Google+

Il finanziamento pubblico ai partiti è stato “quasi” abolito. Ma la nuova legge peggiora la situazione

dicembre 13, 2013 Francesco Amicone

«I cittadini non risparmieranno un euro», dice a tempi.it Maurizio Bianconi (ex tesoriere Pdl). E «i partiti saranno commissariati dai magistrati e dai poteri forti»

«Il finanziamento pubblico ai partiti è stato quasi abolito. I cittadini non risparmieranno un euro». Maurizio Bianconi, ex tesoriere del Pdl, commenta con tempi.it l’introduzione del nuovo meccanismo di “donazioni volontarie” ai partiti approvato con decreto d’urgenza dal Governo Letta. Bianconi definisce l’operazione governativa, che anticipa la conclusione dell’iter parlamentare della riforma dei rimborsi elettorali, «un diktat su una presa in giro». «Il nuovo finanziamento è una beffa. Introduce un sistema con partiti commissariati dai magistrati e dai poteri forti, e costa all’erario la stessa cifra del precedente sistema di finanziamento pubblico, cioè 91 milioni di euro, come dice la legge».

È sicuro che si tratti della stessa cifra?
Più o meno. Il finanziamento, d’ora in poi, avverrà attraverso la scelta dei singoli cittadini che destineranno ai partiti il 2 per mille dell’Irpef. Bisognerà vedere se anche i cittadini che non esprimeranno una scelta, alla fine, in qualche modo, lo stesso andranno a finanziare i partiti. In ogni caso, i costi per l’erario saranno più o meno gli stessi. E a questa beffa si aggiunge l’iniquità, perché ora i partiti che hanno meno voti potranno ricevere più soldi.

Perché?
Con il sistema precedentemente in vigore (previsto in molti altri paesi democratici) non c’era un finanziamento vero e proprio, ma rimborsi distribuiti in modo proporzionale sulla base dei risultati elettorali. Con il sistema del 2 per mille (che fu un fallimento quando venne provato da Romano Prodi  legge n. 2 del 2 gennaio 1997, ndr), la differenza la detteranno i finanziatori privati, non il risultato elettorale. Un partito che piglia solo l’1 o il 2 per cento, ma ha una pletora di ricchi che lo sostiene, potrà ottenere più denaro di un partito molto rappresentativo ma con elettori con redditi più bassi. Ma non è finita qui.

Cosa c’è d’altro che non va nella legge?
Per ottenere questi finanziamenti bisogna rispondere a una serie di requisiti che andrebbero bene soltanto a un partito leninista degli anni Cinquanta. Lo Stato sfrucuglierà e controllerà il partito come il Grande Fratello. Se lo reputerà buono lo iscriverà a un registro, che sarà sottoposto non a regole oggettive bensì alla valutazione discrezionale di cinque magistrati scelti da tre magistrati. Questo è un sistema che esiste soltanto in Iran, dove gli Ayatollah decidono chi è candidabile e chi no.

Anche il Pd si è spaccato sulla riforma dei rimborsi ai partiti.
Non solo. Anche nella mia area politica. Molti fanno orecchie da mercante. Non capiscono che, andando avanti così, ammazzano le istituzioni? Per questa legge spenderemo la stessa somma per tenere i partiti in salamoia e farli controllare dallo Stato. Si darà ulteriore potere discrezionale ai magistrati che metteranno le mani sulla politica.

Il Movimento 5 Stelle vorrebbe l’abolizione totale dei contributi pubblici. Non è d’accordo?
Come si fa a fare politica senza un euro? Ci sarebbe bisogno dei contributi privati. Il problema è che quando associazioni, aziende, banche, corporazioni danno a un partito centinaia di migliaia di euro, poi quando si tratta di fare una legge che li riguarda non è che stanno zitti. Una telefonata la fanno. Sono sicuri di volere questo i grillini?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    bè questo dimostra l’inadeguatezza, oltre all’abusività, di tutti i parlamentari. e di come se ne infischino della volontà dei cittadini al riguardo, espressa più volte. oltre alla faccia di bronzo di letta. peggio che renzi.

  2. andrea scrive:

    Il punto non sembra essere “facciamo questo invece di quel che c’è” ma piuttosto “basta con wuel che c’è”.
    I grillini per altro non sembrano “volere” qualcosa ma certmente “non volere questo”. Chi decide è il duo Lescano, commedianti-imprenditori, che certamente sanno fare i loro conti…così come dicevano del Berlüsca.
    Niente di nuovo sotto il sole. Le cornacchie chiamavano l’acqua prima e la chiamano anche adesso…hanno solo cambiato pianta…ora sono su una pianta-grane.

  3. marzio scrive:

    Associazioni. aziende , banche, corporazioni non stanno zitte neanche adesso, anche se ufficialmente non danno una lira.L’indipendenza della politica, soprattutto quella delle forze maggiori, dal potere economico-finanziario è attualmente solo una bella favoletta.Comunque mi sembra che la legge in oggetto entrerà in vigore del tutto nel 2017, fino allora la fantasia del mondo politico troverà una soluzione……..

  4. Salvo Galiano scrive:

    E’un’annuncio,come tanti altri,per calmare le proteste da tutta Italia rappresentate dai FORCONI.Penso sia stato suggerito,a Letta, dal neo-segretario del PD Matteo Renzi

  5. Salvo Galiano scrive:

    E’un’annuncio,come tanti altri,per calmare le proteste da tutta Italia rappresentate dai FORCONI.Penso sia stato suggerito,a Letta, dal neo-segretario del PD Matteo Renzi.Salvo Galiano

  6. Cisco scrive:

    La prima repubblica e’ prosperata sulle tangenti private quando era al suo massimo splendore la legge sul finanziamento pubblico dei partiti. Almeno adesso la cosa dovrebbe essere più trasparente. Forse.

  7. GABRIELE scrive:

    La CASTA pensa solo a se stessa, a pararsi il …. futuro con pensioni e prebende degne dei peggiori tiranni medievali. Fra QUATTRO ANNI potrebbero essere cambiate tante cose e molti di ‘potenti’ di adesso potrebbero essere al bando della società se non peggio. Allora pre pariamoci il futuro! Attenti ai forconi e borse a qualcosa di più pesante signori politici intrallazzatori, MAI ELETTI da noi, !!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana