Google+

Intervista a Mario Mauro. «Le forze armate sono la più grande organizzazione umanitaria italiana»

dicembre 22, 2013 Rodolfo Casadei

Per il ministro della Difesa i tagli al bilancio mettono in pericolo i soldati: «Non si tratta di avere più armi, ma di consentire il mantenimento di una forza armata efficiente»

Mario Mauro è ministro della Difesa dal 28 aprile scorso. Nei primi sette mesi del suo mandato ha affrontato molti dibattiti sulle scelte strategiche della politica italiana per la Difesa.

Signor ministro, negli ultimi anni abbiamo assistito a cambiamenti nella strategia di Difesa dell’Italia. Da quale visione è guidata ora la nostra politica?
Fino al 1989 il nostro paese schierava due terzi delle sue forze armate in tre regioni del Nord-Est: Veneto, Trentino e Friuli. Si trattava di difendere quel confine nell’ipotesi di una crisi bellica fra la Nato e il Patto di Varsavia. Oggi le regioni con la maggiore presenza militare sono Sicilia, Puglia e Campania. Finito il confronto Est-Ovest, la collocazione naturale nel centro del Mediterraneo fanno dell’Italia un soggetto strategico, all’interno dell’Alleanza atlantica, per il contrasto all’instabilità nei paesi del Nordafrica e del Medio Oriente. La partecipazione italiana alle missioni internazionali va vista in quest’ottica. L’orizzonte della Difesa non è più tanto l’eventualità di una guerra fra Stati, quanto piuttosto operazioni di polizia internazionale che contribuiscono al contenimento dei conflitti e con ciò pongono le basi per il ripristino della pace.

Tuttavia le critiche alle missioni internazionali che vedono coinvolta l’Italia non sono affatto rare. I costi economici e umani sono noti, i benefici sembrano non vedersi.
Capisco che le missioni come quella in Afghanistan possano apparire controverse: siamo presenti dal 2003 e 10 anni possono sembrare tanti. Ma non dobbiamo dimenticare che nel cuore della civilissima Europa ci sono missioni d’interposizione come quella in Bosnia che dura da 20 anni e quella in Kosovo che è in corso da 15. Noi siamo presenti coi nostri uomini e mezzi in Libano nell’ambito della missione Unifil da 34 anni, perché i tempi e i modi di una logica di interposizione non possono essere decisi a tavolino. Semplicemente la comunità internazionale si sente impegnata ad assumersi la responsabilità del destino di quei popoli e di quelle nazioni per evitare al mondo guai peggiori. Noi abbiamo perso 54 uomini in Afghanistan e abbiamo avuto molti feriti: una perdita inestimabile, perché la vita umana non ha prezzo. Ma forse dovremmo anche ricordare che quando è cominciata Isaf in Afghanistan c’erano solo 800 mila studenti, tutti maschi; oggi ce ne sono quasi 9 milioni e il 40 per cento sono donne. Non abbiamo soltanto lottato contro il terrorismo, ma anche creato le condizioni di sicurezza per lo sviluppo di quel paese.

L’articolo 11 della Costituzione dice che l’Italia ripudia la guerra come mezzo per la risoluzione delle controversie internazionali e che consente alle limitazioni della sovranità necessarie a un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le nazioni. Come si traduce nel concreto il dettato costituzionale?
Partecipando alle missioni di peace-keeping l’Italia adempie al mandato costituzionale. Questo modo di intervenire nei conflitti è legato a una filosofia molto concreta: attraverso un’azione di deterrenza si mira a impedire ripercussioni ancora più gravi per le popolazioni civili. Ciclicamente ci troviamo a chiederci: vale la pena morire per Kabul? Per Beirut? Per Sarajevo? Noi sappiamo che laddove le azioni di deterrenza non sono state condotte, come a Srebrenica o in Ruanda, il costo in termini di vite umane perdute è stato sovente molto più grande di quello che sarebbe avvenuto con un intervento. Allo stesso tempo dobbiamo essere consapevoli che nel momento in cui decidiamo di intervenire ci devono essere tutte le condizioni possibili perché l’intervento contenga il conflitto e non lo faccia invece dilagare.

Cosa significa e cosa comporta essere ministri della Difesa in tempi di ristrettezza della finanza pubblica?
Se stiamo ai dati del Sipri, l’organismo indipendente con sede a Stoccolma che misura i bilanci della Difesa su scala globale, noi sappiamo che negli ultimi dieci anni quelli dei paesi europei hanno subito un’erosione che oscilla fra l’1 e il 3 per cento. L’Italia rappresenta un’eccezione: nello stesso periodo ha tagliato il proprio bilancio della Difesa del 19 per cento. Dunque la crisi economica sta mettendo in difficoltà non solo gli investimenti sul lungo periodo tipici della Difesa, ma la possibilità stessa di rinnovare il parco tecnologico dei sistemi d’arma. Il problema è che su 60 navi della Marina italiana, entro 10 anni 47 andranno in pensione. Gran parte degli aerei dell’aeronautica militare dovranno essere dismessi nel giro di pochi anni. Non si tratta di avere più armi, ma di consentire il mantenimento di una forza armata efficiente per difendere il paese e garantire la funzione essenziale della Difesa.

È possibile oggi un dibattito pubblico sulla Difesa e sulle spese militari totalmente trasparente e totalmente democratico nel nostro paese? A quali condizioni?
È possibile perché è garantito dalle leggi vigenti, alle quali nella scorsa legislatura si è aggiunta la 244, le quali impongono che tutto quello che è norma relativa all’attività della Difesa subisca il vaglio reiterato del Parlamento, al quale spetta la determinazione degli orientamenti politici nell’ambito della Difesa e il controllo sistematico delle spese. Al governo e allo Stato maggiore della Difesa spetta nient’altro che di attuare in fase esecutiva gli orientamenti delle nostre assisi democratiche. A ciò servirebbe affiancare un grande dibattito culturale sui princìpi della homeland security. Questo dibattito sarebbe senz’altro auspicabile, soprattutto se consideriamo che le forze armate sono probabilmente la più grande agenzia umanitaria italiana. Pensiamo alle 120 mila persone salvate in mare dalla marina militare e dall’aeronautica negli ultimi dieci anni. Agli interventi delle nostre forze armate in chiave umanitaria ieri ad Haiti e oggi in Sardegna e nelle Filippine. Al supporto logistico offerto alla giornata della Colletta alimentare. Davvero le forze armate sono la più grande organizzazione umanitaria italiana.

Il Consiglio europeo del 19 e 20 dicembre avrà all’ordine del giorno la politica di difesa e sicurezza comune europea. Cosa si aspetta?
Tutti i paesi europei, Italia in testa, stanno procedendo a tagli del bilancio, ma se prendiamo la spesa globale per la Difesa dei paesi dell’Unione Europea, essa è superiore a quella di Russia, Cina e Giappone sommate insieme. Facciamo spese che potrebbero essere evitate con le economie di scala e facciamo tagli che ci privano di capacità strategiche perché ognuno fa fronte ai propri bisogni organizzando la difesa su scala nazionale. Dal Consiglio europeo di dicembre mi aspetto una grande assunzione di responsabilità e di volontà politica che chiarisca che si intende procedere in tempi spediti per un’integrazione europea nel settore della Difesa. Mi aspetto anche che si deliberi di utilizzare i fondi per la ricerca e l’innovazione tecnologica anche per quei settori della Difesa che hanno ricadute nella vita civile. In un momento di grande difficoltà economica dell’Europa destinare fondi per la ricerca sui segmenti cosiddetti dual use, cioè che sviluppano tecnologie di uso militare e civile insieme, può fare da traino per la nostra industria e per i nostri settori ad alta innovazione tecnologica.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. Luigi scrive:

    Caro Mauro ( onorevole non te lo dico di certo ), Il giorno che ho letto (guarda caso sbandierato sul giornale di federfarma) la tua interrogazione al parlamento europeo a favore della lobby delle farmacie e contro la vendita dei farmaci di fascia C alle parafarmacie (decreto Monti salva Italia – allora tu eri con il Cav.) ” che mettono in pericolo L’INDIPENDENZA ECONOMICA DEI FARMACISTI” (Sic!!) e…. ” mettono a rischio la salute dei cittadini (le parafarmacie) perchè detti farmaci hanno bisogno di uno stretto controllo sull’assunzione” – Mauro dixit …facendo FINTA di non sapere che i titolari di parafarmacie hanno la medesima laurea dei lobbisti milionari e titolari di licenza …..mi sono vergognato di averti votato, di aver fatto il porta a porta e anche di appartenere al tuo stesso Movimento. Non spreco perciò nemmeno il tempo di leggere le str….te che dici . Servo dei potenti altro che servitore del “bene comune” (Il sussidiario.net censura ogni critica a Mauro……vediamo Tempi)

    • Angelo scrive:

      quanto livore…

      • poveritalia scrive:

        perchè dici … quanto livoreP Per caso Luigi dice cose sbagliate?

      • luigi scrive:

        Caro Angelo, il livore, come lo chiami tu, deriva dal fatto che ho visto i miei genitori togliersi LETTERALMENTE, il pane dai denti per poter permettere a me e mia sorella di laurearci. Mio padre ha ipotecato l’appartamento pagato con mutuo ventennale per farmi aprire una parafarmacia. Oltre a tutte le angherie che ci dobbiamo subire da federfarma ora mi tocca sentire anche da un parassita politicante che la mia laurea (110… purtroppo lo so, senza lode …..) non ha lo stesso valore di quella del mio “collega” e concittadino multimilionario presa fra l’altro 3 anni fuori corso (tanto la farmacia di famiglia mica scappava!!!”) . Io metto a rischio la sua indipendenza economica!! ma sopratutto la salute dei miei clienti !!! Sono un incapace solo perchè non posseggo i milioni di euro che servono per acquistare una licenza di farmacia….se li avessi diventerei di colpo competente secondo il Mauro di turno. No…non è livore è pura…assoluta e semplice incazzatura!!! E ti dico pure che se lo avessi di fronte, pensando ai sacrifici fatti dai miei, potrei anche picchiarlo, poi tu pensa quello che ti pare.

        • Giorgio scrive:

          Premetto che io sarei talmente liberale da abolire il valore legale del titolo di studio, figuriamoci cosa penso delle varie caste in cui si articola il nostro arcaico sistema economico-sociale.
          Ma bisogna che ti faccia una domanda, credimi, senza spirito polemico alcuno:
          ma tu, quando hai scelto il corso di laurea, lo hai fatto con quali prospettive?

  2. poveritalia scrive:

    Dato che su Tempi leggo di tutto quello che succede nel mondo ai poveri Cristi in fuga da guerre e persecuzioni, perché non dire qualcosa circa quello che succede nei NOSTRI campi profughi, dove persone altrettanto persone come i Cristiani che fuggono da chi ovunque li perseguita nel mondo, sono ESSERI UMANI agli occhi di Dio non meno dei bravi Italiani che stamattina sono andati a Messa, hanno ascoltato le parole del Papa e … se le sono subito dimenticate.

    • giovanni scrive:

      poveraitalia sai com’è… noi cristiani siamo di dura cervice e abbiamo sempre bisogno di Qualcuno che ci aiuta, forse per questo andiamo a messa, voi non credenti invece non ne avete bisogno, non siete come i cristiani dalla memoria labile, voi le parole del Papa le ricordate tutte tutte, anche quelle che il Papa non ha mai detto

  3. francesco taddei scrive:

    ma perchè dobbiamo spendere per una difesa europea se poi comandano inglesi e francesi? perchè mauro parla sempre di europa e mai dell’interesse dell’italia di cui è ancora figlio? noi dobbiamo sempre obbedire, mai essere protagonisti. buone relazioni col mondo nordafricano spazzate via dai capricci dei nuovi colonialisti europei. che palle sti politici che “ce lo chiede l’europa” e mai nessuno che pensi a più italia.

  4. Giorgio scrive:

    Ci sono domande mosse da malizia, e altre domande mosse dalla curiosità necessaria a ricolmare lacune.
    Nel caso in esame, visto che a molti capita di scegliere un percorso di studi per esercitare una professione e, per vari motivi, di trovarsi in seguito chiuse le prospettive che all’inizio risultavano aperte, mi sembrava lecito chiedere se la vicenda di Luigi si inquadrasse in questo genere di ottica.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana