Google+

Mario Barbuto, il magistrato che è riuscito a riformare la giustizia da solo. E a costo zero

maggio 25, 2015 Maurizio Tortorella

Si vergognava di doversi pronunciare su processi vecchi di decenni. S’è messo in testa di cambiare il sistema. Con una regola semplice e soprattutto esportabile

mario-barbuto-anno-giudiziario-torino-2015-ansa

Pubblichiamo la rubrica di Maurizio Tortorella contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Domandina semplice semplice: se voi foste il presidente di un tribunale civile italiano, uno tra i tanti che ogni giorno affogano nei processi, che cosa fareste? Come provereste a venirne fuori? Per esempio: da quale causa partireste? Dalla più vecchia o dalla più recente?

Lo so, sembra la più stupida delle domande. Invece non lo è, per nulla. Perché è proprio da questa domanda che, 14 anni fa, partì la “grande marcia” di Mario Barbuto. Nato a Taranto 72 anni fa, Barbuto ne ha passati quasi nove (dal gennaio 2001 al settembre 2009) da presidente del Tribunale di Torino, poi altri quattro come presidente della Corte d’appello in quella stessa città. E dato che il lavoro gli stava a cuore e si vergognava di dover pronunciare sentenze su procedimenti antichi, iniziati decenni prima, s’è messo in testa di riformare il sistema. Con una regoletta facile: «Prima le cause vecchie, poi le nuove».

Risultati? Nei primi cinque anni, a Torino, l’arretrato si è ridotto del 26 per cento. E senza spendere un euro in più. L’idea successiva è stata “targare” le cause per anno: un colore diverso per ogni fascicolo, in modo che fosse facile individuarne l’età e più agevole stabilirne la gerarchia temporale di trattamento. Direte voi: banale! In realtà è stato più rivoluzionario che tagliare la testa a mille giudici ignavi. A Torino, oggi, il 94 per cento dei processi dura meno di tre anni. La media è di 424 giorni, contro i 1.260 della media nazionale: quel tribunale è al settimo posto per la brevità delle cause, nonché l’unico tra i grandi a comparire in testa alla classifica italiana.

Qualche altro presidente di tribunale, tra quelli più intellettualmente onesti, ha capito che l’idea era giusta e ripetibile. A Marsala, per esempio, da qualche anno Gioacchino Natoli (prima di diventare presidente di Corte d’appello a Palermo, un mese fa) ha adottato il “modello Barbuto”. E oggi quel tribunale, che con una pianta organica di 25 magistrati può dirsi di dimensioni medio-piccole, detiene il record meridionale di velocità: una media di 461 giorni a processo, e solo il 5,7 per cento del totale supera i tre anni di durata. Al confronto, Palermo è lentissima: 800 giorni. Agrigento è a 795, Trapani a 755.

Negli anni, da buon magistrato-manager, Barbuto ha condensato la sua esperienza in un decalogo della buona amministrazione giudiziaria. Ancora una volta, nulla di sconvolgentemente geniale, né di bizzarro: tra le regole codificate c’è l’obbligo di una rilevazione semestrale per catalogare le cause ancora pendenti e “isolare” le più vecchie, che devono essere sottoposte ad accelerazione in base a un lavoro che coinvolga tutto l’ufficio giudiziario e gli stessi avvocati. Saggezza, l’amministrazione del buon padre di famiglia. E senza spendere un euro in più.

Dal maggio 2014, l’ex presidente del tribunale di Torino è a capo del Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, e la sua nomina è stata probabilmente una delle poche mosse azzeccate del Guardasigilli, Andrea Orlando. Nel frattempo, Barbuto è stato celebrato dalla Banca mondiale e perfino dall’ambasciatore americano in Italia, John R. Phillips, che parlando in più di un convegno sulla giustizia di lui ha detto, stupito: «Ha applicato tecniche manageriali che potrebbero essere applicate con successo in tutta Italia. Perché non lo fate?».

Invece gli italiani, in stragrande maggioranza, ignorano il lavoro e i meriti di questo magistrato schivo, timido, che detesta apparire. La speranza è che l’elefantiaca struttura burocratica del ministero della Giustizia gli lasci spazio di manovra e gli consenta di combinare qualcosa di buono, anche lì. Auguri.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Luca P. scrive:

    Grazie Maurizio dell’articolo e della bella segnalazione.
    Viviamo ogni giorno bombardati e sconfortati dalle ingiustizie ed inefficienze del nostro Paese … tentati dalla rassegnazione che non si possa fare nulla per cambiare questa bellissima Italia.
    Questa del Dott. Barbuto (e del tribunale di Torino) è l’esempio che esiste ancora gente in gamba che con tanto buonsenso e pragmatismo (ha introdotto i faldoni colorati … mica il database della NASA !) e soprattutto facendo squadra, è riuscita a rendere un servizio più efficiente, giusto e bello alla collettività.
    Grazie a Tempi per aiutarci a sperare.

  2. luigi lupo scrive:

    Ne aveva già parlato Report nella puntata del 6 maggio del 2007.I complimenti falli alla Gabanelli che la notizia l’aveva data otto anni fà.

    • Luca P. scrive:

      Grazie Luigi del tuo utilissimo commento … e grazie alla Gabanelli che ha riportato una notizia sul Dott. Barbuto nel 2007.
      Peccato però che la notizia qui riportata da Tempi (ed in particolare i dati citati) si riferisca ai risultati pubblicati dal “World Bank”, nel rapporto “Doing Business 2013″ … ovvero successivi a quelli del servizio di Report.
      Altrimenti di questo passo dovrei dire grazie alla madre del dott. Barbuto che lo ha messo al mondo :-)

      • luigi lupo scrive:

        Guarda che nell’articolo la Banca mondiale viene menzionata solo per dire che ha celebrato il nostro magistrato e non come fonte dei i dati.
        Nell’articolo non si parla di “Doing Business 2013″, che tra l’altro, forse, per 2013 si intende l’anno e quindi roba di due anni fa.

        • ftax scrive:

          Ah! Se non ha il marchio di fabbrica Gabanelli, la notizia quindi non vale…

          • luigi lupo scrive:

            Per Ftax
            Questa è una tua interpretazione. Per me rimane il fatto che Barbuto ha fatto un ottimo lavoro e Tempi ha impiegato un pò di anni ad accorgersi di questo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana