Google+

Giallo alla Camilluccia, ucciso il “cassiere” di Mobkel

luglio 3, 2014 Chiara Rizzo

Silvio Fanella, condannato in primo grado come “cassiere” di Mobkel per riciclaggio, è stato ucciso stamattina da due o forse tre uomini, dopo una lite in casa. È caccia ai killer, intanto salta fuori la vicenda di un tentato sequestro ai danni dell’uomo

La scientifica davanti lo stabile della Camilluccia

Grida, poi tre colpi di arma da fuoco: così è morto Silvio Fanella, 41 anni, accusato in diverse inchieste di essere il “faccendiere” di Gennaro Mokbel, già condannato dal tribunale di primo grado, lo scorso ottobre, nel processo Telecom Italia Sparkle – Fastweb, con l’accusa di essere tra i protagonisti di un maxi riciclaggio da 2 miliardi di euro (Fanella aveva riportato una condanna a 9 anni di reclusione). Domani, 4 luglio, era prevista la prossima udienza del processo d’appello e Fanella nei prossimi giorni avrebbe dovuto testimoniare.

CHI ERA LA VITTIMA. Fanella era accusato dalla procura di Roma (e appunto era stato condannato in primo grado) per associazione a delinquere transnazionale aggravata pluriaggravata e finalizzata al riciclaggio, insieme a Gennaro Mokbel. In particolare di aver diretto «il materiale trasferimento delle somme indebitamente sottratte all’erario e il relativo reinvestimento in attività lecite ed illecite, il controllo delle attività investigative in atto, l’assistenza alle famiglie degli associati che si erano allontanati dal territorio nazionale». Fanella con Mokbel avrebbe costituito alcune società «in alcuni paesi appartenenti alla black list, impartendo direttivie mediante via telematica, inviando emissari all’estero, gestendo di fatto la collocazione e la distribuzione dei capitali illecitamente acquisiti». Secondo l’accusa uno dei mezzi per farlo era la compravendita di brillanti e di opere d’arte, dipinti e sculture. Nello stesso processo è stato assolto in primo grado il fondatore di Fastweb Silvio Scaglia, come assolti sono stati due ex dirigenti del gruppo (Mario Rossetti e Roberto Contin), ma anche l’ex ad di Telecom Italia Sparkle Stefano Mazzitelli e due ex funzionari (Antonio Catanzariti e Massimo Comito). Fanella non aveva perso un’udienza del primo processo e ora anche di quello d’appello: in passato era stato produttore cinematografico, e aveva seguito alcune attività imprenditoriali nel settore dell’intrattenimento.

La presunta auto dei killer

L’OMICIDIO. Intorno alle 9.30 di stamattina un vicino di casa del civico 9 di via dei Gandolfi, alla Camilluccia di Roma, ha dato l’allarme al 113 per una sparatoria in corso. Secondo le ricostruzione fatta dagli investigatori, in base alle varie testimonianze raccolte, stamattina a casa Fanella si sarebbero presentate almeno due persone. Ne sarebbe nata una lite, con urla e poi gli spari: l’uomo è rimasto ucciso per alcuni colpi che lo hanno raggiunto in pieno petto. Subito dopo i testimoni hanno visto fuggire un’auto con a bordo due persone: la vettura, una Fiat Croma che è risultata rubata, è stata ritrovata poco dopo da una pattuglia dei carabinieri poco distante dal luogo dell’omicidio, e a circa 15 minuti dagli spari.

IL GIALLO DEL FERITO. Poco dopo l’omicidio inoltre la polizia ha ritrovato, proprio davanti allo stabile, un giovane di 29 anni, steso a terra per via di alcune ferite causate proprio dalla sparatoria. L’uomo è Giovanni Battista Ceniti, originario di Genova. Inizialmente si è diffusa la notizia che il giovane fosse un esponente di Casa Pound, e che facesse parte, come terzo uomo, del commando di killer. Ma il leader di Casa Pound Gianluca Iannone ha precisato: «Nessun esponente di Cpi è coinvolto nell’agguato avvenuto questa mattina a Roma e siamo pronti a querelare immediatamente chiunque sostenga il contrario. Un giovane con il nome Ceniti è stato espulso dalla nostra organizzazione qualche anno fa, per condotta non adatta al movimento». Il ragazzo è stato subito operato al Policlinico Gemelli, le condizioni sono gravi e la prognosi è ancora riservata.

I RAPITORI LUCANI. Intanto è emerso che la procura di Potenza aveva aperto un’inchiesta perché tre mesi fa Fanella aveva subìto un tentativo di sequestro da tre persone, e secondo quanto emerso nell’indagine tale tentativo sarebbe nato come la punizione di un clan lucano a Fanella perché avrebbe sottratto dei soldi all’organizzazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.