Google+

Cosa ha fatto di buono nella sua vita Hillary Clinton?

marzo 4, 2016 Redazione

Camille Paglia demolisce la candidata democratica: «La sua fama dovuta non a risultati, ma al matrimonio con un uomo carismatico, oggi rimbambito»

Mentre la sua corsa alla Casa Bianca, in quanto donna, è sostenuta da molte femministe americane, c’è tutta una parte di quel mondo a cui non piace Hillary Clinton. Si potrebbe dire, più correttamente, che la detesta. Tra i personaggi di maggior spessore vi è sicuramente Camille Paglia, lesbica, intellettuale sui generis dalle intuizioni fulminanti (qui la sua intervista a Tempi). Oggi Repubblica ha proposto la traduzione di un suo articolo apparso su Salon. Ne riportiamo un passaggio.

Ma quali autentici successi lascia Hillary dietro di sé, dopo una carriera così evanescente per ciò che concerne i risultati concreti? È vero, le hanno assegnato un incarico dopo l’altro, ma per lo più in ragione del suo legame, assai poco femminista, con un uomo. Da senatrice non ha dato vita a nulla di significativo, e da segretaria di Stato è inciampata in un catastrofico fiasco dietro l’altro, accrescendo la destabilizzazione del Nordafrica e del Medio Oriente.

Quando e in che modo Hillary è assurta allo status di presunta icona del femminismo, come sembrano evidentemente credere così tante giovani donne? La sua fama ha sempre avuto i suoi presupposti non in un risultato da lei conseguito bensì nel suo matrimonio con un uomo carismatico, oggi rimbambito.

(…) Dopo due campagne elettorali nazionali, dovrebbe essere ormai ovvio che Hillary non possiede né l’istinto né l’abilità naturale di comprendere l’opinione pubblica e di comunicare come esige la carica di presidente. E il sessismo non ha niente a che fare con tutto questo.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

12 Commenti

  1. Cisco says:

    Però porta le corna con disinvoltura.

  2. Sebastiano says:

    Beh, una cosa di buono (per il suo portafoglio) l’ha fatta: ha incassato vagonate di dollari dalla lobby delle cliniche abortiste e dalla partecipazione ai convegni per dire banalità.

    In compenso deve ancora spiegare la faccenda delle mail “riservate” finite sul tavolo degli spioni di turno. Per una che vorrebbe fare il presidente degli USA, ha qualche cimitero nell’armadio.

  3. Luigi says:

    Esprimo il massimo disgusto per questa persona.

  4. AlessandroT says:

    Visto che ultimamente si parla tanto di Libia, ricordo che, In occasione della morte di Muammar Qaddafi un capo di stato come lei aspira a divenire ella esultà alla notizia in diretta del suo barbaro assassinio esclamando “we came we saw he died”. Potete facilmente reperire il video in questione cercando sul motore di ricerca, tanto per capire l’approccio della signora. Comunque la Clinton otterrà la sua nomination alla Casa Bianca ma è da vedere chi sarà lo sfidante repubblicano. Nel caso fosse Trump come tutto lascia presupporre la Clinton potrà raccogliere ampi consensi tra le minoranze razziali e sessuali presentandosi come l’erede di Obama soprattutto se questi farà campagna per lei ( e Obama è stato eletto due volte alla presidenza). Trump dovrà sperare di portare alle urne gli elettori disaffezionati alla politica americana ma se non ci riuscirà e il voto si polarizzerà razzialmente tra bianchi anglo-sassoni e neri/ispanici rischia di non farcela. Tenete conto che ci sono 50 milioni di ispanici o latinos negli USA, 37 milioni di afroamericani e 15 di asiatici.

    • Tarso says:

      Ho visto quel video su youtube e sono convinto che la Clinton sia un mostro di malvagità, tutto fuorchè una donna. 10000 volte meglio Trump, è più umano di lei, credetemi.

  5. Nino says:

    Neanche a me piace, ma se la alternativa è Trump … allora gli USA stanno messi proprio male

    • Menelik says:

      Neanche a me piace il PD, ma se la alternativa è i 5 stelle… allora in Italia siamo messi proprio male.

      • Nino says:

        In Italia siamo effettivamente messi proprio male

        • underwater says:

          Certo, grazie alla sinistra esterofila e a 3 governi non eletti dal popolo.

          • Maria says:

            Ma quando mai i governi in Italia sono stati eletti dal popolo?

            • underwater says:

              In Italia so è sempre votato. Poi, nella Prima Repubblica, l DC in genere rimescolava la maggioranza in base al proporzionale non appena eletta. Ma se ti riferisci ai comunisti, quelli il popolo non li ha mao voluti.

  6. jb Mirabile-caruso says:

    Redazione: “Cosa ha fatto di buono nella sua vita Hillary Clinton?”……………………….

    Beh, se veramente “di buono” si può considerare, quello che i Clinton hanno fatto, – con gli Obama e con i Bush e con i Reagan e con i Nelson e con i Carter e con tutti gli altri Presidenti Americani che non ci hanno lasciato la pelle – è stato di portare avanti ubbidientemente l’agenda massonica.

    Non solo, in verità, i Presidenti Americani, ma anche tutti i fantocci del cosiddetto mondo Occidentale.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download