Google+

Formazione professionale, iscritti in crescita. Ma il futuro è tutt’altro che sereno

febbraio 28, 2014 Emmanuele Michela

Più 18 per cento rispetto alle iscrizioni di un anno fa. Combattono la dispersione scolastica e favoriscono i giovani nel trovare lavoro. Eppure sono ancora poco valorizzati da una politica miope.

“Mettere le mani in pasta” piace agli studenti italiani e gli iscritti ai percorsi di istruzione e formazione professionale nell’anno 2012-13 sono aumentati del 18 per cento, stando al monitoraggio che l’Isfol ha svolto per conto del ministero del Lavoro. Ma la scarsità di offerta che dalle Regioni arriva per i centri accreditati ha portato ad un sorpasso del numero di immatricolazioni per questi corsi (passati da 125 mila a 128 mila) da parte dei giovani iscritti agli istituti professionali, che sono cresciuti da 120 a 160 mila.

CRESCONO LE ISCRIZIONI. I numeri ritagliano una fotografia molto netta sullo stato di salute della formazione professionale nel nostro Paese, una strada alternativa ai normali percorsi di studio attraverso i licei che in dieci anni ha visto crescere il numero di frequentazioni di addirittura 10 volte. E se il panorama scolastico italiano parla di un deserto segnato da disaffezione, abbandono e scarsi sbocchi nel mondo del lavoro, i centri di formazione professionale si impongono come un’oasi dalle cifre eloquenti: la dispersione scolastica è assai ridotta anzi, come dimostrato dall’Isfol, porta ad una crescita di studenti che accettano di prolungare i 3 anni di studio minimi per frequentare anche il quarto, e ben l’85 per cento di studenti trova lavoro, alla fine del proprio percorso, in meno di due anni.

L’OFFERTA MIGLIORE. Tuttavia, come rileva Agesc, il futuro è tutt’altro che sereno per queste realtà. Perché il rallentamento di iscrizioni per i centri accreditati è dovuto ad un abbassamento dell’offerta, legato ai finanziamenti con cui le regioni sostengono queste strutture. I soldi sono diminuiti, in più le Regioni che hanno scelto di sostenere progetti di questo genere sono ancora poche. «Le famiglie chiedono che i centri di formazione amplino la loro offerta, invece si trovano a dover fare i conti con una riduzione», spiega a tempi.it il capo dell’ufficio stampa di Agesc Ernesto Mainardi. E così sono costretti a rivolgersi alle scuole professionali, che invece sono statali. «Ma i centri professionali riescono a intercettare meglio le esigenze dei ragazzi e le richieste del territorio, per questo hanno un’offerta migliore».

ANCHE IL LAVORO FORMA UN RAGAZZO. Non è un caso se, come indicato dai dati dell’Isfol, la percentuale di studenti che arrivano alla qualifica è diversa da centri professionali a scuole: per i primi si viaggia su percentuali del 68 per cento dei ragazzi iscritti al primo anno, per i secondi si scende al 45,6. Lecito quindi che da queste strutture arrivi una richiesta di maggiore aiuto economico, per sbloccare nuovi corsi e aumentare le possibilità di recepimento studenti. Anche perché la percezione che in Italia si ha di questi percorsi di studi è cambiata: «Per lungo tempo il lavoro è stato visto come qualcosa di scollegato dalla formazione di un ragazzo e dalla sua educazione», spiega ancora Mainardi. «Ora le scuole stanno recuperando un rapporto con le aziende, arrivando a cogliere che chi fa un bel lavoro ottiene risultati sensibili anche in termini di soddisfazione personale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. beppe scrive:

    dove sono nate e ad opera di chi le prime scuole professionali? come al solito sarà tutto colpa dei soliti cattolici bigotti, antiabortisti e omofobi. bisogna dirlo a quelli di giornalettismo .

  2. filomena scrive:

    Personalmente credo che la chiesa per mantenere il suo potere abbia sempre cercato da un lato di indottrinare i ragazzi e dall’altro di inserirli prima possibile nel mondo del lavoro per tenerli lontano dalla cultura che li avrebbe resi cittadini e non sudditi.

    • Franz scrive:

      Già, molto meglio avere frotte di nullafacenti per mandare avanti quei baracconi che sono le università.

  3. filomena scrive:

    Si può lavorare per mantenersi, studiare per non essere sudditi e contemporamente contestare istituzioni autoritarie come una parte della chiesa che vorrebbe fedeli pecoroni che non sanno esprimere e rivendicare i propri diritti di cittadinanza.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana