Google+

Iraq. Il rapporto di Amnesty International “dimentica” i cristiani. Perché?

settembre 4, 2014 Redazione

Le testimonianze e i racconti su quanto subito dai “nazareni” non mancano. I terroristi del Califfato islamico non fanno distinzioni quando si tratta di tagliare le gole. Perché Amnesty ha scelto di farle?

amnesty-international-iraqÈ abbastanza sconcertante notare come nel rapporto di Amnesty International dedicato a quanto sta accadendo in Iraq, si parli di molte e varie crudeltà, glissando su quelle subite dai cristiani. Non sarà elegante farlo notare – qualcuno potrebbe pensare che si stia facendo una gara di “vittimismo” – ma resta comunque il fatto che l’associazione, che pure ha fatto un buon lavoro, abbia quasi timore a parlare delle torture e degli omicidi di cristiani. La domanda, quindi, è una sola: perché?

LE PIETRE, NON LE PERSONE. Eppure il rapporto non si sottrae alla denuncia delle terribili vicende degli yazidi, altra minoranza che ha subito gli attacchi degli jihadisti del Califfato islamico. Si parla di «sistematica pulizia etnica», di «uccisioni sommarie», di rapimenti e stupri. Costruito intorno alle testimonianze, il report è assai accurato nel descrivere le atrocità. Però, quando si parla di cristiani, sembra che essi abbiano subito attacchi solo per quanto riguarda i monumenti, non alle persone. Insomma, di parla di pietre, non di carne. Anche quando si sofferma sulle conversioni forzate, il rapporto dedica due terzi del suo spazio agli yazidi, solo poi accennando ai cristiani.

LE TESTIMONIANZE NON MANCANO. Ripetiamo: non è una “gara” a chi ha sofferto di più, però non può non balzare all’occhio questa “dimenticanza”. Eppure gli appelli, le descrizioni, le testimonianze in questo senso non mancano. Tempi ve le ha raccontato tramite il reportage di Rodolfo Casadei, ma basterebbero le parole di monsignor Luis Raphael Sako, di monsignor Shlemon Warduni, di monsignor Emil Shimoun Nona per sapere che cosa è successo e succede oggi in Iraq. Giorgio Lingua, il nunzio apostolico, ha parlato di esodo e genocidio. Ma basterebbe rileggere l’ultimo caso di cronaca, quello di Salem Matti Kourki, torturato e ucciso perché non ha voluto abiurare. E Salem era cristiano.

LA CHIESA E GLI IRACHENI. Quando monsignor Fernando Filoni, il delegato di papa Francesco, è stato in Iraq ha parlato degli yazidi, dei cristiani, dei turcomanni. Ci sono stati esempi anche di musulmani che hanno difeso i cristiani. La giornalista Dalia AlAqidi, dipendente dell’emittente irachena Sumaria, si è messa una croce al collo e si è scagliata dalla tv contro il «fascismo politico islamista». Insomma, la Chiesa e alcuni iracheni hanno testimoniato la verità di quel che accade nel paese. I terroristi del Califfato islamico non fanno distinzioni quando si tratta di tagliare le gole. Perché Amnesty ha scelto di farle?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. lg scrive:

    …il cristianesimo è libertà. Proteggerlo non fa comodo a nessuno

  2. Luigi scrive:

    AMNESY international?

  3. Filippo81 scrive:

    Sono anni che rifiuto a priori qualsiasi cosa che sia di amnesty international.

  4. giuliano scrive:

    Amnesty international è l’ennesima ong comunista nata per attirare allocchi borghesi alla sua causa con i soldi dei contribuenti. Tutte le altre organizzazioni, nazionali e non, sono nate dalla radice comunista e lo si deduce dalle loro opere, l’UNICEF ad esempio, già negli anni 70, girava per i campi profughi vietnamiti (i bot peaple) ospitati nel Laos e distribuiva profilattici e ricattava le donne con aiuti se abortivano, altrimenti niente

    • tommaso scrive:

      direi che più che comunista appartiene a quella simpatica organizzazione internazionale che pochi secoli fa ha fissato l’ambizioso obiettivo di distruggere la chiesa…. ma queste sono solo illazioni….

  5. Gabriele scrive:

    A me pare che si esageri su Amnesty. In Amnesty ci sono molti cattolici come attivisti. Dire poi che Amnesty dimentichi le persecuzioni sui cattolici è infondato : http://www.amnesty.it/Egitto-comunita-cristiane-capri-espiatori-dopo-sgomberi-di-sit-in-pro-Morsi

    • Sebastiano scrive:

      Già, peccato che quel link si riferisca a fatti di un anno fa (guarda la data in alto), mentre l’articolo vuol far notare che della strage dei cristiani in Iraq e in Siria (per non parlare di quel che succede in quasi tutti i paesi a maggioranza musulmana) ad Amnesy International non gliene fotte una cippa.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana