Google+

La polizia francese ha un problema: il fondamentalismo islamico di alcuni suoi agenti

marzo 10, 2016 Leone Grotti

Un rapporto svela diciassette casi di intolleranza religiosa tra gli agenti di fede musulmana: «L’islam dominerà il mondo!», «dovevano far saltare in aria l’Eliseo»

Diffusione di canti coranici in pattuglia, rifiuto di partecipare a un minuto di silenzio dopo la strage di Charlie Hebdo, rifiuto di proteggere una sinagoga, incitamento a commettere attentati. La polizia di Parigi, forte di 27 mila poliziotti e agenti di sorveglianza, ha un grosso problema di radicalismo islamico al suo interno, almeno a giudicare da un rapporto redatto dalla prefettura a fine 2015 e diffuso ieri da Le Parisien.

17 CASI. Il numero dei casi è ancora «marginale», dicono a Parigi, si parla di 17 eventi più o meno gravi di fondamentalismo religioso tra il 2012 e il 2015, con un’accelerazione però dal 2014. In gergo, vengono chiamati genericamente «comportamenti che trasgrediscono il principio di laicità», ma sono tutti connessi alla religione musulmana tranne uno.

HIJAB E BURQA. Ci sono i casi più leggeri, quelli di poliziotti che in servizio ascoltano il Corano alla radio e si fermano nei negozi per comprare il burqa per le mogli, oppure quelli di poliziotte che si presentano in servizio con l’hijab e si rifiutano di toglierlo perché «la legge [islamica] proibisce l’esibizionismo», cioè mostrarsi in pubblico a capo scoperto.

«QUEI FROCI DEI SIONISTI». Poi ci sono i casi di maggiore gravità: la stessa poliziotta dell’hijab ha pubblicato sui propri account social, dopo la strage di Charlie Hebdo e del supermercato kosher, messaggi che danno credito a complotti antisemiti: «Queste sparatorie mascherate ed esagerate da quei froci dei sionisti». Ci sono anche minacce: «Bisogna spaventarli un po’». Un’altra poliziotta si rifiuta di stringere la mano ai colleghi maschi, porta l’hijab e si rifiuta di toglierlo, partecipa a una manifestazione durante la quale grida: «Israele assassino, Hollande complice». Si rifiuta infine di associarsi al minuto di silenzio in onore di un suo collega ucciso nella strage del gennaio 2015. Poi interrogata a proposito, grida: «L’islam dominerà il mondo!».

«FAR SALTARE IN ARIA L’ELISEO». Infine ci sono i casi davvero gravi. Un poliziotto si lamenta della protezione offerta dalla polizia ai luoghi principali della comunità ebraica, si vergogna «di portare la divisa», si complimenta con i terroristi che hanno compiuto gli attentati in Francia e si rammarica che non abbiano fatto «saltare in aria l’Eliseo».
La maggior parte degli indagati sono giovani e convertiti da poco all’islam. Secondo il sociologo Farhad Khosrokhavar, «bisogna stare attenti alle parole che si usano: la radicalizzazione presuppone un passaggio concreto alla violenza. In questi casi parlerei piuttosto di fondamentalismo». In ogni caso, non è rassicurante trattandosi di poliziotti che dovrebbero difendere i francesi.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

17 Commenti

  1. Rolli Susanna scrive:

    Letto solo titolo.
    Oops, e se agli agenti seguissero i parlamentari?
    Non ditemi che…..
    Aiuto!!

  2. Filippo81 scrive:

    Ma la “civilissima ” Francia di hollande e sarkozy non verifica chi siano coloro che inserisce nelle Forze dell’Ordine ? Poi vietano però ad esempio la semplice Benedizione Cattolica nelle scuole perche contraria alla “laicità”……Evidentemente sono rimasti ancora legati alla mentalità giacobina !

  3. Menelik scrive:

    I Francesi hanno una ed una sola speranza per sopravvivere: la Le Pen all’Eliseo.
    Con Hollande sono in un vicolo cieco che, anziché la laicità mitologica che dicono di perseguire, sta dando passo dopo passo il potere agli islamici.

    • underwater scrive:

      Sono cittadini francesi come gli altri e spesso subiscono in prima persona gli effetti della troppa tolleranza verso i musulmani. Grazie a gente come te devono ancora temere per la loro vita in Europa.

      • underwater scrive:

        Per le Scritture sono addirittura il canale della Grazia.

        • jack scrive:

          Lei dimentica la seconda parte: quindi non è cristiano, al massimo un rabbino postmoderno.

          • underwater scrive:

            So benissimo anche quella. Siamo stanchi di gente che sfigura il Cristianesimo con un odio bestiale e blasfemo, rimasto fermo ai peggiori luoghi comuni, che hanno mietuto milioni di innocenti, non risultando di alcuna utilità alla causa. I laicisti, quando vi leggono, si confermano nella loro idea.

          • undèrwater scrive:

            Sei tu che non la conosci e la sfiguri in maniera blasfema.

            • Giovanna Jacob scrive:

              Ecco perché ci vuole “The Donald”, quel grande costruttore di muri che se c’è da cacciare a calci questa gentaglia non integrata né integrrabile non ci pensa due volte. Perché è chiaro che la strategia del dialogo ha fallito e che le chiacchiere sull’integrazione stanno a zero. Oggi “The Donald” ha incassato l’appoggio di Ben Carson, che gli regala tutti i voti afroamericani. Altroché razzista.

              • underwater scrive:

                Poi ci sono i pazzi antisemiti come sopra, che falsano il discorso e gettano discredito sulla religione in cui presumono di credere. Come dici tu, Giovanna, il nemico sta davanti: altri preferiscono fare don Chisciotte.

              • gio scrive:

                Un bel muro lo fecero costruire i papi, per dividere gli eschimesi dal resto della polpolazione. Ah, ma questo era un muro politicamente scorretto. Non sia mai che qualcuno lo ricorda. Oggi sono diventati fratelli maggiori, gli eschimesi. Ma anche Caino era fratello maggiore di Abele.

  4. AlessandroT scrive:

    Vi prego, ricordiamo la Francia per quello che era…fa troppo male vedere la figlia prediletta della Chiesa ridotta così dall’assalto della massoneria e del fanatismo islamico. Con una demografia sconvolta dall’immigrazione e dallo ius soli, intere zone del paese perdute, sottomissione all’atlantismo (Nato) e alla Germania (euro).

    • Filippo81 scrive:

      Infatti Alessandro, massoneria ultralaicista e islamismo,due realtà apparentemente lontane polarmente l’una dall’altra ma di fatto……Del resto hanno un Nemico in comune, la Chiesa Cattolica e quella Ortodossa.

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

COSA: MADESIMO FREERIDE FESTIVAL, tutto il bello del FR   DOVE E QUANDO: Skiarea Valchiavenna di Madesimo, 24-26 marzo Un finale di stagione dedicato ai puristi del freeride così come a tutti gli appassionati di montagna a 360 gradi, che potranno essere protagonisti di una grande festa a base di proiezioni video, après ski, freeride clinics […]

L'articolo RED Weekend 24-26 marzo, idee per muoversi proviene da RED Live.

Théoule-Sur-Mer (Francia) – Voglia di moto? Il nuovo Ducati Monster 797 sembra fatto apposta. Progettato per chi delle due ruote ama il senso di libertà, l’approccio facile, il peso contenuto e la facilità di guida. E ispirato senza mezzi termini ai primi Monster “piccoli”, a partire dal 600 lanciato nell’ormai lontano 1994. Il 797 deve […]

L'articolo Prova Ducati Monster 797 proviene da RED Live.

L’inversione di tendenza è sotto gli occhi di tutti. Dopo un periodo di splendore, in cui sono state scelte da una gran quantità di famiglie, le monovolume stanno inesorabilmente passando di moda. Per molti potrebbero essere ancora una scelta valida – a volte anche la migliore – ma SUV e crossover hanno messo da tempo […]

L'articolo Vista e toccata – Opel Crossland X proviene da RED Live.

Ci sono le moto da gara derivate da quelle di serie e le moto di serie derivate da quelle da gara. La differenza non è sottile, implica una filosofia progettuale completamente diversa. Il secondo caso è quello che ha dato vita alla Aprilia RSV4, moto studiata prima dal Reparto Corse per correre nella Superbike con […]

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF 2017 proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana