Google+

Mastella: «Ventimila euro? De Magistris dovrebbe darmi 20 milioni»

maggio 29, 2015 Chiara Rizzo

Al sindaco di Napoli è stato pignorato parte dello stipendio. Intervista all’ex ministro: «Quando era pm ha abusato dei suoi poteri. È giusto che paghi»

Non devono essere stati belli gli ultimi giorni del sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Ieri, prima è giunta la notizia che le sezioni unite civili di Cassazione avevano stabilito che sulla Severino dovrà decidere un giudice, e che quindi anche nel suo caso, essendo de Magistris condannato in primo grado a Roma per gli abusi commessi nel caso Why not, è a rischio sospensione della carica. Poco dopo, l’altra notizia ferale: a de Magistris è stata pignorata una parte dello stipendio per iniziare a risarcire i 20 mila euro all’ex ministro Clemente Mastella, come stabilito dal tribunale di Roma. Il sindaco partenopeo ha fatto sapere: «Non mi hanno mai perdonato di aver avuto il coraggio, da magistrato, di contrastare il sistema, il cancro tra corruzione, mafia e massonerie deviate che influenzano il nostro Paese fino al punto di arrivare al pignoramento di un quinto dello stipendio da sindaco». L’ex guardasigilli Mastella, commentando a tempi.it la notizia sorride: «Ventimila euro di risarcimento non sono niente, mi dovrebbe molto di più».

Come ha reagito quando ha saputo la notizia del pignoramento e letto il commento di de Magistris?
Anzitutto non lo sapevo prima, io non ho chiesto alcun pignoramento. Evidentemente la prassi prevede questo. De Magistris però si accapiglia con se stesso, non essendo un professore diritto si difende dicendo che non è indigente e quindi non può essere pignorato. Non si tratta di questo, ma del fatto che lui aveva delle responsabilità precise e adesso deve pagare per ciò che ha commesso. Dopo un processo in aula, il tribunale di Roma lo scorso settembre lo ha condannato per abuso d’ufficio e ha stabilito che lui ha intercettato e acquisito tabulati di centinaia di telefonini pur non potendo farlo. E ha avviato un’inchiesta quando, lo dice il Tribunale, su di me non c’era nemmeno il minimo elemento per un rinvio a giudizio. De Magistris ha abusato della sua posizione e del potere che aveva all’epoca come magistrato per fare quello che gli pareva. Perciò ventimila euro non sono niente. Mi dovrebbe molto di più, 20 milioni magari.

Venti milioni?
Certamente. Il danno che mi ha procurato è stato enorme. Per il momento non ho chiesto nulla, ma voglio proprio vedere come va avanti questa vicenda. Adesso infatti su questo processo incombe la prescrizione. Se de Magistris accetterà la prescrizione, ci dovrà dare il risarcimento, accettando il verdetto di condanna di primo grado. Se farà ricorso in Appello, ci dovrà comunque pagare. Il fatto è che lui ha sbagliato non casualmente, c’è stato un dolo incredibile dietro le sue azioni, come ha riconosciuto anche il tribunale. Ed è quindi giusto che paghi.

Dica la verità, al di là della cifra, il risarcimento un po’ le fa piacere?
Diciamo che il risarcimento è una buona cosa. È come se un calciatore avesse mirato alle gambe di un avversario e lo avesse azzoppato, impedendogli di giocare il campionato. E chi lo risarcisce più?

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Giu scrive:

    E a noi italiani …quanto dovrebbe Mastella?
    :)

  2. AgA scrive:

    “È come se un calciatore avesse mirato alle gambe di un avversario e lo avesse azzoppato, impedendogli di giocare il campionato.”
    Diciamo sinceramente che non sentiamo la mancanza di giocatori di questo calibro.
    Inoltre il campionato italiano è già di suo pieno di scarsi giocatori.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana