore della legge, Ménard tocca un tasto molto delicato in Quebec. Il governo spende infatti ogni anno 18 milioni di euro per finanziare le cure palliative, ma con questa cifra, sottolinea la direttrice di Wipcr, «si garantisce l’accesso a questo tipo di cure solo per il 16 per cento dei canadesi che ne fanno richiesta. Come si fa a dire che [sul tema del fine vita] esiste la libertà di scelta?».

«È INDECENTE». Già prima dell’approvazione della legge, Paul Saba, della Coalizione dei medici per la giustizia sociale, aveva messo in guardia così i parlamentari: «Il governo ci propone un trattamento da discount per i più vulnerabili, cioè una morte rapida attraverso un’iniezione da una parte, e una morte lenta senza garanzie di trattamenti adeguati [come le cure palliative] dall’altra, in un sistema che cerca in tutti i modi di fare economie. È indecente». Un suo collega, Paul Lefort, aveva aggiunto: «La medicina non è in grado di alleviare le conseguenze di una malattia incurabile. Non per una impossibilità medica, però, ma per il rifiuto dello Stato di finanziare le cure palliative negandole a quattro malati su cinque».

PROBLEMA ECONOMICO. Ecco perché, concludeva Lefort, «l’eutanasia è una procedura che serve solo a risolvere il problema del mancato finanziamento della sanità e della scarsa possibilità di accedere alle cure palliative». Ora, è stato proposto di eliminare anche il piccolo finanziamento che fino ad ora veniva fornito alle cliniche, per lasciare ai ricchi la scelta di come morire e ai poveri l’economico «kit dell’eutanasia».

Foto siringhe da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. augusto scrive:

    Leggere il tipo di difesa all’eutanasia, intrapresa dall’avvocato, dovrebbe far levare il velo dagli occhi a molte persone. Se la vita diventa parte della malattia non ci saranno confini per definire un limite alla cura, come d’altronde avviene già in Olanda, dove ammazzano anche solo per depressione.

  2. SUSANNA ROLLI scrive:

    A Gratis non c’è più niente, nemmeno le sportine al supermercato (tranne in uno, non faccio nomi).
    Mi sa che la pagano ii contribuenti con le tasse…Daranno un contributo per spese funerale? Per essere solidali, fino IN FONDO!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana