Google+

Quanto costa l’immortalità? Storia di Kim, che si è fatta ibernare

settembre 24, 2015 Emanuele Boffi

La sera dell’agonia il fidanzato Josh ha chiamato i tecnici dell’Alcor che sono accorsi a casa della giovane, hanno atteso che morisse e un istante dopo l’hanno adagiata in una vasca di ghiaccio

kim-suozzi-hp

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Il New York Times ha raccontato la storia di Kim Suozzi, giovane americana malata di cancro, che è ricorsa all’ibernazione nella speranza, un giorno, di essere di nuovo tra noi, «con tutti i suoi pensieri e i suoi desideri».

Nel 2011 Kim ha scoperto di avere un tumore al cervello, una brutta bestia, incurabile e violenta. Lei, «agnostica fanatica delle scienze», ha deciso di affidarsi alla Alcor, società di crionica, che, dietro pagamento, consente la conservazione del cervello a -200 gradi. Dopo aver racimolato 80 mila dollari grazie anche a una raccolta fondi via web, Kim ha deciso di accelerare il decesso, smettendo di bere e mangiare.

La sera dell’agonia il fidanzato Josh ha chiamato i tecnici dell’Alcor che sono accorsi a casa della giovane, hanno atteso che morisse e un istante dopo l’hanno adagiata in una vasca di ghiaccio. Ora, «la ragazza che ha scelto di ibernare i suoi sogni cercando l’immortalità» giace ibernata nell’azoto liquido e a Josh sembra che tutto è stato fatto per «il meglio».

Il problema, però, è che Kim non può svegliarsi perché non sta dormendo, ma è morta. Diceva Chesterton che quando gli uomini hanno smesso di credere in Dio hanno cominciato a credere a tutto. Persino di essere immortali, che è pure una gran sventura se la vita diventa la persistente ripetizione di un vissuto che è deserto e vuoto. L’unica alternativa sarebbe credere non nell’immortalità, ma nell’eternità e in qualcosa di nuovo – e gratuito – che accadrà dopo.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. sindar scrive:

    Non li provochi su questo campo…
    Scommetto un abbonamento a tempi che nella cassa ce l’hanno messa un momento PRIMA che morisse e non un momento DOPO. Tanto, chi controlla?
    Finiremo come Demolition man :)

  2. AlessandroT scrive:

    Il problema principale è se un anche un giorno dovessimo “riaccendere il cervello” sarebbe la stessa persona di prima? Non è ancora stato compreso il collegamento “hardware” (cellule cerebrali) e “soffware” (psiche) quindi sussiste il legittimo dubbio se la persona che eventualmente sarà riportata in vita sarà psicologicamente identifica a quella deceduta esistono tesi scientifiche divergenti su questo punto.
    Il fatto è che tutti gli esseri viventi sono programmati per morire nessuno escluso e quindi anche chi si muove da una prospettiva scientifica deve riconoscere l’utilità della morte, la morte è una previsione che rientra nelle leggi del progetto-natura. È un ingiustizia per il deceduto che egoisticamente è comprensibilmente vorrebbe vivere per sempre ma è una giustizia per tutti gli altri in quanto le risorse non sono infinite e dalla morte nasce la vita, pensate a tutti quegli organismi animale, vegetali, batteri e funghi che vivono decomponendo i corpi morti.
    Come cristiano penso dobbiamo accettare la bontà del disegno divino e guardare alla morte sorretti dalla certezza che rappresenti non la fine ma un nuovo inizio, una porte che si chiude sulla vita terrena e si apre sulla vita ultraterrena!

  3. Gatt scrive:

    E se un domani esistesse un modo per non morire mai?
    Qualcosa che eviti l’invecchiamente e le malattia, che garantisca con buona probabilità che se non si vuole morire si possa ancora vivere in salute.

    Magari senza necessariamente che la vita diventi “la persistente ripetizione di un vissuto che è deserto e vuoto”.

    Come la vedresete? Necessariemente in contrasto con il credo cristiano?

    • Lela scrive:

      Vivere in eterno in QUESTO mondo? No grazie. Cioè, non devi solo debellare la malattia e l’invecchiamento, per convincermi…

      • Gatt scrive:

        Vabbè dai, il mondo si può cambiare. Tanto brutto da non vivere ancora non mi pare lo sia :)

        • Lela scrive:

          Mi sa che non ti sei reso conto di quanto dovresti cambiarlo, il mondo, per rendere sopportabile viverci per sempre… Dovresti come minimo abolire la necessità di lavorare per vivere, rendere disponibile ogni bene a tutti gratuitamente, acquisire il controllo atmosferico e sismico del pianeta, controllare le menti delle persone perché vadano tutti d’accordo. Ah, e costruire case che si puliscono da sole e che fanno il bucato.
          A parte gli scherzi, il mondo non è brutto, è questa vita che dà gioie ma anche dolori e fatiche. Se non mi assicuri solo le prime, un’eternità fatta anche dalle seconde non mi interessa proprio.

  4. Ora che è morta non penso proprio che voglia tornare in vita, avrà sicuramente qualcosa di più importante da fare.

  5. SUSANNA ROLLI scrive:

    Per favore, se mi trovate morta da qualche parte NON IBERNATEMI, ne ho avuto abbastanza!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana