Google+

Da Ferrara a Spirlì. L’antagonismo laico alla legge sull’omofobia

agosto 4, 2013 Francesco Amicone

Ferrara, Battista, Veneziani, Sozzani. C’è addirittura un magistrato e perfino lo scrittore omosessuale Nino Spirlì. Ecco perché dicono no alla legge antiomofobia

A cosa serve una legge sull’omofobia? Mentre una parte dell’opinione pubblica si schiera a favore della proposta legislativa firmata da Ivan Scalfarotto (Pd) e sponsorizzata da parte del centrodestra, ne esiste un’altra che vi si oppone, consapevole che la norma che sta per essere approvata alla Camera, combatterà non la violenza, ma le opinioni sull’omosessualità.

Di questa minoranza, trasversale, fanno parte anche omosessuali dichiarati, come Nino Spirlì, scrittore e giornalista, che sul Giornale, il 26 luglio, ne denuncia gli esiti nefasti. «Che mi succederà, fra qualche giorno, se mi autodefinirò, come faccio da anni, ricchione?», si chiede il giornalista, «Mi arresteranno? E cosa ne sarà della mia adorata autobiografia Diario di una vecchia checca? Sarà ritirata dalle librerie e bruciata in piazza davanti alle scolaresche e ai gruppi scout?». Spirlì si scaglia contro la nuova legge, non solo perché limita la libertà di espressione anche ai «froci di sempre», ma perché rinchiuderà gli omosessuali in un ghetto, trasformandoli in «un altro tipo di minoranza: gli Intoccabili. Ricchioni e Intoccabili».

Altra voce non sospetta è quella di Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia, che, nell’editoriale del 23 luglio, dichiara che il ddl prossimo al voto è il risultato «della sudditanza culturale di troppi ai velleitari editti di quel politically correct che qualcuno vuole instaurare come religione di Stato». «Sarebbe un ironico modo di commemorare i 1.700 anni dell’Editto di Costantino», prosegue Sozzani, «quello di approvare una legge che mandi in carcere dei cristiani in quanto tali». Una legge che, ricorda il direttore di Vogue, «addirittura si spinge a punire la mera appartenenza a qualsiasi organizzazione che affermi la peccaminosità dei rapporti sessuali con persone dello stesso sesso».

Ma cosa ne pensano i liberali d’antan? L’editorialista del Corriere della Sera, Pierluigi Battista, su twitter osserva il paradosso della battaglia parlamentare contro l’omofobia: «Invece di abolire i reati d’opinione, se ne introducono di nuovi».

Marcello Veneziani, sul Giornale del 24 luglio, individua due ragioni per essere contro la legge. La prima «è che quando si introduce un reato d’opinione, come è il caso di questa legge», oltre a restringere la sfera della libertà, della democrazia e del diritto, «si introduce un pericoloso germe ideologico nella giurisprudenza». Per un liberale «anche le opinioni peggiori vanno combattute con le opinioni e non a colpi di galera». Inoltre «se si colpiscono penalmente i reati d’opinione, si entra in una brutta spirale che è l’anticamera del dispotismo». «La seconda ragione», spiega Veneziani, «è che quando si introduce per lo stesso reato una pena più grave per alcune categorie protette anziché per altre, si ferisce l’universalità delle norme e il principio della legge uguale per tutti». «Perché ci dev’essere una norma speciale a tutela degli omosessuali», si chiede il giornalista, «e non degli anziani, dei malati, dei credenti in Cristo o degli indigenti?».

Su Libero, anche un magistrato, Pino Morandini, il 26 luglio, ha attaccato la proposta di Scalfarotto. Che ne sarebbe di Platone, Seneca, Kant, «pensatori né cristiani né tantomeno cattolici», se il Parlamento approvasse la legge sull’omofobia? «Che ne sarà di Platone, che relega “l’omosessualità maschile e femminile” fra le “perversioni che sono responsabili di incalcolabili sciagure, non solo per la vita privata dei singoli, ma anche per l’intera società” (Leggi, 836, B)?». E di «Seneca, che tesse le lodi dell’amore sponsale contrapponendolo ad altre unioni» che il filosofo romano riteneva «contro natura» (Cfr. Epistulae ad Lucillium, 116, 5; 123, 15)? E di «Kant che, in Metafisica dei costumi è fortemente critico verso l’omosessualità?». «Che ne sarà di costoro? Potranno essere ancora studiati», prosegue Morandini, «oppure chi sarà sorpreso con libri loro in possesso magari quelli ricordati, in cui sono contenute esplicitamente “idee fondate sulla superiorità”, rischierà» la reclusione fino a quattro anni (sei, se si è capo di un’organizzazione), come prevede la legge sull’omofobia?». Il magistrato sottolinea come omosessuali e transessuali siano «titolari di tutti i diritti spettanti alla persona». Per quale ragione, si chiede, bisogna introdurre «una tutela inutilmente rafforzata»?

Buon senso contro bigotteria
Morandini si sofferma ancora sugli esiti della legge sull’omofobia che «per coloro che manifestano “idee fondate sulla superiorità” e ritenute lesive “dell’identità sessuale”, prevede» la reclusione da quattro a sei anni: «Non è forse alto il rischio che si incorra in procedimenti penali a fronte di qualsivoglia giudizio critico verso determinati orientamenti sessuali?». Non sarebbe meglio, conclude il magistrato, lasciare intatta la libertà di espressione «sul significato antropologico della definizione fra i sessi; sull’etica della sessualità e sulle conseguenze giuridiche derivanti dalla presenza di relazioni diverse dal matrimonio quale rapporto riconosciuto giuridicamente tra un uomo e una donna?».
Giulio Meotti, giornalista del Foglio, definisce invece la legge con una sola parola: «schifosa». «La gente che dissentirà da ciò che sta rapidamente diventando ortodossia nella questione dei “diritti dei gay” verrà regolarmente accusata di “omofobia”», scrive Meotti sul suo blog, il 26 luglio. «Anche un vecchio romanzo libertino e ottocentesco potrà essere accusato di omofobia, se dovesse lasciar intendere che un bambino ha bisogno di un padre e di una madre». «Simili leggi», spiega il giornalista del Foglio, «non sono fatte per proteggere gli individui dall’intolleranza becera e spicciola, ma per imporre un nuovo dogma odioso e totalitario». Opporsi alla legge sull’omofobia, conclude, «non è bigotteria, ma buon senso laico, gioia di vivere, allegria. Contro i cupi cultori di una società mortificata».
E ancora. In un editoriale del 23 luglio, il Foglio si chiede se «sarà ancora possibile dire che non si è d’accordo con i matrimoni gay o sarà “istigazione all’odio per motivi di orientamento sessuale”» e «se diventerà reato dichiararsi contrari alle adozioni per le coppie omosessuali». «Nell’illustrare la necessità della legge», ricorda il giornale diretto da Giuliano Ferrara, «Scalfarotto ha scritto sul suo blog che “colpisce, rendendole reato, condotte molto specifiche”, ovvero “la propaganda (e non la mera diffusione) di idee fondate sull’odio” o “l’istigazione (e non il mero incitamento) alla discriminazione”». «Appunto», commenta il Foglio, «chi stabilirà il confine tra propaganda e diffusione, tra istigazione e incitamento?». «La nuova normativa non ha lo scopo di sanzionare abusi e violenze in nome di atteggiamenti discriminatori – fatti contro i quali già esistono leggi efficaci – ma di introdurre punizioni esemplari per meri reati d’opinione». «Da modulare, sapendo come vanno le cose, a seconda di chi sarà sul banco degli imputati». Conclusione: «Non è necessario un grande sforzo di fantasia per immaginare che quella spada di Damocle penderà soprattutto sulla testa dei cattolici». 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Giovanni scrive:

    Sono laici di destra che dicono le stesse cose dei cattolici di destra. Ci sono cattolici di sinistra che dicono il contrario insieme ai laici di sinistra. Insomma la discriminante e’ se sei di destra o di sinistra, se sei cattolico o no non conta nulla. Un punto di vista cattolico autonomo in Italia non esiste.

    • michele scrive:

      Nulla di quanto dice la destra lo considero sensato.
      Questa proposta di legge e’ pero’ sbagliata e insensata.
      Un cattolico e punto.
      Caro Giovanni “sotuttoio”.

    • MF scrive:

      Anche nel PDL, purtroppo ci sono “schegge impazzite” e da suo (ex?) elettore non mi sento più rappresentato da questo partito, che non mi pare abbia gli attributi per isolare questi individui.
      Bisognerebbe rifondare un partito cattolico!! Ma chi si prende la briga di farlo, oggi?

      • Antony scrive:

        Anch’io sono del parere che i cattolici sparsi in vari partiti non servono a nulla, anzi, nella maggior parte vengono assorbiti da mentalità corrotte,( per mantenere la poltrona questo ed altro)

  2. Cisco scrive:

    Gli apologeti di Scalfarotto riscriveranno i liberi di storia, Platone sarà condannato come fanno i musulmani con Dante. Personalmente penso che ci divertiremo un sacco.

    • bah scrive:

      …personalmente, non mi diverte affatto catapultare i miei figli in questa società.

      • beppe scrive:

        c’è proprio poco da stare allegri, neanche pensando al nome di scalfarotto, il peggior mix possibile tra scalfari, scalfaro e c..o rotto.

  3. Alessio Mameli scrive:

    Nessuno manderebbe in galera i cristiani in quanto tali, ma solo coloro che continuassero a dire idiozie sull’omosessualità, pensando di potersi legittimare con la libertà religiosa. Inoltre, ciò che conta per la Chiesa non deve contare necessariamente anche per il resto della Società e non va mai confusa la Natura con la Morale.

    Nell’articolo di “Tempi” citato da Nunzio Santarcangelo, viene attribuito alla direttrice di Vogue Italia un pensiero che lei ha solo citato, per criticarlo, ma che appartiene a un senatore della Lega Nord.

    Ecco l’editoriale del direttore di Vogue, Franca Sozzani, la quale si dice, giustamente, sconcertata delle parole di Lucio Malan.

    ____

    Il ministro Franceschini ha affermato che: “Una legge che contrasti l’omofobia non c’entra nulla con i temi etici, riguarda il codice penale e l’introduzione di norme efficaci, che da troppo tempo attendono un’approvazione, è urgente e non più rinviabile”.

    Il senatore Lucio Malan afferma invece:

    “A quanto pare, una legge che con il pretesto dell’omofobia limita gravemente la libertà di istruzione e di educazione, è una priorità per autorevoli esponenti del Pd e Sc.Il testo in discussione alla Camera infatti, oltre a introdurre l’aggravante per reati motivati dall’orientamento sessuale – cosa discutibile ma accettabile – punisce con la reclusione chiunque affermi che un certo orientamento sessuale è preferibile ad altri. Addirittura si spinge a punire la mera appartenenza a qualsiasi organizzazione che affermi la peccaminosità dei rapporti sessuali con persone dello stesso sesso. Una legge meno aggressiva di questa ha già portato in Inghilterra all’arresto di diversi attivisti cristiani anche se hanno sempre sottolineato il rispetto per le persone accanto alla condanna della pratica. Sarebbe un ironico modo di commemorare i 1700 anni dell’Editto di Costantino quello di approvare una legge che mandi in carcere dei cristiani in quanto tali. Sono i risultati della sudditanza culturale di troppi ai velleitari editti di quel politically correct che qualcuno vuole instaurare come religione di Stato. E’ davvero stupefacente, in particolare, la presa di posizione del ministro Franceschini, il cui programma di governo non includeva certo aberrazioni di questo genere”.

    A voi di commentare. Io non ho più parole!!!

    @francasozzani
    Franca Sozzani

    http://www.vogue.it/magazine/blog-del-direttore/2013/07/23-luglio

  4. priva2 scrive:

    Segnalo unarticolo a favore della legge Scafarotto, su http://lettura.corriere.it/debates/la-lingua-batte-dove-la-politica-vuole/

    cito dal testo: “le parole possono curare (lo sappiamo dalla psicanalisi) e perdere la loro carica dolorosa, oppure offensiva o discriminante. Come è sparita dall’uso comune «matrigna», per definire la donna che prende il posto della figura materna; come sono scomparsi «nullafacente » per disoccupato, «vucumprà» per ambulante extracomunitario, «zitella» per la donna nubile, «mongoloide» o «storpio» per il diversamente abile, così possiamo liberarci di «invertito», «pervertito» o «frocio», senza preoccuparci troppo se, al riguardo, le Sacre Scritture parlano di «grave depravazione».”

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

KTM rivoluziona il mondo dei motori a 2 tempi con l'introduzione dell'iniezione sui modelli Enduro competition per il 2018. Le abbiamo provate scoprendo che il 2T ha ancora davvero molto da dire.

L'articolo Prova KTM EXC TPI 2018 proviene da RED Live.

PRONTI A PARTIRE Arriva l’estate e per molti viene il momento di fare finalmente qualche viaggio con la moto del cuore, spesso usata durante l’anno solo per il tragitto casa-ufficio o poco più. Un fine settimana, magari, o anche una vera e propria vacanza, che ha tutti i presupposti per restare memorabile. Spostarsi su due […]

L'articolo 10 consigli per i viaggi in moto proviene da RED Live.

Dopo aver debuttato sulle sorelle/gemelle arancio, il motore 2 tempi sbarca anche sulla gamma enduro Husqvarna 2018

L'articolo Gamma enduro Husqvarna 2018 proviene da RED Live.

Dopo aver visto lo stupendo Cento10Air Ramato guidato da Pippo Pozzato al Giro del centenario, mi sono ancor più convinto che non occorre guardare oltre l’Oceano per ritrovarsi a sbavare su una bicicletta. Wilier è uno di quei marchi che sta lavorando bene, assai, e il grande successo che riscuote anche oltre i nostri confini, a parte […]

L'articolo Prova Wilier Triestina Cento10Air proviene da RED Live.

Basata sul medesimo pianale della Ibiza, la nuova SUV compatta spagnola può contare su di una generosa capacità di carico oltre che su ricche dotazioni multimediali e di sicurezza. Prezzi da circa 16.000 euro e trazione esclusivamente anteriore.

L'articolo Seat Arona: fatemi spazio proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana