Google+

La polizia francese ha un problema: il fondamentalismo islamico di alcuni suoi agenti

marzo 10, 2016 Leone Grotti

Un rapporto svela diciassette casi di intolleranza religiosa tra gli agenti di fede musulmana: «L’islam dominerà il mondo!», «dovevano far saltare in aria l’Eliseo»

Diffusione di canti coranici in pattuglia, rifiuto di partecipare a un minuto di silenzio dopo la strage di Charlie Hebdo, rifiuto di proteggere una sinagoga, incitamento a commettere attentati. La polizia di Parigi, forte di 27 mila poliziotti e agenti di sorveglianza, ha un grosso problema di radicalismo islamico al suo interno, almeno a giudicare da un rapporto redatto dalla prefettura a fine 2015 e diffuso ieri da Le Parisien.

17 CASI. Il numero dei casi è ancora «marginale», dicono a Parigi, si parla di 17 eventi più o meno gravi di fondamentalismo religioso tra il 2012 e il 2015, con un’accelerazione però dal 2014. In gergo, vengono chiamati genericamente «comportamenti che trasgrediscono il principio di laicità», ma sono tutti connessi alla religione musulmana tranne uno.

HIJAB E BURQA. Ci sono i casi più leggeri, quelli di poliziotti che in servizio ascoltano il Corano alla radio e si fermano nei negozi per comprare il burqa per le mogli, oppure quelli di poliziotte che si presentano in servizio con l’hijab e si rifiutano di toglierlo perché «la legge [islamica] proibisce l’esibizionismo», cioè mostrarsi in pubblico a capo scoperto.

«QUEI FROCI DEI SIONISTI». Poi ci sono i casi di maggiore gravità: la stessa poliziotta dell’hijab ha pubblicato sui propri account social, dopo la strage di Charlie Hebdo e del supermercato kosher, messaggi che danno credito a complotti antisemiti: «Queste sparatorie mascherate ed esagerate da quei froci dei sionisti». Ci sono anche minacce: «Bisogna spaventarli un po’». Un’altra poliziotta si rifiuta di stringere la mano ai colleghi maschi, porta l’hijab e si rifiuta di toglierlo, partecipa a una manifestazione durante la quale grida: «Israele assassino, Hollande complice». Si rifiuta infine di associarsi al minuto di silenzio in onore di un suo collega ucciso nella strage del gennaio 2015. Poi interrogata a proposito, grida: «L’islam dominerà il mondo!».

«FAR SALTARE IN ARIA L’ELISEO». Infine ci sono i casi davvero gravi. Un poliziotto si lamenta della protezione offerta dalla polizia ai luoghi principali della comunità ebraica, si vergogna «di portare la divisa», si complimenta con i terroristi che hanno compiuto gli attentati in Francia e si rammarica che non abbiano fatto «saltare in aria l’Eliseo».
La maggior parte degli indagati sono giovani e convertiti da poco all’islam. Secondo il sociologo Farhad Khosrokhavar, «bisogna stare attenti alle parole che si usano: la radicalizzazione presuppone un passaggio concreto alla violenza. In questi casi parlerei piuttosto di fondamentalismo». In ogni caso, non è rassicurante trattandosi di poliziotti che dovrebbero difendere i francesi.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

17 Commenti

  1. Rolli Susanna says:

    Letto solo titolo.
    Oops, e se agli agenti seguissero i parlamentari?
    Non ditemi che…..
    Aiuto!!

  2. Filippo81 says:

    Ma la “civilissima ” Francia di hollande e sarkozy non verifica chi siano coloro che inserisce nelle Forze dell’Ordine ? Poi vietano però ad esempio la semplice Benedizione Cattolica nelle scuole perche contraria alla “laicità”……Evidentemente sono rimasti ancora legati alla mentalità giacobina !

  3. Menelik says:

    I Francesi hanno una ed una sola speranza per sopravvivere: la Le Pen all’Eliseo.
    Con Hollande sono in un vicolo cieco che, anziché la laicità mitologica che dicono di perseguire, sta dando passo dopo passo il potere agli islamici.

    • underwater says:

      Sono cittadini francesi come gli altri e spesso subiscono in prima persona gli effetti della troppa tolleranza verso i musulmani. Grazie a gente come te devono ancora temere per la loro vita in Europa.

      • underwater says:

        Per le Scritture sono addirittura il canale della Grazia.

        • jack says:

          Lei dimentica la seconda parte: quindi non è cristiano, al massimo un rabbino postmoderno.

          • underwater says:

            So benissimo anche quella. Siamo stanchi di gente che sfigura il Cristianesimo con un odio bestiale e blasfemo, rimasto fermo ai peggiori luoghi comuni, che hanno mietuto milioni di innocenti, non risultando di alcuna utilità alla causa. I laicisti, quando vi leggono, si confermano nella loro idea.

          • undèrwater says:

            Sei tu che non la conosci e la sfiguri in maniera blasfema.

            • Ecco perché ci vuole “The Donald”, quel grande costruttore di muri che se c’è da cacciare a calci questa gentaglia non integrata né integrrabile non ci pensa due volte. Perché è chiaro che la strategia del dialogo ha fallito e che le chiacchiere sull’integrazione stanno a zero. Oggi “The Donald” ha incassato l’appoggio di Ben Carson, che gli regala tutti i voti afroamericani. Altroché razzista.

              • underwater says:

                Poi ci sono i pazzi antisemiti come sopra, che falsano il discorso e gettano discredito sulla religione in cui presumono di credere. Come dici tu, Giovanna, il nemico sta davanti: altri preferiscono fare don Chisciotte.

              • gio says:

                Un bel muro lo fecero costruire i papi, per dividere gli eschimesi dal resto della polpolazione. Ah, ma questo era un muro politicamente scorretto. Non sia mai che qualcuno lo ricorda. Oggi sono diventati fratelli maggiori, gli eschimesi. Ma anche Caino era fratello maggiore di Abele.

  4. AlessandroT says:

    Vi prego, ricordiamo la Francia per quello che era…fa troppo male vedere la figlia prediletta della Chiesa ridotta così dall’assalto della massoneria e del fanatismo islamico. Con una demografia sconvolta dall’immigrazione e dallo ius soli, intere zone del paese perdute, sottomissione all’atlantismo (Nato) e alla Germania (euro).

    • Filippo81 says:

      Infatti Alessandro, massoneria ultralaicista e islamismo,due realtà apparentemente lontane polarmente l’una dall’altra ma di fatto……Del resto hanno un Nemico in comune, la Chiesa Cattolica e quella Ortodossa.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download