Google+

Monti, prima di bloccare il calcio, guarda qui quanto ci guadagna lo Stato

maggio 31, 2012 Carlo Candiani

Il premier Mario Monti vuole dire basta al calcio per tre anni. Il giornalista sportivo Francesco Caremani spiega a tempi.it quanto costerebbe allo Stato: «Più di un miliardo l’anno e morirebbero anche gli altri sport».

«Gioverebbe molto alla maturazione di noi cittadini italiani sospendere questo gioco per due o tre anni». Così il premier Mario Monti dopo gli ultimi avvenimenti del calcio scommesse. Ma il calcio, in Italia, è semplicemente un gioco? «Il calcio non è più solo un gioco da tanto tempo. Da quando, per esempio, alcune società sono quotate in Borsa: a cosa serva poi è tutto da capire». Francesco Caremani è un giornalista sportivo, che segue lo sport dal punto di vista del business economico. «È chiaro che questa ipotesi di Monti – dichiara a tempi.it – se si avverasse sarebbe un boomerang per le casse dello Stato».

Boomerang per le casse dello Stato in tempi di crisi? Si spieghi meglio.
Sono moltissimi i soldi del calcio che vanno allo Stato, e non solo attraverso le tasse e la gestione delle scommesse legali della Matchpoint Sisal. Il sistema calcio in Italia finanzia il Coni e gli altri sport nazionali, nonché il settore giovanile scolastico. Stiamo parlando di 1.100 milioni di euro l’anno all’Erario e 64 milioni di contributo agli altri settori sportivi.

E Monti vuole rinunciare a tutti questi soldi?
Sarebbe assurdo. Ma non dimentichiamoci poi che i club stipulano dei contratti con molti soggetti, che vanno da Sky a Mediaset Premium per i diritti televisivi agli sponsor. Tutti questi contratti non prevedono il calcio scommesse o il governo che sospende i campionati. Quindi, nel momento in cui si interrompe l’attività, si interrompono i ritorni economici, la società si dovrebbero preoccupare di saldare quei contratti che hanno in essere: non si sospenderebbe il calcio, lo si farebbe morire.

Sì, ma per purificare il calcio.
Ma per piacere. Guardando media e giornali, mi accorgo che siamo subissati da spot sulle scommesse. Su internet tantissimi link portano sui siti specializzati, con personaggi più o meno famosi che danno consigli. Il paese, culturalmente, è indirizzato a scommettere e l’azzardo diventa un business. Le cause del calcio scommesse, insomma, sono tante e la verità è che non si può dare addosso solo al cosiddetto “mondo del calcio”, ipotizzando soluzioni improponibili.

Che cosa pensa allora della boutade di Monti?
Sono un pochino indignato: la dichiarazione di Monti alla fine è una resa. È la classica resa all’italiana: o siamo tutti straccioni o siamo tutti moralisti. In un paese normale, chi viola le regole viene punito e viene premiato chi agisce dentro la legge. In Italia no: quando le cose vanno male, si dice, “ok, chiudiamo tutto”. Così si punisce anche chi rispetta le regole da sempre. La resa di Monti sul calcio diventa la resa dell’Italia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Toby Lewy says:

    These days of austerity plus relative panic about having debt, most people balk against the idea of making use of a credit card in order to make acquisition of merchandise as well as pay for any gift giving occasion, preferring, instead to rely on the actual tried and trusted procedure for making settlement – cash. However, if you’ve got the cash on hand to make the purchase entirely, then, paradoxically, that is the best time for them to use the card for several reasons.

  2. You should participate in a contest for among the finest blogs on the web. I’ll suggest this site!

  3. You have brought up a very fantastic points , regards for the post. “I am not an adventurer by choice but by fate.” by Vincent Van Gogh.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.