Google+

Processo Ruby. Gasparri: «Vogliono la “condanna a morte” per Berlusconi»

maggio 14, 2013 Francesco Amicone

«La requisitoria della Boccassini ha avuto alcuni passaggi azzardati, anche sotto il profilo grammaticale». Intervista al senatore Pdl: «Se si proseguirà con questo accanimento giudiziario, faremo una battaglia per la libertà»

«La requisitoria di Ilda Boccassini? Ho sentito alcuni passaggi azzardati, anche sotto il profilo grammaticale». Maurizio Gasparri è critico nei confronti del pubblico ministero del processo Ruby che ieri ha chiesto la condanna dell’ex premier Silvio Berlusconi a sei anni di carcere e all’interdizione perpetua ai pubblici uffici. «Se l’uso del diritto è simile all’uso dei verbi», dice il senatore Pdl a tempi.it, «c’è da mettersi le mani nei capelli».

Il Pdl non ha usato mezzi termini per condannare la requisitoria del pm. Berlusconi ha parlato di una «richiesta ispirata da odio e pregiudizio».
Se dalla grammatica passiamo ai contenuti, mi sembra che Boccassini abbia chiesto per Berlusconi una condanna a morte. L’esclusione a vita dei diritti politici e civili a vita del leader del centrodestra mi sembra un editto incredibile. Sono esterrefatto, benché si potesse prevedere una richiesta pesante, i toni, le conclusioni, la durata della requisitoria sono stati di un’eccezionale durezza.

Boccassini non è mai stato un pm “morbido”. Per quale ragione ha chiesto soltanto un anno di carcere per il reato di prostituzione minorile, su cui soprattutto si è fondata l’accusa, e ben cinque per una telefonata i cui risvolti sono stati smentiti dai diretti interessati?
Non so quale sia la strategia dell’accusa, ma siamo in un quadro talmente fuori da qualsiasi condizione di normalità che anche in questo dettaglio si riscontra qualcosa che non va per il verso giusto. In questa fase finale del processo si legge un’esasperazione dei toni, dei sentimenti, delle valutazioni che un magistrato dovrebbe saper tenere sotto controllo.

Da tempo si sostiene che la Procura di Milano non sia in grado di lavorare “serenamente” sui processi di Berlusconi.
Mi pare che ieri ne abbiamo ulteriore prova. La pm Boccassini ha concluso con un lapsus: “condanno Berlusconi”. Sembra che ci sia stato un transfert di identificazione da parte del pm. Nella foga si è arrivati a comminare la suprema sanzione di qualcuno che viene visto come mostro d’abbattere. Il linguaggio e la sproporzione della richiesta mi sembra dovuto all’atmosfera che si è creata su Berlusconi.

Il leader del Pdl ha cercato in tutti i modi di non farsi giudicare a Milano. Non è comprensibile che i magistrati milanesi siano un po’ arrabbiati?
Berlusconi non ha mai voluto sottrarsi al giudizio bensì al pregiudizio. Per questo e per obiezioni legittime sulla competenza da parte della procura, su un processo che dovrebbe essere fatto altrove, ha chiesto di essere giudicato a Brescia. I magistrati di Milano, però, non lo vogliono mollare. Ci tengono molto a giudicarlo.

Se la requisitoria di Boccassini sarà accolta positivamente dal tribunale, come si comporterà il Pdl?
Ci auguriamo che ci sia un giudice a Berlino, come si dice in questi casi, che possa decidere in maniera serena, nonostante la posizione presa dalla Procura. Se si proseguirà con questo accanimento giudiziario, faremo una battaglia per la libertà. È impossibile immaginare che non ci siano riflessi di natura politica se Berlusconi sarà condannato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. angelo says:

    Quella tizia col cartello “Bocassini l’ italia onesta è con te” mi fa proprio ridere… ITALIA ONESTA? Ma mi faccia il piacere..
    Perchè non va davanti a palazzo Marino a dire a Pisapia con un altro cartello, di far sloggiare il macao dall’ ex-Macello (proprietà di tutti i cittadini confiscata da una banda mafiosa).
    O il “cantiere” dalla case che ha occupato in zona san siro (dove hanno fatto un ristorante abusivo),
    O tanti altri….
    Oppure potrebbe andare davanti alla casa di Dario Fo a chiedergli come mai difende ed esalta quelli che fanno occupazioni abusive (=reati) e non va mai in galera.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.