Google+

«Gli infedeli di Gesù sono suini». Nessuno perseguitato come i cristiani

ottobre 19, 2012 Matteo Rigamonti

Nei paesi di cultura cristiana non ci sono ostacoli alla libertà religiosa, ma i cristiani sono i più perseguitati. L’islam è la minaccia maggiore. I dati del rapporto sulla libertà religiosa di Aiuto alla Chiesa che soffre.

La croce è nel mirino dei violenti. Sono sempre i cristiani la comunità religiosa più esposta a casi di persecuzione e discriminazione nel mondo. E i paesi più pericolosi sono ancora una volta quelli islamici. Una conferma è arrivata da Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs), organizzazione di diritto pontificio che ha appena presentato il Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo.

CRISTIANI, I PIÙ DISCRIMINATI. Secondo il dossier, che ha raccolto numeri e dati in 196 paesi del globo e ha analizzato le esperienze di tutti i gruppi religiosi che lo abitano, tre casi di discriminazione su quattro (il 75 per cento del totale), riguardano i cristiani. E mentre nei 131 paesi di cultura cristiana non ce n’è uno che ostacoli la libertà religiosa, né nella legislazione né nei fatti, ben diversa è la situazione dei paesi di cultura musulmana. Come ha spiegato Marc Fromage, direttore della sezione francese di Acs, infatti, in 17 paesi islamici su 49 totali le religioni diverse dall’islam non sono tollerate e cristiani e non musulmani sono sottoposti a «controllo forzato». Mentre in 19 di questi paesi la libertà religiosa è riconosciuta soltanto sulla carta ma non è applicata in pratica.

«I CRISTIANI SONO SUINI». Arabia Saudita e Pakistan sono entrambi al fondo della classifica stilata da Acs. «Gli arresti e le irruzioni della polizia nelle case cristiane durante gli incontri di preghiera – ha riferito la sezione sull’Arabia Saudita – sono all’ordine del giorno. Nel marzo 2012 una fatwa del Gran Muftì, indicava come necessaria la distruzione di tutte le chiese nella Penisola arabica». E sui libri di testo degli studenti delle superiori, pubblicati dal ministero dell’Istruzione di Riyad, si leggono frasi del tipo: «Ebrei e cristiani sono nemici dei credenti e non possono avere l’approvazione dei musulmani». E recita un libro in uso alle medie: «Le scimmie sono gli ebrei, il popolo del Sabbah, i suini sono i cristiani, gli infedeli della comunione di Gesù». In Pakistan, invece, la legge sulla blasfemia ha portato nel 2011 161 persone davanti al giudice. C’è anche chi ha perso la vita, come il governatore del Punjab, Salman Taseer, assassinato a gennaio, reo di aver fatto visita in carcere ad Asia Bibi, la cristiana accusata di aver offeso Maometto e poi condannata a morte proprio in virtù di quella legge. Lo stesso scenario in cui si colloca l’uccisione di Shahbaz Bhatti, il ministro per le minoranze, di fede cattolica ucciso il 2 marzo scorso.

OLTRE I PAESI ARABI. «Ogni anno – continua il rapporto – circa 700 ragazze cristiane e almeno 250 indù vengono rapite, stuprate e costrette a convertirsi». E nei Balcani sono in aumento situazioni che destano serie preoccupazioni. In Bosnia-Erzegovina, per esempio, «gli ingenti investimenti compiuti da Stati come l’Iran e l’Arabia Saudita» stanno dando vita a comunità islamiche sempre più fanatiche. Mentre in Albania si sta verificando «la diffusione di un Islam più intollerante, rappresentato da giovani imam formati in Turchia e in Arabia Saudita».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Tribute to TM says:

    Come diceva Gian Battista Vico sono corsi e ricorsi….

    Esiste ancora visibile al pubblico un graffito di epoca romana in cui i cristiani sono raffigurati come un somaro appeso in croce….

    Dopo 2000 anni siamo da capo…..: ma pare che fosse già scritto !

    Amen

  2. Tribute to TM says:

    Il cosiddetto “Graffito di Alessameno”

    Il reperto è del III secolo d.C. ; è stato trovato sul Palatino a Roma nel 1857 negli scavi del Paedagogium, una sorta di collegio di epoca domizanea, destinato in particolare alla formazione dei paggi imperiali provenienti verosimilmente da classi sociali medioalte.

    La raffigurazione è composta da tre disegni: il corpo di un uomo crocifisso con la testa di un animale (con ogni probabilità un asino o un mulo); un uomo in adorazione e infine la scritta in greco antico ΑλΕξΑΜΕΝΟς CεΒΕΤΕ ΘΕΟN (che traslitterata corrisponde ad Alexamenos sebete theon) che significa “Alessameno venera (il suo) dio”.

  3. advsger says:

    le religioni più diffuse sono governate in modo uguale, la differenza sta nel riferimento storico

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.