Google+

Se Homer mangiasse spinaci anziché ciambelle, gli americani sarebbero più magri. Così dice Michelle Obama

settembre 20, 2013 Elisabetta Longo

Troppi zuccheri nei prodotti per bambini, troppi spot televisivi per promuovere junk food. La rivoluzione calorica di Michelle Obama continua

Dopo aver lanciato sul mercato il rap anti-obesità, per far cantare ai bambini l’amore per le verdure, Michelle Obama persevera nelle sue battaglie dietetiche. Non le basta aver introdotto nelle scuole menù a basso regime calorico, vuole insegnare alle madri come nutrire i pargoli e alle aziende alimentari come modificare i prodotti per renderli migliori.

TROPPO ZUCCHERO. La first lady ce l’ha, in particolare con il cosiddetto “cibo spazzatura” e con chi lo produce. Non solo. Poiché, secondo alcuni dati l’86 per cento di merendine e altri prodotti per l’infanzia sarebbero troppo zuccherati, la moglie del presidente si è rivolta alle aziende: «Le mamme come me si affidano a voi produttori per far entusiasmare i nostri figli al cibo sano, tramite la magia del marketing e della pubblicità. Voi avete il potere di plasmare i gusti alimentari dei nostri figli». Se in tv passassero spot divertenti sugli spinaci, invece che sulle barrette al cioccolato, i bambini americani sarebbero più sani, dice nella sostanza Michelle.

PUBBLICITA’. Sempre a proposito di telepromozione, Michelle ha esortato le imprese a non utilizzare personaggi dei cartoni animati tanto amati dai bambini per promuovere snack o dolciumi. Michelle ha commissionato una ricerca per la sua campagna Let’s move che rivelerebbe che ogni giorno i bambini vedono almeno 13 spot televisivi di junk food. Senza contare i messaggi subliminali. Stando così le cose, se Homer Simpson mangiasse carote bollite invece di ciambelle zuccherate, i bambini americani sarebbero più magri. Pare che la più subissata di spot sia l’emittente Nickelodeon, mentre la migliore sia Disney Channel, che Michelle ha puntualmente elogiato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Tanto fra tre anni gli americani si libereranno per sempre di Michelle, a meno che Obama non tenti lo stesso trucchetto che fece Clinton candidando la moglie.

  2. Alcofibras scrive:

    Posso mangiare le ciambelle agli spinaci?
    No
    Doh!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana