Google+

Perché dobbiamo votare i grillini, se poi ci tocca lavorare al posto loro?

giugno 13, 2012 Leone Grotti

Beppe Grillo prevede che il Movimento 5 stelle diventerà «primo partito» in Italia. Tutto sarà deciso attraverso «referendum popolari propositivi». Ma perché dobbiamo delegarli e poi lavorare noi?

Beppe Grillo ne è convinto: dalla prossima tornata elettorale potrebbe uscire «Cinquestelle primo partito, col premio di maggioranza della porcata Calderoli che non riescono a cancellare, 300 deputati (…). Troveremo persone competenti e oneste per fare il premier e i ministri. (…) E poi ci inventiamo un meccanismo di democrazia partecipativa per far governare i cittadini». Nell’intervista pubblicata oggi sul Fatto quotidiano il leader del Movimento 5 stelle fa grandi progetti in un colloquio con Marco Travaglio, mantenendo fermi i punti saldi: il programma dovrà essere «ampliato, dopo averlo discusso in rete», nessuna struttura perché «siamo un movimento orizzontale, se ti sviluppi in verticale diventi un partito», i candidati li sceglieranno «tra i 200 mila iscritti al movimento. Ma li sceglieremo in rete».

Il succo è sempre quello: democrazia partecipativa. In parole povere: a scegliere sono i cittadini, attraverso la rete. Su tutto. Così, quando Travaglio elenca questioni annose come «euro, politica estera, cittadinanza, immigrazione, bioetica» e domanda alla fine «chi decide?», la risposta di Grillo è il massimo della coerenza: «Questioni troppo grandi perché possa decidere un partito o un non-leader. Faremo referendum popolari propositivi». E allora la domanda sorge spontanea: perché delegare dei poteri ai grillini, eleggendoli in Parlamento, facendoli anche diventare primo partito e permettendo loro di esprimere il premier, se poi tutto deve essere deciso dai cittadini?

Paolo Nori, invitato sabato scorso a parlare alla festa del Fatto quotidiano a Reggio Emilia, scrive oggi sul Foglio criticando i grillini guidati da Pizzarotti appena eletti a Parma: «Le parti che ho letto del programma elettorale del Movimento 5 stelle di Parma mi sembrano confuse e in larga parte incomprensibili, e il fatto che i suoi rappresentanti siano facce nuove, per così dire, non è, per me, una garanzia del fatto che siano bravi. Potrebbero essere nuovi e pessimi, potrebbero essere onesti, e pessimi, la cosa interessante adesso è vedere quello che saranno capaci di fare, ho detto».

Tralasciando le «critiche ecologiche» che Nori rivolge ai grillini – «se l’inceneritore non si fa ci sarà un giro di rifiuti che produce, oltre a (trascurabili) costi più alti, sicuramente più inquinamento (tutti i camion e tutte le navi che dovranno girare da Parma all’Olanda prima di arrivare, tra cinque anni?, tra dieci anni?, all’auspicabilissimo traguardo dei rifiuti zero)» – sembra di buon senso «stare a vedere quello che saranno capaci di fare».

Ma questo è un criterio che i grillini rifiutano. Uno dei punti del programma di Pizzarotti è trasmettere in diretta tutti i Consigli comunali in modo che i cittadini possano verificare tutto ciò che viene detto e deciso. Il neosindaco di Parma lo propone nel sacro nome della trasparenza, ma se bisogna perdere tempo a controllare tutto quello che fanno i politici, e svolgere così il lavoro al posto loro, allora tanto vale non delegare loro nessun potere. Ma come spiega ancora Nori sul Foglio, questa è un’idea che non sfiora neanche i grillini: secondo loro «non dovrebbero dimostrare niente, non dovrebbero rendere conto di niente, dovrebbero solo fornirci la struttura e poi saremmo noi a dover lavorare. Perché c’è qualcosa che non mi torna? È un’antipatia viscerale che mi impedisce di vedere le magnifiche sorti e progressive della politica che viene dal basso, o sono questi signori che, per quanto gentilissimi, nuovissimi e, presumibilmente, onestissimi se la cantano e se la suonano in modo che loro, senza dovere fare niente, senza dovere essere capaci di fare niente, sono comunque i più bravi non si capisce sulla base di cosa?». Potremmo stabilirlo con un referendum popolare propositivo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi