Google+

«Legalizzare la cannabis è un errore. In Colorado aumentati ricoveri in ospedale e morti su strada»

luglio 26, 2016 Redazione

Antonio Maria Costa, per anni direttore a Vienna dell’Ufficio Onu per la lotta a droga e criminalità organizzata, spiega: «Alto rischio di danni psichici, provoca danni sociali per miliardi»

«Legalizzare la cannabis è un errore, provoca danni sociali per miliardi». Parola di Antonio Maria Costa, classe 1941, per anni direttore a Vienna dell’Ufficio Onu per la lotta a droga e criminalità organizzata.

DANNI PSICHICI. In un intervento pubblicato ieri dalla Stampa, Costa spiega innanzitutto come la «cannabis danneggia la mente», frenando il funzionamento dei recettori sensoriali. Se il rischio di danno psichico è pari al 10% in media, nei giovani che consumano in modo «saltuario» la marijuana «sale al 20%», mentre per i giovani che ne fanno uso abituale si va dal 20% al 50%.

PERCEZIONE DIMINUITA. Purtroppo il consumo è sempre più frequente a causa della diminuita percezione dei rischi nei giovani, dovuta anche ai «mezzi di info-trattenimento (media, musica e cinema) glorificano la droga, fino a deriderne il rischio». Il risultati è che solo il 40% di giovani europei e americani (dieci anni fa erano l’80%) pensa che la marijuana sia dannosa. Non a caso, «in Italia e Spagna, dove l’apprezzamento del rischio tra i giovani è basso (36%), il consumo è più alto (28%). A livello europeo, 3 milioni di persone fanno uso quotidiano di cannabis, e 10% di loro (circa 300 mila) necessitano di cure ospedaliere».

CRESCE L’USO. Negli Stati Uniti la marijuana, senza i tanti giri di parole che si leggono sui nostri quotidiani, è stata legalizzata per soldi e «la lobby pro-droga fa milioni vendendo l’erba e ingegnosi derivati». I consumi però sono aumentati e non solo. Conclude Costa: «In Colorado l’uso tra i giovani è salito dal 27% al 31% (contro il 6-8% della media nazionale), la richiesta di assistenza al Pronto soccorso è aumentata del 31%, i ricoveri in ospedale del 38%. In crescita anche i morti su strada. Malgrado le buone intenzioni del legislatore, il mercato illecito prospera (40% del consumo), mentre gli introiti fiscali languiscono all’1% (110 milioni di dollari, su un bilancio di 11 miliardi)».

NON DANNEGGIA LA MAFIA. Se si aggiunge, come ben spiegato da Nicola Gratteri, procuratore di Catanzaro che vive sotto scorta per le sue inchieste contro la ‘ndrangheta, che la legalizzazione non danneggia affatto le mafie («Il guadagno che si sottrarrebbe alle mafie è quasi ridicolo», con buona pace di Saviano), si capisce bene che la proposta di Benedetto Della Vedova è del tutto strumentale.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Tigrin della Sassetta says:

    Un popolo di pervertiti inebetiti si governa mille volte meglio di un popolo di virtuosi.
    Così mentre voi vi drogate (di sostanze, di sesso, di social) essi fanno man bassa con lo stivale ben fermo sopra il vostro cranio.
    E man mano che crepate o rimbecillite, già arriva chi vi sostituirà sulla linea di produzione.
    Andrà come da tempo han programmato lor signori?
    Sembra di sì, ma a ben guardare ci son pure dei segnali poco lusinghieri…

    • Renato says:

      Io invece, chissà perché, nella mia esperienza, noto che chi fa uso di erba ha un pensiero critico molto più acuto e improntato all’azione e all’informazione di chi ne è contrario. Ma, a parte questo, non si può ignorare il problema carceri, l’appesantimento della giustizia, le migliaia di euro a persona spesi in droghe (quella si, una tassa che impoverisce e danneggia l’economia, i consumi più virtuosi, il commercio, oltre che il singolo ecc ecc).
      N.B.: a volte, contro l’idiozia generale, nell’immediato, non è possibile fare VERAMENTE NIENTE. Accendersi un bel joint in quei casi è veramente una sana LIBERAZIONE da istinti distruttivi e dall’intolleranza verso, appunto, la STUPIDITA’ generale.
      Abbiate comprensione e rifletteteci…non tutti sono rimbambiti dalle droghe…moltissimi conservano lucidità che i sobri si sognano…

      • Uber says:

        Fumati acuti li vedi solo tu. Purtroppo tanti ai posti di comando fumano o sniffano dalla maria alla coca, e si vede nelle scelte che poi prendono, con danno di tutti.

  2. Patriarcalmente says:

    Questi massoni vogliono rimbambire il popolo, come con l’oppio in Cina.

    • felpa says:

      Ti riferisci alle 2 guerre del XIX sec.? Ottimo parallelismo, seppure il precedente diverga su vari punti.

  3. VINZ says:

    Ma siiiiiiiiiii !! Dopo le unioni civili un’altra Bueada…. La legalizzazione delle droghe! Già siamo un paese di coglioni che va a caccia di Pokemon… sti cazzi tanto Lo stato islamico avanza, mal che vada gli offriamo una canna!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

Il preparatore americano Hennessey sembra avere un’unica missione nella vita: lasciare a bocca aperta. Dopo aver creato sia la Venom GT, hypercar in grado di toccare i 435 km/h grazie a un V8 7.0 biturbo da 1.451 cv, sia l’evoluzione Venom F5, accreditata sulla carta di una velocità massima di oltre 480 km/h, ora si […]

L'articolo Hennessey VelociRaptor 6×6: forza bruta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download