Google+

La falsa moneta del re puttaniere di Svezia rivela una paradossale verità

giugno 18, 2012 Franco Molon

Penso a tutto il fiume di falsità che ogni giorno ci rovesciano addosso i sovrani del politicamente corretto e credo che si meriterebbero da noi almeno il resto di una monetina di verità che gli faccia scoppiare il porcellino.

 

È nel fango delle cose e dei fatti che più facilmente si aprono squarci di cielo. Pezzi di blu che offrono allo sguardo la possibilità di spingersi più in là. Spesso si tratta di vere sciocchezze, che però, per il miracolo di quel riflesso azzurrino, possono diventare sciocchezze vere: banalità capaci di raccontare qualcosa di importante.

Prendete questa, per esempio. In Svezia si sono scoperte circolare delle monete false da una corona dove, invece della solita scritta “Carl XVI Gustaf Re di Svezia”, compare la dicitura “Il nostro puttaniere di un Re”. Pare infatti che il sovrano sia un po’ porcello e che si dedichi con assiduità a feste e festini stile Arcore.

Troppo facile lasciarsi andare al diluvio di battute che ne può seguire: il re batte moneta e battone, oppure le battone battono moneta e il re; a ciascuno il suo Berlusconi; in Italia feste eleganti in Svezia festini reali; Ruby vola a Stoccolma. E avanti così.

Il punto di fuga sta in quel po’ di blu che si intravede luccicare sul metallo da conio. Con la capriola del paradosso la moneta falsa, infatti, si trasforma in una moneta vera; vera perché dice la verità: che il re è nudo (abbigliamento peraltro ideale per lo svolgimento di certo tipo di attività) e che i falsari, da spacciatori che erano, sono diventati dispensatori di verità. Compri un gelato e prendi come resto uno spicciolo di verità. Bello, anche se ci smeni una corona.

Penso allora a tutto il fiume di falsità che ogni giorno ci rovesciano addosso i re dei media, i sovrani del politicamente corretto, gli imperatori del pensiero dominante e credo che, come minimo, si meriterebbero da noi almeno il resto di una monetina di verità che gli faccia scoppiare il porcellino.

Quello da svergognare è Cecchi Paone, non Cassano; la Lombardia è una delle regioni meglio governate d’Europa; la 194 è una legge assassina; Marco Travaglio e la magistratura militante sono… be’, questo non c’è bisogno che ve lo dica, potete continuare da soli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei says:

    alcuni media italiani vanno alla ricerca del male, insinuando il dubbio ovunque, disumanizzando l’avversario quando questo è colpevole e riciclando la cara vecchia controinformazione, smaniosi di togliere il potere a coloro i quali questa volta sono stati scelti dagli elettori, ma così lontani dal politicamente corretto da essere (per loro) insopportabili. per i media stranieri da sempre c’è il tiro al piccione italiano: mai esaltare le loro virtù, sempre demonizzare i loro vizi. perchè? forse perchè siamo ancora figli e indegni testimoni di un cattolicesimo che resiste alle “leggi democratiche” che lo vogliono relegare in un cantuccio. una visione del mondo in cui gli italiani sono un’ antipatica eccezione.

    • paolo delfini says:

      Francesco Taddei ha ragione, ci sono tantissimi cittadini esteri che amano il nostro Paese, infatti in tanti vengono in Italia in vacanza, e tanti altri che comunque apprezzano la nostra cultura. storia, gastronomia, moda, il nostro sport ecc. Ci sono invece tanti giornalisti esteri che si eccitano nel fare il tiro al piccione italiano (per la gioia dei tanti disfattisti nostrani) anche quando non serve, sara’ per ignoranza, invidia o semplicemente perche’ il citrullo quando non arriva all’uva dice che e’ marcia!

  2. AlfioRomeo says:

    adesso siete i martiri…. va beh… ciaooooooooo!!!!!!!!!!!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download