Google+

«Legalizzare la cannabis è un errore. In Colorado aumentati ricoveri in ospedale e morti su strada»

luglio 26, 2016 Redazione

Antonio Maria Costa, per anni direttore a Vienna dell’Ufficio Onu per la lotta a droga e criminalità organizzata, spiega: «Alto rischio di danni psichici, provoca danni sociali per miliardi»

«Legalizzare la cannabis è un errore, provoca danni sociali per miliardi». Parola di Antonio Maria Costa, classe 1941, per anni direttore a Vienna dell’Ufficio Onu per la lotta a droga e criminalità organizzata.

DANNI PSICHICI. In un intervento pubblicato ieri dalla Stampa, Costa spiega innanzitutto come la «cannabis danneggia la mente», frenando il funzionamento dei recettori sensoriali. Se il rischio di danno psichico è pari al 10% in media, nei giovani che consumano in modo «saltuario» la marijuana «sale al 20%», mentre per i giovani che ne fanno uso abituale si va dal 20% al 50%.

PERCEZIONE DIMINUITA. Purtroppo il consumo è sempre più frequente a causa della diminuita percezione dei rischi nei giovani, dovuta anche ai «mezzi di info-trattenimento (media, musica e cinema) glorificano la droga, fino a deriderne il rischio». Il risultati è che solo il 40% di giovani europei e americani (dieci anni fa erano l’80%) pensa che la marijuana sia dannosa. Non a caso, «in Italia e Spagna, dove l’apprezzamento del rischio tra i giovani è basso (36%), il consumo è più alto (28%). A livello europeo, 3 milioni di persone fanno uso quotidiano di cannabis, e 10% di loro (circa 300 mila) necessitano di cure ospedaliere».

CRESCE L’USO. Negli Stati Uniti la marijuana, senza i tanti giri di parole che si leggono sui nostri quotidiani, è stata legalizzata per soldi e «la lobby pro-droga fa milioni vendendo l’erba e ingegnosi derivati». I consumi però sono aumentati e non solo. Conclude Costa: «In Colorado l’uso tra i giovani è salito dal 27% al 31% (contro il 6-8% della media nazionale), la richiesta di assistenza al Pronto soccorso è aumentata del 31%, i ricoveri in ospedale del 38%. In crescita anche i morti su strada. Malgrado le buone intenzioni del legislatore, il mercato illecito prospera (40% del consumo), mentre gli introiti fiscali languiscono all’1% (110 milioni di dollari, su un bilancio di 11 miliardi)».

NON DANNEGGIA LA MAFIA. Se si aggiunge, come ben spiegato da Nicola Gratteri, procuratore di Catanzaro che vive sotto scorta per le sue inchieste contro la ‘ndrangheta, che la legalizzazione non danneggia affatto le mafie («Il guadagno che si sottrarrebbe alle mafie è quasi ridicolo», con buona pace di Saviano), si capisce bene che la proposta di Benedetto Della Vedova è del tutto strumentale.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Tigrin della Sassetta says:

    Un popolo di pervertiti inebetiti si governa mille volte meglio di un popolo di virtuosi.
    Così mentre voi vi drogate (di sostanze, di sesso, di social) essi fanno man bassa con lo stivale ben fermo sopra il vostro cranio.
    E man mano che crepate o rimbecillite, già arriva chi vi sostituirà sulla linea di produzione.
    Andrà come da tempo han programmato lor signori?
    Sembra di sì, ma a ben guardare ci son pure dei segnali poco lusinghieri…

    • Renato says:

      Io invece, chissà perché, nella mia esperienza, noto che chi fa uso di erba ha un pensiero critico molto più acuto e improntato all’azione e all’informazione di chi ne è contrario. Ma, a parte questo, non si può ignorare il problema carceri, l’appesantimento della giustizia, le migliaia di euro a persona spesi in droghe (quella si, una tassa che impoverisce e danneggia l’economia, i consumi più virtuosi, il commercio, oltre che il singolo ecc ecc).
      N.B.: a volte, contro l’idiozia generale, nell’immediato, non è possibile fare VERAMENTE NIENTE. Accendersi un bel joint in quei casi è veramente una sana LIBERAZIONE da istinti distruttivi e dall’intolleranza verso, appunto, la STUPIDITA’ generale.
      Abbiate comprensione e rifletteteci…non tutti sono rimbambiti dalle droghe…moltissimi conservano lucidità che i sobri si sognano…

      • Uber says:

        Fumati acuti li vedi solo tu. Purtroppo tanti ai posti di comando fumano o sniffano dalla maria alla coca, e si vede nelle scelte che poi prendono, con danno di tutti.

  2. Patriarcalmente says:

    Questi massoni vogliono rimbambire il popolo, come con l’oppio in Cina.

    • felpa says:

      Ti riferisci alle 2 guerre del XIX sec.? Ottimo parallelismo, seppure il precedente diverga su vari punti.

  3. VINZ says:

    Ma siiiiiiiiiii !! Dopo le unioni civili un’altra Bueada…. La legalizzazione delle droghe! Già siamo un paese di coglioni che va a caccia di Pokemon… sti cazzi tanto Lo stato islamico avanza, mal che vada gli offriamo una canna!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

La 2ª edizione del circuito organizzato da Bosch eBike Systems, con il supporto di Trek, coinvolgerà 5 Paesi europei. I percorsi sono adatti sia agli amatori sia ai professionisti. Il via dal Bike Festival di Riva del Garda a fine aprile

L'articolo Bosch eMTB-Challenge – Da aprile a settembre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Marchio di fabbrica tanto quanto l’acciaio e i baffi di Tom, la grafica con i tre colori sfumati della bandiera americana ha segnato un’epoca, soprattutto nel mondo delle ruote grasse.  Era da tempo che i fan di Ritchey chiedevano di metterla di nuovo a catalogo e alla fine hanno raggiunto lo scopo, anche se in realtà […]

L'articolo Ritchey Road Logic Heritage, acciaio per pochi proviene da RED Live.

Spatola e pennello hanno sostituito casco e scarpini, ma non del tutto, perché ogni tanto Miguel Soro torna in sella, anche se con uno spirito ben diverso da quello con cui pedalava in gruppo. Lo stesso spirito che ispira le sue opere, una tecnica mista di pittura e collage che, nel caso di Bianchi, sfrutta […]

L'articolo L’arte a due ruote di Miguel Soro proviene da RED Live.

L’azienda di Mattighofen aggiunge la preziosa lettera "R" alla sua piccola sportiva, la RC 390, che diventa KTM RC 390 R. Ben più concentrata della standard nella guida sportiva, non costa poco ed è anche la base per…

L'articolo KTM RC 390 R, la piccola peste proviene da RED Live.

La multispazio PSA è disponibile per la prima volta in due diverse lunghezze, a 5 e 7 posti. Forte di una praticità che si annuncia a prova di famiglia (extralarge). E una tecnologia da berlina. Ecco tutte le informazioni ufficiali

L'articolo Citroën Berlingo, la terza generazione a Ginevra proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi