Google+

Iraq. Lo Stato islamico ammazza due omosessuali lanciandoli da un palazzo

gennaio 18, 2015 Redazione

Nuove terrificanti immagini delle brutali esecuzioni comminate dai tagliagole del califfo Al Baghdadi contro chi trasgredisce la sharia

stato-islamico-esecuzione-omosessuali-1

Sono state diffuse nuove terrificanti immagini di alcune spietate esecuzioni compiute in Iraq dai tagliagole dello Stato islamico. Alcune di queste mostrano il trattamento riservato dai terroristi agli omosessuali.

stato-islamico-esecuzione-omosessuali-2

Due uomini vengono gettati al suolo dal tetto di un palazzo, quello che secondo alcuni organi di stampa britannica sarebbe «il punto più alto della città di Mosul». Ai piedi dell’edificio una folla di persone assiste al crudele assassinio dei due uomini che secondo la legge dello Stato islamico sarebbero colpevoli del “crimine della gente di Lot”, l’omosessualità.

stato-islamico-esecuzione-omosessuali-3

Il filmato mostra anche altre brutali pene inflitte dallo Stato islamico in base alla sharia: durante la stessa pubblica esecuzione dei due omosessuali, altri due uomini vengono crocifissi per banditismo e una donna è lapidata per adulterio.

stato-islamico-esecuzione-omosessuali-4

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Raider scrive:

    Finora, non s’è fatto vedere nessuno che protesti contro un’usanza islamica che il politicamente corretto dovrebbe, per correttezza con se stesso, difendere in nome della divinità multiculturalismo: o le probizioni, le proteste, gli insulti, le offese a ‘mamma’, per non parlare di papà e papa, gli schiamazzi, gli sputazzi, i tentaitivi di linciaggio vanno bene solo quando c’è da fa fuori cristiani e Cristianesimo?
    Difendendo noi stessi e la nostra fede, in Occidente e altrove, noi cristiani difendiamo la vita di questi ragazzi. Ma i militanti gay fanno finta che non sia così, non vengono a reclamare neppure qui, non si fanno vedere per strada per dire “Je suis kaum nabi Lot”, della tribù del profeta Lot, secondo la perifrasi islamicamente corretta per ‘omossesuale’. Anzi, accusano di questi crimini i cristiani!, roba da non credere; e comunque, mai e poi mai si scaglierebbero contro gli islamici come sono soliti fare con noi cristiani, che si taccia in una piazza o si discuta indoor. Almeno spiegassero perché la voce non gli arriva in gola.

    • Q.B. scrive:

      Il perché è tutto nell’abusata storiella di quel tizio ubriaco fradicio che in una notte oscura si ostinava a cercare sotto la luce di un lampione le chiavi di casa che poco prima aveva perso in una zona buia del marciapiede.

      Sotto la luce del lampione ci si vede, anche se un minimo di ragione sarebbe sufficiente a farti capire che non ha senso cercare ivi quello che sai essere altrove.

      E’ un tratto caratteristico di chi dissocia la realtà contingente dall’idea astratta e quando qualcuno prova a farli ragionare insultano, strillano omofobbbbbo e poi scappano (in alternativa ti imbrattano le parti dell’ufficio con il favore delle tenebre)!.

      • Je suis Menelicche scrive:

        Secondo me è molto più semplicemente perché sono vigliacchi, fifoni, cacasotto.
        Fanno i prepotenti con chi credono deboli, ma a chi si fa rispettare, fanno i leccapiedi.
        Scusate la brutalità popolare dell’espressione, ma pane al pane, e vino al vino…..

  2. maurizio scrive:

    Semplicemente(certe persone)sanno solo insultare,magari farsi vedere per essere messi in mostra in tv o giornali(cui sono asserviti..alla faccia della libertà)e ripetere slogan dopo essersi preoccupati di staccare il cervello…si chiama emancipazione,modernità,progresso rispetto al buio medioevo che ha prodotto università,ospedali,chiese,arte,bonifica di territori paludosi,ospizi ecc..ecc..così é la vita! oggi!!

  3. Antonio scrive:

    La religione islamica prevede la morte per gli omosessuali (al pari di apostati, adulteri e bestemmiatori di Dio). Gettare giù da un palazzo non è poi tanto differente dall’impiccagione che praticano molti paesi islamici.
    Tale dovere è imposto da alcuni hadith del Profeta (la Sunna, che ha valore di legge come il Corano):

    “Quando un uomo cavalca un altro uomo, il trono di Dio trema. Uccidete l’uomo che lo fa e quello che se lo fa fare. Il sihaq (lesbismo) delle donne è zina (rapporti illegittimi) tra esse”.

    Il Messaggero di Allah ha detto: “Chiunque trovate fare l’azione del popolo di Lot (sodomia, omosessualità), giustiziate colui che la commette e colui al quale viene commessa.”
    Hadith trasmesso da Tirmidhi, Abu Dawud, Ibn Majah.

    Se andiamo avanti di questo passo con l’islamizzazione dell’Europa, tra poco tempo anche in Italia avremo più gente spiaccicata sui marciapiedi che moscerini sul parabrezza.

  4. Lela scrive:

    In una eventuale conquista islamica dell’Europa, vedi come rimpiangerebbero il malvagio Papa che li invitava alla conversione…

  5. Giova scrive:

    Speriamo che presto si possa fare anche in Lombardia: giù dalla torre del Pirellone!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana