Google+

Indignati su Twitter: «Annulliamo la visita del Papa e diamo i soldi ai terremotati»

maggio 30, 2012 Chiara Sirianni

Sui social network gli utenti chiedono di annullare la parata del 2 giugno e l’Incontro mondiale delle famiglie a Milano per destinare i risparmi alla popolazione emiliana colpita dal terremoto. Intanto gli sciacalli avanzano.

Nei giorni in cui il terremoto sta devastando l’Emilia Romagna, i social network vengono utilizzati per cercare di diffondere informazioni utili, dai numeri della protezione civile a quelli degli alberghi che si sono resi disponibili ad accogliere gli sfollati. Certo, capita che a ogni tragedia segua anche lo sciacallaggio, mediatico e non. A volte si tratta di sviste di cattivo gusto, altre di palese mosse promozionali. E per ogni sciacallo c’è una massa che si indigna a colpi di tweet o status su Facebook. Il caso più eclatante è stato quello di Groupalia, un’azienda specializzata nella vendita on-line di servizi per il tempo libero, che ha cavalcato l’hashtag “terremoto” scrivendo questo tweet pochi minuti dopo la prima scossa: «Paura del #terremoto? Molliamo tutto e scappiamo a #Santo#Domingo!».

Una tremendo scivolone, pare dovuto all’inesperienza del team, costata centinaia e centinaia di insulti da parte degli utenti. E le scuse non sono state sufficienti a placare l’ira, oltre che il danno d’immagine. Non si tratta di un caso isolato: c’è anche chi ha proposto di «esorcizzare la paura del terremoto con bel pranzetto dalle nostre parti» e chi ha ricordato la vendita di scarpe sportive in grado di «assorbire le vibrazioni del terremoto». In alcuni casi i responsabili, accusati di voler lucrare sulla disgrazia, sono stati addirittura minacciati di morte. La stessa isteria che è stata rivolta a una soubrette, che ha pubblicato su Twitter la foto di un paio di scarpe ai suoi piedi con tacco vertiginoso. Pensando di sdrammatizzare con ironia, ha scritto: “Direi che la scelta della scarpa è fondamentale durante un terremoto”. Il commento le è però costato un linciaggio a colpi di tweet durato un’intera giornata. Meglio una gaffe (certo, sgradevole, ma pur sempre una gaffe) o la scelta calcolata di pubblicizzare un libro a tema terremoto, edito da Casaleggio Associati, con tanto di “Acquista ora” in bella vista, come è successo ieri sul blog di Beppe Grillo?

L’indignazione corre veloce. Sotto accusa anche la parata militare del 2 giugno: «È folle sperperare tanti soldi per la parata del 2 giugno» scrive Twitter Antonio Di Pietro. «Opportuno utilizzare quei fondi per fini sociali e di solidarietà». Gli fa eco Nichi Vendola: «Italia attraversata da lutti, disperazione, paure. Inopportuno fare ora la parata militare del 2 giugno. Altri modi per celebrare la Repubblica». Anche Cecilia Strada dichiara tramite tweet: «Annullare la parata del 2 giugno, usare i 10 milioni di euro per aiutare i cittadini post terremoto: la Repubblica si dovrebbe celebrare così». Peccato che i fondi siano già tutti spesi, i  palchi sono montati da 7 giorni e quest’anno le spese della parata siano già state nettamente ridimensionate (il Sole 24 Ore ha calcolato un risparmio di circa il 40% rispetto al solito).

Il web si sta scatenando anche per la visita del Papa a Milano: «I soldi per l’Incontro famiglie siano dati ai terremotati» è la frase che viene freneticamente copia-incollata. Ma al di là del passaggio logico discutibile, sarebbe una buona idea? «La previsione di spesa per l’organizzazione del VII Incontro mondiale delle famiglie, che è stato dichiarato Grande Evento ma senza budget di spesa, si attesta attorno ai 10.200.000 euro » ha detto Daniele Conti, consigliere delegato della Fondazione Milano Famiglie 2012. E Luigi Campiglio, professore ordinario di Politica Economica, ha recentemente posto l’attenzione sulle ricadute economiche dell’arrivo di un milione di pellegrini. In particolare sui lavori diretti e i rapporti con le imprese innescati dal VII Incontro mondiale delle famiglie: «Per l’arrivo di un milione di pellegrini, fra spese di vitto, alloggio e trasporto, abbiamo stimato un indotto economico di circa 55 milioni di euro».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Salvatore Di Fazio scrive:

    Fermiamo allora anche il gay-pride per mandare i soldi in emilia e fermiamo i soldi spesi per gli aborti e le guerre

  2. karm2807 scrive:

    eh eh guai a toccare il Papa ….

  3. jp scrive:

    E’ la voce di Giuda che rieccheggia nei secoli : “non si poteva vendere il profumo e il ricavato darlo ai poveri”?

  4. Armand Poto scrive:

    I just want to say I am all new to blogging and seriously enjoyed this blog. Almost certainly I’m likely to bookmark your blog post . You surely have fabulous stories. Bless you for revealing your web site.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana