Google+

Figli a carico. Assegni di ricerca e borse di studio post-laurea sono esenti dall’Irpef

giugno 10, 2013 Massimiliano Casto

«Mia figlia è titolare di un assegno di ricerca universitario non assoggettabile a Irpef. Posso considerarla a mio carico e usufruire delle detrazioni?» Chiedete all’esperto

Massimiliano Casto, autore di questo articolo, è Tributarista e Consulente del Lavoro. Chi avesse interrogativi particolari o volesse sottoporre domande su questioni riguardanti la fiscalità può scrivere a studiocasto@virgilio.it, specificando nell’oggetto: “Fisco semplice”. Altri quesiti li potete trovare qui.

Salve, mia figlia dal mese di settembre 2012 è titolare di un assegno di ricerca universitario che non è assoggettabile a Irpef. Le chiedo se posso considerarla a mio carico e usufruire per l’anno prossimo delle detrazioni di imposta visto che il reddito non deve essere dichiarato. Mia figlia ha diverse spese da detrarre, sia mediche che altre obbligatorie (contributi all’Enpaf) e quindi, per non perderle, in qualche modo deve essere fatto il 730. La ringrazio in anticipo.

Risposta
Per prima cosa è opportuno chiarire che l’assegno – o borsa di ricerca – post-laurea è conferito dall’università mediante procedura di valutazione comparativa, a seguito della quale viene stipulato un apposito contratto di diritto privato avente le seguenti caratteristiche:

  • non configura un rapporto di lavoro subordinato;
  • l’attività dell’assegnista è strettamente correlata con la realizzazione di un programma di ricerca e si svolge in condizioni di autonomia;
  • l’attività dell’assegnista presenta carattere continuativo, temporalmente definito e in rapporto di coordinamento rispetto alla complessiva attività dei responsabili della ricerca.

Tale assegno di ricerca può avere una durata compresa tra uno e tre anni e può essere rinnovato. Il rinnovo, comunque, non può avere durata inferiore a un anno.

Dal punto di vista fiscale, la materia dell’imposizione tributaria dell’assegno di ricerca è inquadrata dall’Agenzia delle Entrate con una risoluzione, cioè la n.120/E del 22 novembre 2010, con la quale ha ammesso, come reddito esente, le borse di studio erogate dalle università per lo svolgimento di attività di ricerca post-dottorato. Infatti, con la circolare, viene stabilito che anche per le borse di studio, borse di dottorato e per l’assegno per ricerca universitaria è prevista l’esenzione dall’Irpef come già disposto dall’art 4 della legge 476 del 1984 concernente “disposizioni in materia di agevolazioni fiscali”.

Praticamente i contribuenti che percepiscono un assegno di ricerca o una borsa post laurea, visto che questi sono redditi esenti, non devono presentare alcuna dichiarazione dei redditi, poiché questi introiti non sono imponibili Irpef e pertanto non vanno dichiarati.

Sua figlia potrà benissimo essere considerata familiare fiscalmente a carico e usufruire delle detrazioni per carico di famiglia e delle detrazioni per le spese sostenute. È utile inoltre ricordare che possono essere considerati a carico solo i familiari che non dispongono di un reddito proprio superiore a 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili (infatti sono esclusi alcuni redditi esenti fra i quali le pensioni, indennità e assegni corrisposti agli invalidi civili, ai sordomuti, ai ciechi civili).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download