Google+

Mattarella e Renzi imparino dal presidente tedesco Gauck: «Quello armeno fu genocidio»

aprile 24, 2015 Leone Grotti

L’Italia tace. Il presidente Joachim Gauck: «Il destino degli armeni è esemplare per la storia delle distruzioni di massa, delle pulizie etniche, delle espulsioni e anche dei genocidi del 20esimo secolo»

Armenia Slaughter Centennial

Con un discorso potente, il presidente tedesco Joachim Gauck ha riconosciuto che lo sterminio da parte degli ottomani di un milione e mezzo di armeni, tra il 1915 e il 1923, è stato un vero «genocidio». La dichiarazione è stata fatta in vista del centenario del massacro, che si celebra oggi.

«FORSE NOI COMPLICI». Gauck non si è limitato a riconoscere le responsabilità dei fondatori della Turchia, ma ha aggiunto: «In questo caso, noi tedeschi dobbiamo ancora fare i conti con il passato e verificare se c’è stata da parte nostra una responsabilità, forse anche complicità, nel genocidio degli armeni». I soldati tedeschi, alleati con la Turchia durante la Prima guerra mondiale, aiutarono infatti a pianificare e a portare a termine le deportazioni degli armeni.

MERKEL TITUBANTE. Il presidente tedesco ha preso l’iniziativa rispetto al governo, anticipando Angela Merkel, che in passato si era rifiutato di pronunciare la fatidica parola e che anche quest’anno era titubante se usare o meno il termine “genocidio”. «Il destino degli armeni è esemplare per la storia delle distruzioni di massa, delle pulizie etniche, delle espulsioni e sì, anche dei genocidi avvenuti nel 20esimo secolo», ha aggiunto.

RENZI E MATTARELLA? Davanti alla forte presa di posizione di Gauck, la Turchia ha protestato ancora una volta, negando tutto. Ma è paradossale che i tedeschi ammettano di essere «forse anche complici» in un genocidio che, secondo i turchi, non c’è mai stato. Il presidente tedesco è stato coraggioso, peccato non si possa dire lo stesso del presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, e del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Entrambi hanno preferito tacere per non irritare la Turchia. Oggi, alla commemorazione del centenario a Erevan, saranno presenti per la Francia e per la Russia i presidenti François Hollande e Vladimir Putin. Nessun esponente del governo italiano andrà in Armenia.

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Orazio Pecci scrive:

    Auguro loro che imparino. Se non lo faranno, un giorno ne renderanno conto.

  2. Giuseppe scrive:

    Invito ad inviare mail al Presidente della Repubblica, per fargli conoscere la nostra indignazione [uso un eufemismo], utilizzando magari (come ho appena fatto io) una sintesi di questo articolo di Tempi.
    Usare questo indirizzo:
    https://servizi.quirinale.it/webmail

    Ovviamente bisogna lasciare generalità e indirizzo.

  3. Mappo scrive:

    Ovviamente Renzi risponderebbe che non può mettere a rischio l’import export fra l’Italia e la Turchia, Mattarella invece non direbbe niente perché non sa neppure che esiste l’Armenia. Vorrei tranquillizzare il Giovin Fiorentino, la Francia ormai da molti anni ha denunciato il genocidio armeno e lo ha fissato con una legge ad hoc, ma dopo le proteste di prammatica niente è mutato nei rapporti economici franco turchi e sono convinto che lo stesso accadrà con la Germania che è il primo partner commerciale della Turchia. Un’occasione persa e un’altro po’ di dignità finita nel cesso e tutto ciò per giunta senza nessun ritorno economico.

  4. Sebastiano scrive:

    Che dei capi supremi dell’italietta governativa codarda e accomodante non ci sarebbe andato nessuno, lo avevo ampiamente previsto. Così come era ampiamente previsto il silenzio connivente dei cosiddetti “islamici moderati” di casa nostra, compresi quelli che dibattono, coccolatissimi, nei talk-show di tutte le reti.
    Del resto è quasi impossibile trovare un giornalista degno di questo nome, che gli faccia domande dirette.
    Mi piace vincere facile.

  5. Filippo81 scrive:

    Prima di fare un’affermazione del genere i nostri due “simpatici” devono chiedere il permesso alla merkel, a cameron , a hollande e a obama !

  6. maurizio scrive:

    Permesso,ma quale permesso…
    basta con queste miserevoli litanie.Non c’é sudditanza che tenga…qui si direbbe alla Totò:”Siamo uomini o caporali”.Se proprio volevano salvarsi in corner…uno di qua’ed uno di là.Che tristezza!!

  7. Marco scrive:

    Ma cosa vi aspettate da un mattarellum ?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana