Google+

Nel giorno in cui si vota sul suicidio assistito, il “Veronesi inglese” parla di eutanasia. Ma lui teme gli «squadroni della morte»

luglio 18, 2014 Redazione

Oggi il Parlamento inglese deciderà se approvare o meno il suicidio assistito. E Karol Sikora, il più famoso oncologo del paese, si dice decisamente contrario. Una bella differenza col nostro Veronesi

Oggi il Parlamento inglese voterà la legge sul suicidio assistito, sulla quale i principali attori politici si sono divisi tra chi spinge per l’approvazione e chi frena. Le ultime dichiarazioni in ordine di tempo sono state quelle del ministro della Salute, Norman Lamb, che, visto come tira il vento, è passato da una ferma opposizione alla legge a un sostegno incondizionato.

«AUTOESTINZIONE DELLA SPECIE». «Ho pensato: “Posso davvero giustificare la posizione che tenevo in passato?”. Alla fine devi porti la domanda su chi dovrebbe decidere [sulla propria morte]. Devo decidere io, qualcun altro o lo Stato? In fondo penso che sia una decisione molto personale», ha dichiarato il ministro. Sorpreso o meno dalla giravolta, il premier David Cameron si è detto «non convinto» dalla legge e ha dichiarato di essere preoccupato: «Se passa, la gente potrebbe essere spinta a fare cose che in realtà non desidera».
Anche il sindaco di Londra Boris Johnson, pur non opponendosi all’approvazione della legge, ha espresso i suoi timori: «Legalizzare la morte assistita è come dire che lo Stato approva l’autoestinzione della specie».

«SQUADRONI DELLA MORTE». Chi invece ha criticato fortemente la legge è uno degli oncologi più famosi del Regno Unito, il professore Karol Sikora, che alla Bbc ha dichiarato ieri: «Se la legge viene approvata, i dottori dovranno decidere della morte dei pazienti, trasformandosi in squadroni della morte, che non c’entra proprio niente con l’offerta di un buon servizio sanitario».

LA “CIVILTÀ” DI VERONESI. C’è una bella differenza tra il professor Sikora e uno degli oncologi più famosi in Italia, Umberto Veronesi, che è intervenuto nei giorni a scorsi a Milano a un evento promosso dall’associazione Luca Coscioni: «Vogliamo essere in prima linea in Europa con la legge sull’eutanasia: è una legge che dà la garanzia alle persone di scegliere consapevolmente come andarsene». Per Veronesi bisogna dare «al paziente la libertà di autodeterminarsi e di decidere per sé», costringendo però un dottore a fare «una iniezione che, in modo indolore, porta alla morte. Ma non è solo un’iniezione: è una scelta consapevole del paziente, e una legge che regolamenti questa pratica è un segno del progresso e del livello di civiltà di una società». La civiltà, per dirla con Sikora, degli «squadroni della morte».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. mike says:

    i signori johnson e sikora e anche addirittura cameron hanno detto cose sensate. soprattutto johnson sull’autoestinzione della specie. in fondo i poteri forti questo vogliono. gli inglesi fra divertimento aborto lavoro precario e quant’altro sono poco prolifici. basta che gli si metta in testa di togliersi di torno (leggere la dichiarazione di cameron) che così si spopola ancor più e prima la gran Bretagna. dopo restano i musulmani o quantomeno diventano maggioranza. e addio Inghilterra cristiana. e così facendo anche in europa ci spopoleremo. di certo in belgio ed olanda sono anche più “avanti” nel processo di distruzione della civiltà europea di matrice cristiana.

  2. filomena says:

    In primo luogo non tutti quelli che non sono mussulmani automaticamente sono cristiani. La maggioranza della popolazione e non solo in Inghilterra non é credente o considera la religione marginale rispetto alle decisioni che riguardano la propria vita. L’idea poi dell’estinzione della specie dovuta al libero arbitrio delle persone é un delirio vero e proprio come dimostrano i Paesi dove é stata introdotta l’eutanasia, ma anche tutti gli altri diritti civili che coinvolgono la vita delle persone e che continuano ad essere molto popolosi e laici.

    • beppe says:

      filo, ti auguro di vivere tanto a lungo da vedere la completa realizzazione del tuo paradiso post-cristiano. e che tu possa godere la tua serena vecchiaia da sciava dell’islam. ma tu avrai già fatto la tua BELLA PROFESSIONE DI FEDE, come direbbe san paolo.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi