Google+

Oltre i Masaniello ma anche oltre le élite

febbraio 13, 2017 Carlo Lottieri

Il primo errore è fare di tutti i demagoghi un fascio. È la logica con cui un ceto politico in declino si scava la fossa invece di cogliere l’occasione per cambiare

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

La categoria del populismo ha in sé qualcosa di sfuggente. Non è facile, in effetti, raggruppare in un medesimo orientamento figure assai diverse come Marine Le Pen, Donald Trump, Nigel Farage, Pablo Iglesias e Beppe Grillo… Questa formula è venuta però ad affermarsi nel momento in cui si è allargata la distanza tra il cittadino qualunque e le istituzioni.

Nella loro propaganda i movimenti detti populisti tendono a opporre la società civile e l’establishment. Quello che Pier Paolo Pasolini chiamò “il Palazzo” è un facile bersaglio per quanti si fanno interpreti del senso comune, dando voce a profonde frustrazioni. Dopo una crescente espansione dei poteri pubblici (che hanno monopolizzato scuola, sanità, pensioni, banche eccetera), chi si candida a dare voce al popolo oggi ha successo: anche in considerazione del fatto che il quadro generale è dominato da inquietudini e paure.

In un certo senso, i nodi stanno venendo al pettine. Quando il ceto politico – quella che è stata ribattezzata “la Casta” – controlla più della metà delle risorse prodotte e quando in tal modo soffoca la libera iniziativa di imprese, individui e comunità, la crisi è inevitabile. Ed è su questo dissesto che la nuova politica sta costruendo la sua fortuna. Il problema non è comunque nella semplice contrapposizione tra élite chiuse nei loro ristretti circoli e movimenti volti a interpretare opinioni diffuse. Se il populismo fosse solo questo, sarebbe da salutare con soddisfazione: quale occasione per un rinnovamento delle istituzioni.

Il rischio della fase che stiamo vivendo, però, è legato al sovrapporsi dello sfascio complessivo dei regimi attuali e dell’emergere di gravi difficoltà (economiche e non solo). In tale situazione, infatti, è comprensibile che si affermino prospettive irrazionali – si pensi al sovranismo e pure al rigetto della globalizzazione in nome una nuova autarchia (come se la lezione di David Ricardo fosse passata invano) – e che da una crisi generata da una progressiva divinizzazione dello Stato si voglia uscire grazie a un rafforzamento dello Stato medesimo.

In questi tempi difficili, allora, è bene cercare di tenere fermi alcuni princìpi (a partire dal primato della persona) e la capacità di ragionare e dialogare. Per respingere l’irrazionalità demagogica dei nuovi Masaniello è quindi opportuno distinguere caso da caso, rifiutando la logica delle élite in declino, per le quali Farage, Le Pen e Trump sono la stessa cosa. Non è così e ogni fenomeno va valutato diversamente.

Più realtà, meno dogmi
La Brexit, ad esempio, potrebbe rivelarsi assai più positiva di quanto non si creda se, avendo impedito un’unificazione politico-tecnocratica del Vecchio Continente, dovesse permettere il ritorno a un’Europa delle libertà individuali e degli scambi culturali. Anche lo slogan trumpiano “America first”, se non servirà soltanto a promuovere politiche commerciali autolesionistiche, potrebbe produrre buoni effetti qualora servisse a ridurre la presenza degli Stati Uniti in molti teatri di guerra. E ugualmente positivo sarebbe il populistico successo di rivendicazioni territoriali (a partire dalla Catalogna) che conducano al superamento dello Stato nazionale.
Ciò che vi è di pericoloso nel populismo, allora, lo si inizia a sconfiggere guardando la realtà fuori da schemi dogmatici. Riuscendo a relativizzare anche quanto vi è di ideologico nella demonizzazione stessa del populismo.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

Fra dieci anni la Formula 1 sarà così. Autonoma? Elettrica? Impersonale? Nulla di tutto questo. Le monoposto di domani (ri)metteranno l’uomo al centro della scena. Ponendogli sotto il sedere quasi 1.400 cv. Parola di Renault che, con la concept R.S. 2027 Vision, svela l’orizzonte della massima serie dell’automobilismo sportivo. Abitacolo chiuso e casco trasparente Svelata […]

L'articolo Renault R.S. 2027 Vision: la Formula 1 del futuro proviene da RED Live.

Metti una mattina uggiosa, lo sguardo un po’ assonato che si posa sul nuovo Honda X-ADV parcheggiato in cortile e i contorni delle immagini che lentamente sfumano. Ecco che all’improvviso l’asfalto urbano muta in sterrato, lo skyline cittadino cede il posto alla vegetazione rigogliosa e alle spiagge dorate della Sardegna, mentre il completo elegante si trasforma in quello da […]

L'articolo Honda X-ADV, tra città e sterrato con Mariano Di Vaio proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana