Google+

Neanche gli spaccavetrine si meritano la sommarietà con cui trattano Cl

febbraio 7, 2012 Luigi Amicone

A parte il ridicolo compitino di Sette, è tutto serio. Serio l’attacco a Formigoni. Serio che L’Espresso parli di gente con nome e cognome come “Cl”, così come negli anni ’70 Cl era «pagata dalla Cia».

Anticipiamo l’editoriale che sarà pubblicato sul numero 05/2012 di Tempi, in edicola da giovedì.

Chissà perché quelli di Cl non sono ancora rappresentati con la croce gialla cucita sul petto. Franco Monaco, che è un deputato bindiano intimo del cardinal Martini, sembra augurarselo dalle colonne di Repubblica. L’occasione è ghiotta: il nuovo cardinale e arcivescovo di Milano, Angelo Scola, che, consapevole di «darmi la zappa sui piedi», in un incontro con i giornalisti milanesi si è sentito in dovere di precisare che, pur essendo stato allievo di don Giussani, egli adesso non ha più nulla a che fare con quel movimento. Tanto meno con le eventuali “marachelle” di qualche suo aderente. Questa “presa di distanza” è spiegabile anche per i “segnali” che vengono da compitini sbagliati e ricicciati di cui abbiamo già scritto la settimana scorsa. Compitini, come quello di Sette, la cui attendibilità è già nella black list dei vescovi messi in quota Cl (uno è morto nel 1995) e nei titoli: “Comunione e Liberazione vanta una rete di 36 mila aziende per un giro d’affari di 70 miliardi” (l’articolo poi si corregge – in peggio – addebitando giro e affari alla Compagnia delle Opere, la quale però è un’associazione di imprese: è come scrivere che “Confindustria è una multinazionale”).

Detto ciò, è tutto serio. Serio l’attacco politico a Roberto Formigoni. Serio che L’Espresso legga carte d’inchiesta riguardanti persone con nomi e cognomi come “Cl”, così come negli anni Settanta scriveva che «Cl è pagata dalla Cia». Serio che non si arrivi nemmeno più a ricordare, come rispose don Carrón al Cazzullo inquisitorio, che la responsabilità dei propri atti è personale, e nessuno, neanche la buona stampa pisapiana, dovrebbe permettersi di criminalizzare un intero movimento. E poi, che strane cose accadono: chi sfascia tutto ha diritto a giudizi e giudici comprensivi. Chi costruisce quel poco di buono che resta in Italia, è un paria.
Twitter: @LuigiAmicone

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. david scrive:

    Tra i complici della casta che vuole il nuovo ordine mondiale ci sono Lupi, Formigoni e Mauro. Sempre a dire “non condividiamo le manovre di Monti ma non possiamo andare a elezioni… per il bene dell’Italia…”. Non hanno coraggio! Non staccheranno mai la spina a Monti e a Berlusconi. E intanto leggiamo e leggeremo le loro critiche all’attuale governo e leggiamo i romanzi di Lupi e Alfano (che scrivono perchè non sanno fare di meglio per il BENE COMUNE DEL POPOLO!!!).

  2. de carolis filippo scrive:

    sono d’accordo con Amicone, a noi manca solo il famigerato triangolo giallo tipico di un’era tragica passata,del resto i salotti buoni che comandano non hanno mai avuto simpatia per noi ciellini.

  3. david scrive:

    … ma quando gli indagati sono altri o chi protesta non è ciellino (come i “forconi”) allora Cl è superiore moralmente. Basta! La tanto predicata (in ambieti ciellini) umanità diversa di chi fa parte del movimento spesso o talvolta non si vede per nulla: E’ ORA DI AMMETTERLO, ANZICHE’ FARE LA SOLITA RECLAME’ O LA SOLITA DIFESA D’UFFICIO. Se Formigoni disse da uno yacht suo o di qualche suo amico che bisognava fare sacrifici, cosa devo pensare io ex-ciellino? Vaffan… alla casta e alle caste (anche quelle dentro i movimenti ecclesiali o dentro le associazioni di imprese)

  4. de carolis filippo scrive:

    la vera casta pericolosa e’ quella che vuole realizzare il nuovo ordine mondiale e mentre essa avanza noi perdiamo tempo a prendercela con cl e la chiesa cattolica .Formigoni avra’ fatto tanti sbagli politicamente parlando ma ha complessivamente governato meglio di tanti altri suoi colleghi europei, anche se sappiamo ormai tutti che la politica conta veramente poco.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana