Google+

Mosul. I terroristi marchiano le case dei cristiani con la lettera “N” (Nazarat). Per loro, niente razioni di cibo e acqua

luglio 16, 2014 Leone Grotti

I responsabili della distribuzione sono stati avvertiti che se aiuteranno i cristiani e gli sciiti saranno perseguiti secondo la sharia

mosul-stato-islamico-aiuti-cristiani1«Hanno cominciato a marchiare le case dei cristiani con la lettera “N” di Nazarat (cristiani)». Il tono con cui monsignor Shleimun Warduni, vicario patriarcale caldeo, comunica a Baghdadhope della nuova discriminazione contro i cristiani messa in atto dai terroristi dello Stato islamico a Mosul è triste, quasi rassegnato.

LETTERA “N”. Dopo la creazione del califfato islamico e l’imposizione della sharia, ora i circa 500 cristiani che non sono riusciti a scappare dalla seconda città più grande dell’Iraq si vedono anche marchiare con la lettera “N”, perché siano riconoscibili a tutti e perché non vengano considerati come gli altri cittadini.

mosul-stato-islamico-aiuti-cristianiNIENTE RAZIONI. Alla base di questa decisione da parte degli islamisti non c’è solo una ragione ideale ma anche pratica. Come riferito da Aina, lo Stato islamico ha ordinato agli ufficiali governativi di non distribuire ai cristiani le razioni di acqua e cibo a cui hanno diritto tutti gli altri abitanti sunniti in difficoltà, in una città dove non c’è più lavoro a causa della guerra. Oltre ai cristiani, anche gli sciiti non potranno ricevere gli aiuti.

SHARIA. Per il mese di luglio il ministro del Commercio ha previsto di dare a tutti i cittadini di Mosul una razione di cibo e acqua, che comprende generi di prima necessità come la farina. Ma il responsabile della distribuzione nel quartiere di Rifaq e quello del quartiere di Kifaat hanno ricevuto l’ordine di non considerare cristiani e sciiti. All’avvertimento è seguita una minaccia: chi contravviene all’ordine sarà accusato e perseguito in base alla sharia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

24 Commenti

  1. Piero scrive:

    Dialogate, dialogate…

  2. Hector Hammond scrive:

    Scherani sostenuti dall’occidente scristianizzato , per informazioni chiedere a c.i.a. e mister “simpaticcissmo perché abbronzato” Obama .

  3. bah scrive:

    il non ribellarsi dei cristiani è una fortissima forma di egoismo nei confronti dei loro figli… stanno praticamente lasciando il mondo in mano uomini che sono peggio di animali.

    • bah scrive:

      …a questo punto mi chiedo… perché non fingere una conversione all islam avere tutti i vantaggi del caso e scappare appena possibile? a che pro fare i martiri in questo modo? nessuno si ricorderà di loro.

      • Menelik scrive:

        …..perché la gente laggiù, da ambo le parti, non ha mica scritto ebete in fronte.
        Le conversioni simulate? Per prendersi una pallottola in fronte.
        E poi la religione non è come la politica, che si può tradire.
        La religione è una cosa seria.
        O sei cristiano, o sei musulmano.
        E cristiani lo si resta fino alla morte.

        • bah scrive:

          proprio perché la fede è una cosa seria e indissolubile che va aldilà di qualsiasi dichiarazione che uno possa fare…
          perché, se laggiù sei cristiano e lo professi apertamente: o hai un esercito pronto a difenderti oppure te lo sei proprio cercato il martirio.

      • Carla Vanni scrive:

        …e come si dovrebbero ribellare?

      • Carla Vanni scrive:

        bel suggerimento..complimenti. la prostituzione applicata alla religione…ottimo-

    • Hector Hammond scrive:

      Direi che sono bestie , non animali 😉 . Questi sono aperti alle influenze del maligno.

    • Menelik scrive:

      Guarda che i cristiani laggiù non sono imbelli e conigli come vari altolocati porporati qua.
      Ti ribelli con cosa? Con le sassate, o i fucili con poche munizioni contro mitragliatrici e armi moderne che i capoccioni americani hanno fornito ai terroristi?
      L’unico aiuto per loro è contenuto in una sola parola: ARMI.
      Con tanto di munizioni.
      Almeno possono morire da uomini liberi, di una morte onorata, e non da servi.

      • augsto scrive:

        Giusto, Menelik. sono d’accordo. Tra l’altro è passata una errata interpretazione del “porgere l’altra guancia” tradotta erroneamente in calarsi le brache.Ma se i nostri avi a Lepanto,Vienna, Poitiers , Spagna ,ecc avessero ragionato come i Cristiani “moderni”, l’Europa sarebbe morta da un pezzo !

    • Carla Vanni scrive:

      …e come si dovrebbero ribellare?

  4. claudio68 scrive:

    E il Vaticano cosa fa? Niente, assolutamente niente….Vaticano, parrocchie, associazioni cattoliche sono tutti impegnati a strombazzare (unitamente alla sinistra italiana) l’accoglienza per i musulmani che a migliaia raggiungono ogni giorno le nostre coste consapevoli di trovare un paese che si fa in 4 per loro (mentre i cittadini italiani vengono discriminati, tartassati e tacciati di razzismo) Che schifo!!

    • Hector Hammond scrive:

      Quello che sul breve termine può sembrare un bene , a medio lungo termine si rivelerà un male di cui avranno piena responsabilità , loro e non altri.

    • Piero scrive:

      E cosa vuoi che gliene importi, al Vaticano e a Galatino?
      Loro sono per il dialogo senza se e senza ma!

      • Hector Hammond scrive:

        E questi ci sterminano senza se e senza ma.

        • Piero scrive:

          Come se al Vaticano e alla CEI gliene importasse qualcosa.
          Dopotutto, l’egregio (dal latino ex-grege) galatino ha chiesto scusa di esistere agli atei. Come vorrebbe che ci estinguessimo per meglio genuflettersi ai nuovi padroni.

          • filomena scrive:

            Adesso ve la prendete anche col vostro Capo e con le alte gerarchie vaticane? Eh no….non si fa. Per questo sarete scomunicati….

      • Carla Vanni scrive:

        …da dove trae la convinzione che il vaticano sia senza se e senza ma

    • Carla Vanni scrive:

      …veramente a strombazzare l’accoglienza è la Boldrini.. il Vaticano è là, e noi Cattolici siamo al pezzo in rete e con la preghiera. l’accoglienza è gestita dalle coop rosse, mica dalla Caritas..lo sapeva?

  5. Antonio D'Alessandro scrive:

    Occhio al titolo: Nazarat invece di Nazaret

    • beppe scrive:

      d’alessandro, io non conosco l’arabo, ma quella parola dev’essere giusta. non fare il pignolo. è spiegato all’inizio dell’articolo che significa CRISTIANI ( cioè NAZARENI , penso io).

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana