Google+

Figli a carico. Assegni di ricerca e borse di studio post-laurea sono esenti dall’Irpef

giugno 10, 2013 Massimiliano Casto

«Mia figlia è titolare di un assegno di ricerca universitario non assoggettabile a Irpef. Posso considerarla a mio carico e usufruire delle detrazioni?» Chiedete all’esperto

Massimiliano Casto, autore di questo articolo, è Tributarista e Consulente del Lavoro. Chi avesse interrogativi particolari o volesse sottoporre domande su questioni riguardanti la fiscalità può scrivere a studiocasto@virgilio.it, specificando nell’oggetto: “Fisco semplice”. Altri quesiti li potete trovare qui.

Salve, mia figlia dal mese di settembre 2012 è titolare di un assegno di ricerca universitario che non è assoggettabile a Irpef. Le chiedo se posso considerarla a mio carico e usufruire per l’anno prossimo delle detrazioni di imposta visto che il reddito non deve essere dichiarato. Mia figlia ha diverse spese da detrarre, sia mediche che altre obbligatorie (contributi all’Enpaf) e quindi, per non perderle, in qualche modo deve essere fatto il 730. La ringrazio in anticipo.

Risposta
Per prima cosa è opportuno chiarire che l’assegno – o borsa di ricerca – post-laurea è conferito dall’università mediante procedura di valutazione comparativa, a seguito della quale viene stipulato un apposito contratto di diritto privato avente le seguenti caratteristiche:

  • non configura un rapporto di lavoro subordinato;
  • l’attività dell’assegnista è strettamente correlata con la realizzazione di un programma di ricerca e si svolge in condizioni di autonomia;
  • l’attività dell’assegnista presenta carattere continuativo, temporalmente definito e in rapporto di coordinamento rispetto alla complessiva attività dei responsabili della ricerca.

Tale assegno di ricerca può avere una durata compresa tra uno e tre anni e può essere rinnovato. Il rinnovo, comunque, non può avere durata inferiore a un anno.

Dal punto di vista fiscale, la materia dell’imposizione tributaria dell’assegno di ricerca è inquadrata dall’Agenzia delle Entrate con una risoluzione, cioè la n.120/E del 22 novembre 2010, con la quale ha ammesso, come reddito esente, le borse di studio erogate dalle università per lo svolgimento di attività di ricerca post-dottorato. Infatti, con la circolare, viene stabilito che anche per le borse di studio, borse di dottorato e per l’assegno per ricerca universitaria è prevista l’esenzione dall’Irpef come già disposto dall’art 4 della legge 476 del 1984 concernente “disposizioni in materia di agevolazioni fiscali”.

Praticamente i contribuenti che percepiscono un assegno di ricerca o una borsa post laurea, visto che questi sono redditi esenti, non devono presentare alcuna dichiarazione dei redditi, poiché questi introiti non sono imponibili Irpef e pertanto non vanno dichiarati.

Sua figlia potrà benissimo essere considerata familiare fiscalmente a carico e usufruire delle detrazioni per carico di famiglia e delle detrazioni per le spese sostenute. È utile inoltre ricordare che possono essere considerati a carico solo i familiari che non dispongono di un reddito proprio superiore a 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili (infatti sono esclusi alcuni redditi esenti fra i quali le pensioni, indennità e assegni corrisposti agli invalidi civili, ai sordomuti, ai ciechi civili).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana