Google+

Obama accontenta tutte le anime democratiche. Così le scontenta tutte

settembre 7, 2012 Benedetta Frigerio

Intervista a Christian Rocca, inviato del Sole 24 Ore, alla Convention democratica. «L’immagine dell’Obama sognatore e rivoluzionario non risponde pienamente al suo operato»

Si dice che l’ex presidente statunitense Bill Clinton abbia messo in ombra le parti più a sinistra del partito democratico durante questi giorni di convention a Charlotte. «Se è vero che l’ex presidente è servito a parlare alla middle class bianca, che sente Obama distante, a giudicare dai fatti è vero il contrario: Clinton è molto più a sinistra di Obama», spiega a tempi.it Christian Rocca, inviato del Sole 24 Ore e direttore di IL. «L’immagine dell’Obama sognatore e rivoluzionario, che piace ai giovani e agli intellettuali, in realtà non risponde pienamente al suo operato. Ad esempio, quella che propose Clinton era una riforma sanitaria realmente statalista, che non riuscì mai a passare perché in netto contrasto con tutta la struttura sanitaria tradizionale. L’“Obamacare” è una riforma molto più soft: dà copertura gratuita a pochi e costringe tutti gli americani a stipulare una polizza, accontentando così le compagnie assicurative».

LE SCARPE DI OBAMA. Obama tiene i piedi in troppe scarpe. «La Convention democratica è stata l’espressione delle mille anime del partito che Obama ha cercato di accontentare in questi quattro anni. Ha fatto parlare lo sceriffo di Wall Street, Elizabeth Warren, che piace al movimento Occupy Wall Street, per poi accogliere i moderati nelle braccia di Clinton». Il presidente in calo nei sondaggi ha provato ad accusare i repubblicani di non collaborare. «Il problema è che di queste anime nessuna è pienamente soddisfatta. La lobby Lgbt non lo è fino in fondo, anche se il presidente l’ha riavvicinata a sé con il sostegno al matrimonio omosessuale. Se poi la sinistra più statalista ha spinto per la riforma sanitaria, comunque giudica il risultato un compromesso non sufficiente».

C’è poi insoddisfazione per la mancata chiusura di Guantanamo e per una politica estera in parte simile a quella di Bush. «Per questo Joe Biden – ciosa Rocca – ha cercato di rimediare parlando della chiusura della guerra in Iraq e della morte di Osama Bin Laden». Nello stesso tempo, per non offendere i democratici più interventisti, «John Kerry è comparso per ricucire con gli ebrei e ribadire l’alleanza con Israele, ma non ha presentato nessun significativo piano di politica estera».

IMBARAZZATI DA DIO. A mostrare le diversità che imbarazzano il partito è stato anche il braccio di ferro tra chi voleva reinserire un riferimento a Dio e a Gerusalemme nella piattaforma del partito e chi lo aveva tolto. E tra chi ha chiesto la benedizione del capo dei vescovi cattolici, Timothy Dolan, e i democratici ultrasecolarizzati. Si potrà pur dire che Obama ha fatto quello che Clinton non è riuscito a fare, ma realizzandolo solo a metà, accontentando tutti e nessuno fino in fondo. «È questa la debolezza della sua leadership».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. AgainstEmbeddedJournalism scrive:

    All’epoca della guerra criminale in Iraq, Rocca propagandava in Italia le veline dell’Iraq Group di Rove e Cheney. Inoltre frequentava gli uffici del Sismi di Pollari e Pompa. Di un “giornalista”siffatto non mi fido per niente. Nè mi stupisco che abbia fatto carriera.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana