Google+

L’Irlanda e la «“nuova ortodossia” del matrimonio “gender-neutrale”»

maggio 21, 2015 Redazione

I vescovi invitano a votare “no” al referendum sul matrimonio omosessuale e attaccano i politici che si esprimono come «un grammofono rotto»

Articolo tratto dall’Osservatore Romano – In vista del referendum di venerdì 22 maggio, che potrebbe aprire le porte ai matrimoni fra persone dello stesso sesso, si susseguono gli appelli dei presuli irlandesi a votare «no». L’ultimo intervento è del vescovo di Clogher, Liam MacDaid, dopo analoghe lettere arrivate nei giorni scorsi dall’arcivescovo di Cashel and Emly, Kieran O’Reilly, dal vescovo di Elphin, Kevin Doran, dal vescovo di Galway and Kilmacduagh, Martin Drennan, e dal vescovo di Killala, John Fleming. Lettere pastorali simili tra loro, nelle quali si invitano i fedeli ad andare a votare per contrastare l’ipotesi che le unioni fra omosessuali possano avere gli stessi identici diritti dei matrimoni tra un uomo e una donna. Monsignor MacDaid, pur sottolineando la necessità e l’importanza di avere rispetto dei diritti umani e di riconoscere «diritti e responsabilità» anche all’interno delle unioni omosessuali, osserva che una scelta legislativa errata finirebbe per «destabilizzare ancora di più la famiglia e la società. Se dunque abbiamo serie riserve su questa proposta» (quella di equiparare le unioni gay ai matrimoni), «abbiamo la responsabilità di dirlo al nostro Governo».

Nelle settimane scorse l’arcivescovo di Dublino, Diarmuid Martin, ha esplicitamente annunciato che voterà «no» al referendum con il quale i cittadini irlandesi sono chiamati a esprimersi sulla modifica costituzionale che aprirebbe la strada alla legalizzazione delle nozze fra omosessuali. In un lungo discorso tenuto all’All Hallows College, dal titolo Marriage in the constitution is linked with the family, ha spiegato che nella Costituzione il concetto di matrimonio è strettamente legato a quello di famiglia e che, quindi, modificare la definizione tradizionale del matrimonio quale unione tra un uomo e una donna rappresenta una rottura con la storia umana e con la natura stessa di questa istituzione. Il presule ha criticato i politici che, «invece di intervenire con argomenti razionali di fronte alle preoccupazioni dei rappresentanti ecclesiali, semplicemente rispondono con brevi frasi come provenienti da un grammofono rotto».

L’arcivescovo di Dublino si pone sulla stessa lunghezza d’onda del presidente della Conferenza episcopale irlandese, Eamon Martin, arcivescovo di Armagh, più volte intervenuto per ribadire le ragioni della Chiesa contro la modifica costituzionale. Ragioni che hanno a che fare con la natura intrinseca del matrimonio e non sono dettate da un atteggiamento discriminatorio verso le persone omosessuali, che la Chiesa rispetta. «È la natura — ha affermato in un messaggio — che ci dice che le unioni tra persone dello stesso sesso sono fondamentalmente e oggettivamente diverse dall’unione complementare tra un uomo e una donna, per sua stessa natura aperta alla vita». In tal senso, «il matrimonio è molto più che una relazione d’amore tra due adulti consenzienti». Ma in gioco con il referendum, ha avvertito il primate d’Irlanda, c’è anche la libertà di coscienza e quindi la libertà di esprimere pubblicamente i propri valori e ciò in cui si crede: «Se la società adotta e impone una “nuova ortodossia” del matrimonio “gender-neutrale” definendolo semplicemente come unione tra due persone, uomo e uomo o donna e donna, sarà poi sempre più difficile parlare in pubblico del matrimonio come unione tra un uomo e una donna».

Foto Ap/Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

17 Commenti

  1. Cisco scrive:

    Intanto dalle nostre parti il sindaco Arcobaleno – alias Marino – continua con i suoi show illegittimi sul registro delle unioni di fatto, di fatto delle ridicole messinscene. L’Irlanda sarà spinta da una propaganda gobbelsiana ad approvare quest’altra pagliacciata: ma ride bene chi ride ultimo.

    • Nino scrive:

      @Cisco: io non capisco perché parli di show illegittimi, non mi pare che sul registro delle unioni di fatto (sulla cui utilità effettiva si può ovviamente discutere) Marino abbia fatto niente di illegittimo o peggio di illegale.

      Poi si può essere o meno d’accordo sull’estendere il concetto di matrimonio anche alle coppie omosessuali o nel riconoscere dei diritti alle coppie omosessuali in quanto coppie (cosa che tra l’altro in Irlanda è stata già fatta), ma chiamarla pagliacciata mi sembra eccessivo.

      • Sebastiano scrive:

        E perché eccessivo?
        Se un sindaco (si fa per dire) di una città con una catena montuosa di problemi, se ne sta lì a fare propaganda politica, con relativo codazzo salottiero di stampa amica, anziché preoccuparsi di amministrare la città, mi pare eccessivo sì. Tanto più che a quegli atti (ammesso che non siano illegittimi o illegali) non è obbligato da nessuna legge dello stato italiano. Se impiegasse meglio il suo tempo eviterebbe di fare il clown.

  2. giuseppe scrive:

    “Ragioni che (…) non sono dettate da un atteggiamento discriminatorio verso le persone omosessuali, che la Chiesa rispetta”.
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!

    • E scrive:

      Risus abundat in ore stultorum.

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Non discriminiamo nessuno, in Chiesa entrano tutti, perfino i cani…Ma che ve ne frega a voi di entrare in Chiesa? Voi volete salire sul podio dei belli, buoni e bravi -con tanto di applausi.Alle famiglie il compito scellerato di mettere al mondo i figli…non è quello che volete? Se poi la vita vi annoierà, potrete -se avrete le possibilà economiche- di “affittare” un utero…Sciocchezzuole!

  3. Nino scrive:

    Se perfino la cattolicissima Irlanda, dove peraltro già esisteva una legge sulle unioni civili omosessuali , approva il matrimonio (e lo fa attraverso un referendum) … non si può neanche dare più la colpa ai politici

    • EquesFidus scrive:

      Significa che l’Irlanda non è più “cattolicissima”, e da un pezzo; significa anche che gli scandali di (presunti) casi di pedofilia erano strumentali anche in vista di queste oscenità.

      • giuseppe scrive:

        Qui di osceno c’è solo questa tua affermazione, che dimostra chiaramente da che parte stai tu e tutti i tuoi correligionari: dalla parte dei molestatori di bambini.

        • Pepito scrive:

          …e tu Giuseppe con questo commento sciocco dimostri chiaramente che oltre che ideologizzato non sei neanche tanto sveglio.

  4. Raider scrive:

    Rimangono tanti altri Paesi dell’Ue,q uelli dell’Est, contrari alle direttive dall’alto: e la conta, al momento, è, su scala mondiale, dalla parte dei Paesi contrari al programma eurocratico. Quanto all’articolo sul referendum irlandese, magari, uscirà domani si “Tempi.it” o comunque, nei prossimi giorni quando si disporrà di dati utili a una prima valutazione e delle reazioni del Paese a una vittoria di determinate dimensioni.
    L’esito, comunque, era scontato, per chiunque abbia occhi per vedere: e l’aggressiva campagna condotta dal fronte pro-nozze gay, data la disparità di mezzi (d’informazione) e uomini dello show-biz e dell’industria culturale, non era certo la migliore garanzia di un confronto equo.
    Ma si sapeva anche in Irlanda com’era finito il referendum californiano sulle nozze gay, stracciato da alcuni giudici che dispongono della legge e quindi, della volontà popolare: e i più si adeguano. Questo non toglie che, vittoria o sconfitta, c’è gente che non si lascia intimidire né condizionare dai risultati di consultazioni che avvengono in un contesto generale in cui la fiducia nella democrazia – non solo nelle sue istituzioni, ma anche nelle espressioni della “società civile” – tende sempre più al ribasso.

  5. Helvetius scrive:

    disparita’ di mezzi? Direi piuttosto di intelligenza. Dati più precisi? Siete patetici e sopratutto sempre meno.

    Chi vi vuole intimidire? Qualcuno ha forse abolito il matrimonio eterosessuale? Siete vari intolleranti.

  6. SUSANNA ROLLI scrive:

    Andate a pavoneggiarvi nei Paesi Musulmani, e, se avete fegato, a supportare i matrimoni omosessuali là, per favore, che quelli che la pensano come voi hanno bisogno di manforte..perchè là tutto tace? Rivendicate i vostri “diritti” solo in Europa? Non è giusto, voi che parlate tanto di giustizia!

  7. Raider scrive:

    A proposito di razzismo, superiorità antropologica e tolleranza, l’idea che chi perde un referenudm sia meno intelligente degli avversari dice molto bene il livello di reale rispetto del prossimo di alcuni che vincono i referendum non certo grazie alla propria intelligenza.
    La disparità delle forze sul piano propagandistico è evidente, la capacità di esercitare forme di condizionamento e pressione sulla pubblica opinione attraverso il sistema mediatico – avendo come testimonial, in pratica, l’universo mondo dell’intrattenimento, della cultura di massa e delle élite intellettuali, economiche e politiche, l’alto clero del culto delle religione del nostro tempo, quella dell’immagine e dello spettacolo – è nota e sperimentata non solo nel caso dei temi gender e non solo in Irlanda. Dove le discriminazioni subite dai sostenitori del NO sono documentate.
    Il resto, è soltanto un modo per celebrare una vittoria scontata con ingiurie altrettanto scontate.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana