Google+

C’è un islam che non è tutto fatwa e jihad. In Siria, per esempio

aprile 1, 2017 Tiziana Della Rocca

Intervista ad Alberto Negri, 37 anni da inviato di guerra, autore de “Il musulmano errante”, libro che racconta le tante anime agitate ed emarginate dell’islam

assad-moschea-damasco-mufti-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Il musulmano errante è un libro poetico, narra una storia molto antica e misteriosa, quella della setta islamica degli alawiti, fondata nel IX secolo dal profeta Muhammad ibn Nusayr, accessibile a pochi iniziati, perseguitata per secoli e attualmente al potere in Siria con la dinastia degli Assad. Alberto Negri, inviato speciale del Sole 24 Ore, ne scrive per la prima volta illuminando così le radici storiche del conflitto in Siria.

Di islam si parla continuamente, ma pochi conoscono  davvero la realtà islamica.
Uno degli aspetti che colpiscono in questi decenni è la falsa rappresentazione monolitica dell’islam fornita dai fondamentalisti islamici. Nel libro si capisce abbastanza bene che in realtà l’islam ha molti volti, anche contraddittori tra di loro: non vi sono solo sciiti e sunniti. Il caso degli alawiti è sintomatico: non appartengono né allo sciismo né al sunnismo, anche se tendevano a nasconderlo; Alì per loro è una divinità, la reincarnazione di Dio, Maometto è il suo profeta; credono nella trasmigrazione delle anime; non praticano i cinque pilastri dell’islam e non pregano in moschea.

Nel libro lei parla anche di altre sètte.
Sì, nel corso di mille anni di storia dell’islam, le sètte sono state tante. Alcune sono scomparse, altre sono sopravvissute, come gli alawiti o gli aleviti in Turchia. Per scampare alle persecuzioni si allontanarono dalle città rifugiandosi sulle montagne, nelle zone più impervie, spesso finendo ai margini della storia ma anche impadronendosene. La vicenda degli alawiti è eclatante da questo punto di vista: la setta, sconosciuta non solo agli occidentali, ma anche ai musulmani, salì clamorosamente al potere nel 1971 con gli Assad, un caso unico nel mondo islamico. Ci sono anche gli zaiditi, sostenuti dall’Iran in quanto ritenuti sciiti, pur non essendolo: appartengono a una setta del settimo secolo che si affermò in Yemen e che per oltre novecento anni lo mantenne isolato dal mondo. Nel 1960, poco prima che Pasolini vi girasse Le mille e una notte, in quel paese meraviglioso non esisteva nemmeno la radio, era proibita. Ma non solo le minoranze musulmane: negli ultimi anni anche altri gruppi religiosi di cui non si è mai parlato sono saliti alla ribalta, proprio a causa delle presecuzioni sanguinose dell’Isis. È il caso degli yazidi, con quel simbolo meraviglioso, il pavone, che affonda le radici in migliaia di anni di storia. Poi i sabei e i mandei, altri rami delle minoranze mediorientali che hanno sempre vissuto lungo il Tigri e l’Eufrate, dall’Iraq all’Iran. Nel mio libro racconto l’incontro con i sabei a Baghdad poco prima che cominciasse la guerra del 2003. Per non parlare degli zoroastriani, che sono ancora presenti all’interno della realtà iraniana, o dei drusi discendenti di Pitagora.

E i cristiani.
Certo. Sono una minoranza consistente in Siria e in Iraq. Alla vigilia della guerra contro Saddam erano 1,2 milioni. Una volta visitai un orfanotrofio dove le suore di Madre Teresa accudivano i bambini con gravi malformazioni. Iniziarono i bombardamenti ed erano spaventosi. Grandi fragori e lampi di giorno e di notte. Le suore per non spaventare i bambini dicevano loro che era iniziata una festa con fuochi artificiali in onore di Saddam.

Perché ha studiato le minoranze del Medio Oriente?
Da come sono trattate le minoranze, spesso si capisce com’è il resto della società intorno, che tipo di regime c’è, qual è il livello reale della tolleranza. Nelle sue epoche d’oro l’islam era aperto. Il Medio Oriente per tradizione è sempre stato il raccoglitore di tutte le minoranze, religiose ma anche filosofiche: non molto tempo prima che l’islam si diffondesse in Iran, gli ultimi nove filosofi neoplatonici scapparono da Atene per rifugiarsi proprio lì. Le minoranze sono le spezie che rendono più interessante il piatto mediorientale. In trentasette anni di viaggi nella regione, ho incontrato tante civiltà diverse, mondi vari e misteriosi. Nel libro cerco di restituire questa storia.

Ma oggi le minoranze fuggono da quei paesi.
Per via del fondamentalismo islamico. I periodi di massima intolleranza coincidono con quelli di maggiore arretratezza. È ciò a cui stiamo assistendo oggi: si sono fatti strada nel mondo islamico il fanatismo religioso e il declino culturale, e gli interventi occidentali hanno reso questo processo ancora più disastroso. Gli stessi alawiti per essere accettati cambiarono le pratiche della loro religione. Furono gli ayatollah, saliti al potere con la rivoluzione in Iran, a dichiararli ufficialmente sciiti nel 1973, con l’intervento dell’imam Musa al-Sadr, un personaggio affascinante, coltissimo, il primo religioso sciita a scrivere di filosofia per Le Monde. Hafiz al-Assad, padre di Bashar, ne aveva disperatamente bisogno: per legittimarsi aveva dovuto stabilire per legge che il presidente della Siria poteva non essere musulmano, provocando la sollevazione della popolazione sunnita. Ecco perché gli Assad sono ancora alleati di ferro di Teheran. Religione e politica nell’islam si intrecciano, una legittima l’altra.

Chi è “il musulmano errante”?
Il musulmano errante nasce in un momento di folgorazione dopo tanti anni di viaggi. I musulmani cercano un modus vivendi non solo in rapporto con l’Occidente ma anche all’interno del proprio mondo. Devono fare i conti con la modernità e ricostruire per la propria storia, rielaborarla, impresa non facile come dimostrano i contrasti e il malessere attuali.

Nel libro lei parla di una figura molto tormentata, Soleyman Effendi. È lui il musulmano errante?
Soleyman incarna tutta la complessità dell’erranza, sempre alla ricerca della fede e della verità, implacabile. Nacque alawita, si convertì all’islam sunnita, all’ebraismo, al cristianesimo ortodosso, quindi si fece anglicano per tornare in seguito cristiano ortodosso e poi di nuovo semplicemente sé. Parlava moltissime lingue ed era considerato un eretico. Fu lui a pubblicare nel 1863 uno dei libri iniziatici di Al-Khasibi, il grande codificatore della dottrina alawita, che sarebbe dovuto rimanere nascosto. Quando Al-Khasibi morì, nel 969, i suoi seguaci scrutarono tutta la notte il cielo di Aleppo convinti che la sua anima fosse diventata una stella della Via Lattea. Soleyman percorse in prima persona tutto quel mondo che io stesso ho visto. Passò da una religione all’altra, del resto in noi coesistono tanti aspetti che formano un unicum, un grande quadro impossibile da visualizzare in ogni suo risvolto.

Errante anche lei.
Sì, errante anche io, in viaggio, esposto a nuove verità che possono essere in contraddizione con quella che ho vissuto precedentemente ma che non per questo respingo. Ho sempre voluto scrivere un’altra versione della storia, estrarre pezzi di verità tentando di metterli insieme per restituire un affresco che rispecchi il più possibile quello con cui sono entrato in contatto. Scrivo ogni volta la stessa storia da capo, aggiungendo nuovi particolari.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi