Google+

Francia. A Parigi ancora in vendita il libro che inneggia al jihad: «Dio vuole che i musulmani sterminino i politeisti»

gennaio 30, 2015 Leone Grotti

Nonostante gli attentati al Charlie Hebdo, la Fnac continua a vendere “La voie du musulman”. Per il ministero degli Interni francese: «Sponsorizzare il jihad non è un delitto»

islam-francia-jihad-carrefourIl 7 gennaio tutti i francesi hanno vissuto l’incubo dell’attentato terroristico di matrice islamica alla sede di Charlie Hebdo, seguito due giorni dopo dall’uccisione di quattro persone nel negozio di alimenti kosher, Hyper Cacher. Per tre settimane il governo e i media si sono chiesti come i fratelli francesi Kouachi avessero potuto compiere quella strage e come nelle scuole delle banlieue parigine (e non solo) molti studenti preferissero il jihad alla laïcité.

BASTA LA FNAC. Tutti a prendersela con le scuole, le carceri e i siti internet dove i giovani si radicalizzano, ma per imparare certe dottrine è sufficiente andare alla Fnac. A Parigi, infatti, la famosa catena mette ancora sugli scaffali il libro La voie du musulman (La via del musulmano), la cui vendita in mille supermercati nel luglio scorso aveva scatenato una feroce polemica.

INNO AL JIHAD. Alcune frasi contenute nel testo scritto dallo sheikh algerino Abu Bakr al Jazairi sono «molto sensibili», per usare l’eufemismo della stessa Fnac e rimandano all’eterno problema dell’interpretazione dei testi sacri all’interno dell’islam. Ne riportiamo alcune: «Il jihad ha come scopo quello di comprendere e reprimere i miscredenti, nemici dell’islam e della comunità musulmana»; «I musulmani devono organizzarsi con ogni sorta di mezzo per fabbricare ogni tipo di armi in uso nel mondo»; «I musulmani devono anche perfezionare e migliorarsi nell’arte militare difensiva e offensiva per difendersi e attaccare al momento opportuno perché il verbo di Dio trionfi»; «L’eretico è il musulmano che rinnega la sua religione, diventa ebreo, cristiano o ateo. Gli si concede un totale di tre giorni per tornare all’islam e se rifiuta sarà passibile di pena di morte»; «Dio vuole che i musulmani sterminino i politeisti senza dare loro la possibilità di essere considerati come prigionieri».

«COME LA BIBBIA». Nonostante la strage del 7 gennaio e le polemiche che sono seguite, il libro è ancora in vendita alla Fnac, come dimostra l’inchiesta dell’Observatoire de l’islamisation. A luglio l’editore libanese del volume si era detto pronto a ritirarlo se il Ministero francese l’avesse richiesto. Ma il gabinetto del ministro degli Interni Bernard Cazeneuve ha replicato: «Non si possono vietare libri scioccanti. Se non si incita all’odio o si fa apologia di terrorismo, non si può vietarli. Sponsorizzare il jihad non è un delitto e non è penalmente rilevante. Se prendiamo la Bibbia, scopriamo che sono uguali. Anche nella Bibbia ci sono passaggi scioccanti, ma non per questo la vietiamo». Chissà se ora ha cambiato idea. Il libro, intanto, è ancora sugli scaffali.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. Ale says:

    Quali sono i passi scioccanti nella Bibbia? Ci sono dei passi dove si invita ripetutamente ad uccidere un altro essere umano? Io sono un po’ ignorante in materia ma non ricordo di aver mai letto ciò o sentito un prete dire ciò.

    • ochalan says:

      Esistono in Esodo, Giosue e Giudici. Sono applicazioni su larga scala della legge del taglione, nei confronti di nemici che irritano fortemente Dio perché occupano la terra promessa, inducono Israele agli idoli e compiono sacrifici umani. La Bibbia evolve assieme al popolo che ne è protagonista. Non si ferma li, come il Corano, proseģue per altre decine di libri, fino a Gesù che per amore del uomo si lascia uccidere e perdona i crocifissori.

      • Raider says:

        Non spolo, Ocahalan: la Bibbia comanda di sterminare i nemici del popolo di Israele, un pericolo attuale costituito da vicini in armi: aramei, edomiti, amaleciti, ecc… Non si riferisce mai come tali a tutti i popoli che non professano la fede nel Dio unicio: non incita a combatterli o sottometterli, ma considera la guerra come strumento di difesa dai vicini che vogliono sottomettere Israele.
        Il Corano afferma e tutta la storia dell’Islam lo dimostra come applicazione di quelle norme, che i miscredenti vanno contrastati e combattuti: e quando, per un motivo o un altro – a discrezione degli islamici, naturalmente – gli infedeli minacciano i Veri Credenti, anche uno solo di loro, questi, dovunque si trovino, sono tenuti a proclamare e a intraprendere insieme la guerra santa contro i nemici fino a sottometterli, non semplicemente a sventarne la minaccia.
        Se, poi, è consigliabile non esporsi, essendo più forti i nemici, i musulmani devono agire per via diplomatica; se le circostanze esigono una tregua, tregua sia: ma è un “destino scritto” la lotta che gli islamici devono condurre ai non islamici, per conquistare non una – e una sola – terra che Dio gli ha dato, ma il mondo intero che Dio gli ha dato per goderne, sottomettendo i nemici di Allah e estirpando il male e la menzogna che oscurano la verità rappresentata dallla “religione natutrale del’umanità”.

        • ochalan says:

          Anche io ho sottolineato che non si riferivano a tutti i popoli in generale. Ho voluto rimarcare che quei versetti si riferiscono ad un epoca ben precisa della storia della salvezza. Il Corano generalizza esattamente come spieghi.

  2. To_Ni says:

    Non mi sembra tanto eccessivo che crea più timore nel potere politico dei meravigliosi paesi civili (poco conta , dato il livellamento culturale, se si tratta di Spagna o Francia) un libro della Miriano che un libro filo terrorista.

  3. Cisco says:

    Altro clamoroso esempio di imbecillità ispirata alla “laicite’ politicamente corretta”: certo, da uno che si chiama Cazeneuve non è che ci si aspettasse chissà quale genialata, ma paragonare la Bibbia a un libro non sacro di teologia jihadista e’ pazzesco. La colpa non è dei libri sacri, ma di chi li interpreta in chiave violenta: e questo e’ un libro che interpreta il Corano istigando all’odio: la cosa allucinante è che se ne rende conto l’editore libanese e non il ministro francese…povera Europa!

  4. Menelik says:

    La Le Pen li farà sparire quei libri, e la Francia tornerà ad essere Francia, e non un’immensa banlieue algerina.

  5. marco says:

    Non interpreta nulla.Nel corano e negli hadith c’è molto di peggio.

  6. Filippo81 says:

    “Svegli ” i collaboratori del ministro francese!Spero che questo governo reazionario di hollande venga spazzato via al più presto !

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi