Google+

Mantovano: «La sentenza sulla legge 194? Il fronte pro life ha perso un’occasione»

giugno 22, 2012 Benedetta Frigerio

Intervista a Mantovano (Pdl): «Dobbiamo giocare in attacco per difendere il diritto alla vita. Se ci mostriamo indecisi la legge sull’aborto non potrà mai essere rivista».

«Abbiamo perso un’occasione. Se non si comincia a giocare in attacco per la difesa della vita la cultura radicale, che non smette di colpire, prenderà sempre più spazio». Così Alfredo Mantovano, senatore del Pdl e magistrato, rivela a Tempi.it la delusione per «una risposta mai arrivata da un fronte pro life indeciso».

Si riferisce al rifiuto della Consulta di pronunciarsi sul dubbio sollevato dal giudice tutelare di Spoleto in merito alla legge 194/78 sull’aborto?
Il giudice di Spoleto ha giustamente sollevato la questione della legittimità di una legge italiana che contrasta con la sentenza della Corte di giustizia europea dell’ottobre 2011. Secondo la gerarchia delle fonti, infatti, una norma europea è superiore a una norma nazionale, a meno che quella nazionale non sia costituzionale. In quel caso, se c’è contrasto, la Consulta è chiamata a pronunciarsi.

Perché allora non l’ha fatto in questo caso?
La Corte Costituzionale non ha mai voluto pronunciarsi in merito alla legge sull’aborto. Tranne quando nel 1981 il Movimento per la vita e il Partito radicale avanzarono dei quesiti referendari per ragioni opposte. Allora la Consulta si pronunciò sulla sostanza della legge. Ma fu l’unica volta, e lo fece richiamando l’articolo 32 della Costituzione sulla salute per giustificare l’impianto della legge. Senza spingersi più in là.

Ora, però, c’è una sentenza che parla del diritto alla vita dell’embrione come «soggetto da tutelarsi in assoluto» e considerato tale fin dal momento della fecondazione.
Esattamente, e questo mette in crisi l’articolo 4 della legge 194 che pone il diritto di salute della donna al di sopra di quello della vita dell’embrione. In questo senso il ragionamento e la mossa del giudice di Spoleto sono stati giusti e ragionevoli. Ma la Consulta ha agito come Ponzio Pilato, perché entrando in merito ai contenuti non avrebbe potuto difendere la 194.

Parte del Pdl e del mondo pro life parlano della necessità di rivedere la legge sull’aborto. Fino a poco tempo fa si aveva paura di riaprire la discussione per non peggiorare la norma. Ora si va all’attacco. Una posizione percorribile?
È l’unica strada ragionevole, perché mentre il mondo pro life, confessionale e non, giocava in difesa, il partito radicale ha continuato ad agire prendendo terreno. Quella dell’attacco che si apre è l’unica via, ma bisogna prenderla. Per questo ho contattato il Movimento per la vita, chiedendo che avanzasse tutte le proprie proposte e ragioni alla Corte Costituzionale. Perché con una sentenza europea di questa portata era davvero possibile rimettere in discussione la norma. Purtroppo quelli con cui ho parlato e a cui avevo dato piena disponibilità mi hanno detto che si sarebbero mossi. Ma chi li ha più sentiti? Spero che un fatto simile accada di nuovo e che un altro giudice abbia il coraggio di ricominciare da capo. E spero che chi preferisce giocare in difesa finalmente ci ripensi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se l’elettrico costituisce il futuro della mobilità, la tecnologia ibrida plug-in è figlia del presente. Rappresenta infatti la massima espressione del compromesso tra propulsione tradizionale e a zero emissioni. Un’auto ibrida plug-in non è altro, del resto, che un’auto ibrida, quindi dotata di un powertrain composto dall’interazione tra due motori – il primo a combustione […]

L'articolo Hyundai Ioniq Plug-in: praticamente astemia proviene da RED Live.

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana