Google+

Ora il Pd pretende un «risarcimento collettivo» dai magistrati che «deviano il corso della politica»

giugno 23, 2016 Redazione

Dopo l’assoluzione definitiva dell’ex governatore emiliano Errani è scontro frontale tra sinistra e pm. Sfogo del sindaco di Bologna Merola: «Non me la sento di fare il tartufo»

>>>ANSA/ANNO GIUDIZIARIO: NAPOLITANO, NON ESACERBARE SCONTRO

Oggi su Repubblica compare un articolo che avrà fatto sobbalzare sulla sedia tutti quelli che negli ultimi venticinque non hanno voluto chiudere gli occhi di fronte alle invasioni del campo politico da parte della magistratura. «La questione magistratura-politica si apre anche a sinistra», scrive chiaro e tondo Michele Smargiassi sul quotidiano romano. Secondo Repubblica, «per rompere il tabù» che ha sempre visto il Pd schierarsi compatto “dalla parte della giustizia” (almeno finché nel mirino delle toghe c’erano quasi sempre solo gli avversari), ci sono voluti «i quattro anni di inutile calvario di un leader storico come Errani (che è ex perché si dimise dopo la prima condanna)». L’ex governatore dell’Emilia-Romagna infatti due giorni fa si è visto riconoscere «l’assoluzione finale (dopo quattro processi)».

LA CAUSA DELL’ASTENSIONE. L’esito politico del combinato disposto di inchieste giudiziarie, gogna mediatica e processi finiti nel nulla, Smargiassi lo riassume così: «Dimissioni, elezioni anticipate, crollo drammatico dell’affluenza al voto anche per reazione a un’altra inchiesta clamorosa: “Spese pazze”, gli scontrini ritenuti anomali di 41 consiglieri regionali, una “viaggiopoli” che riempì i giornali e svuotò la fiducia dei cittadini: ma anche quella si risolse quasi in nulla (ad oggi solo quattro condanne e una dozzina di assoluzioni)».

UN TEMA ENORME. Se però Repubblica non sembra intenzionata a utilizzare questa efficace sintesi per elaborare una pur minima forma di autocritica rispetto alla sua storica linea giustizialista, ci ha pensato il sindaco di Bologna Virginio Merola a trarre le conclusioni. «Errani non lo avrebbe mai detto, lo dico io: c’è un tema grande come una casa che riguarda i rapporti tra politica e pm», ha detto il primo cittadino del capoluogo emiliano, democratico doc appena riconfermato alla guida del Comune. «Errani ha servito le istituzioni con disciplina e onore. Qualcuno dovrebbe riflettere sul fatto, che tutto questo ha portato alle elezioni anticipate in Regione su un fatto che non sussiste».

«RESPONSABILITÀ CIVILE». Ma la critica di Merola non si è fermata qui, si è spinta molto oltre, travolgendo tra l’altro, forse involontariamente, anche la (mezza) riforma della responsabilità civile dei magistrati tanto sbandierata dal governo del “suo” Matteo Renzi: «Occorre che sulla responsabilità dei magistrati ci diamo normative adeguate a un paese civile: bisogna andare avanti sulla riforma della giustizia di cui si sta occupando il ministro Orlando. Quello che è successo è sotto gli occhi di tutti». Poi Merola ha ricordato  che «a Bologna c’è un caso da chiudere in fretta», ovvero la mancanza da oltre un anno di un capo in procura: «Deve arrivare un procuratore, perché è evidente a tutti noi che manca una guida».

CHI PAGA? Addirittura il sindaco di Bologna pretende un «risarcimento collettivo». «Io non incolpo nessuno», ha detto, «tutti hanno fatto il loro mestiere. La magistratura deve essere autonoma e indipendente, ma se c’è una responsabilità che riguarda i dirigenti di qualsiasi amministrazione pubblica, che riguarda il codice civile per tutti quelli che hanno compiti di direzione e se ogni cittadino risponde del suo operato, io credo che almeno nei termini di un risarcimento collettivo un segnale vada dato. Ci sono state le spese pazze, ma si è andati a elezioni anticipate perché Errani è stato rinviato a giudizio. Su questo non me la sento di fare il tartufo».

«PORSI QUALCHE QUESITO». Del resto, aggiunge Repubblica, lo stesso Errani, pur mantenendosi più distaccato, ha osservato che «forse» il procedimento contro di lui «non si doveva aprire». Invece è stato aperto eccome, e secondo Smargiassi «deviò il corso della politica emiliana». Resosi conto di questo, il Pd locale si sta dividendo: «La corrente dei “procurini” è forte», spiega Smargiassi, ma «un’altra parte mal sopporta quelle che ritiene invasioni di campo». «Credo che il sistema giudiziario italiano si debba porre qualche quesito», ha commentato per esempio la presidente del Consiglio regionale Simonetta Saliera.

«EFFETTO IRREVERSIBILE». Non che in passato non ci siano state altre inchieste giudiziarie nei confronti di importanti esponenti politici emiliani: Repubblica elenca indagini e processi su Flavio Delbono, Giorgio Guazzaloca, sullo stesso Merola e la sua assessora Amelia Frascaroli. Ma come sanno i nostri lettori, è con il coinvolgimento nel dossier sulle note spese del successore di Errani, Stefano Bonaccini, che il Pd sembra essersi accorto per la prima volta che certe azioni giudiziarie possono «deviare il corso della politica», per dirla con Repubblica. Quando Bonaccini fu indagato, scrive Smargiassi, «non volle rinunciare alle primarie Pd», e «fece bene perché fu prosciolto in tempo. Ma il suo rivale Matteo Richetti fu tenuto sulla griglia fino a che scelse di ritirarsi, per poi essere anche lui, troppo tardi, assolto». E qui il quotidiano aggiunge una chiosa quasi incredibile, dopo quasi tre decenni di giustizialismo indefesso: «Tante inchieste che si sgonfiano in un “non sussiste”, ma l’effetto politico è irreversibile».

LO SCOPO DELLA GIUSTIZIA. Ovviamente l’Anm, il sindacato unico dei magistrati, ha subito respinto le «affermazioni irrispettose» di Virginio Merola e si è affrettato a giustificare l’opera dei magistrati con la solita obbligatorietà dell’azione penale: «Quel processo non poteva non essere fatto, e nella Procura di Bologna non c’è alcun vuoto di potere». Ma a rendere questa vicenda davvero memorabile è di nuovo Repubblica, con un finale di articolo da segnarsi da qualche parte: «C’è chi [nel Pd] non scorda una dichiarazione del pm Valter Giovannini quando sfumò l’inchiesta sul tram Civis: “Da cittadino mi chiedo se, senza l’inchiesta penale, ci si sarebbe accorti di quei problemi tecnici che hanno poi indotto l’amministrazione ad abbandonare il progetto”». Ed ecco il capolavoro di Smargiassi: «Un’indagine penale, ci si chiede, deve accertare reati o mettere in discussione scelte amministrative?».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. giulia scrive:

    Il PD raccoglie solo ciò che ha seminato e fra un po’ la farà pure il M5S

  2. Carlo scrive:

    Io sono solo contento che si ampli la platea di coloro che hanno capito che in Italia esiste una vera e grande CASTA, la prima di tutte le caste: LA CASTA DEI MAGISTRATI.
    Infatti cosa è una casta se non il gruppo di soggetti che possono fare tutto ciò che vogliono (fodatamente o, più spesso, infondatamente) senza rischiare mai nulla, senza che nessuno possa metterli in discussione.
    La prima casta è dunque quella dei magistrati, la seconda – scusate – è quella dei giornalisti. I politici sono solo la terza casta in quanto le prime 2 caste possono impunemente martellarli senza pudore (e con tanto opportunismo politico), tanto basterà per le prime 2 caste un marginale “non sussiste” o “assoluzione” piuttosto che un trafiletto in ventesima pagina per lavarsi la coscienza e lasciare un certo numero di persone oneste che hanno scelta la politica come servizio (non sono certo tutte così) rovinate, derubate e demotivate.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana