Google+

Di Pietro piange per Mani Pulite? Fa bene, visto quanta gente ha rovinato

febbraio 21, 2012 Daniele Ciacci

A vent’anni dall’arresto di Mario Chiesa, Stefania Craxi ricorda la “rivoluzione” che «scardinò un sistema politico senza rifondarne un altro». E sulle lacrime del leader idv dice: «C’è stata gente che è stata esiliata, molti si sono suicidati, c’è chi ha perso il lavoro, chi la famiglia, chi la vita. Se piangeva per questo, ha fatto bene».

Il 17 febbraio 1992 Mario Chiesa, amministratore socialista del milanese Pio Albergo Trivulzio, fu arrestato e iniziò Mani pulite. A vent’anni dall’evento, tempi.it ha intervistato Stefania Craxi, figlia di Bettino e fondatrice del Movimento dei Riformisti italiani.

Cosa ne pensa delle lacrime di Antonio Di Pietro alla cerimonia di commemorazione di “Mani pulite”?
Ha avuto tutti i motivi per piangere. Soprattutto, guardando anche la situazione attuale. Durante Mani Pulite su 25.000 avvisi di garanzia solo 4.000 sono diventati processi. C’è stata gente che è stata esiliata, molti si sono suicidati, c’è chi ha perso il lavoro, chi la famiglia, chi la vita. Se piangeva per questo, ha fatto bene.

Sul settimanale “Tempi”, con interventi di Mattia Feltri e Ugo Finetti, abbiamo sostenuto la tesi che, nel discorso in Parlamento del luglio ’92, Bettino Craxi avesse voluto sì smascherare l’ipocrisia dell’intero sistema partitico, ma anche evidenziare che la soluzione non poteva passare attraverso la magistratura, ma solo attraverso un intervento della politica stessa.
Bisogna fare una distinzione per evitare confusioni e incomprensioni. Il finanziamento illegale dei partiti era pratica comune a tutto il mondo della Prima Repubblica, ed era chiaramente un sistema illegale, che non può essere giustificato. Ci sono state ovviamente delle degenerazioni e delle corruzioni che, secondo la legge, sono state perseguite e condannate. Su questo, c’è la necessità di essere chiari: altrimenti si rischia di fare di tutta l’erba un fascio, e questo non è giusto. Ma questa è solo una faccia della medaglia, perché poi si è trovato il modo di scardinare un sistema politico senza rifondarne uno nuovo. E qualcuno deve spiegare come mai il finanziamento illecito dei partiti ci sia anche adesso, insieme a fenomeni di malversazioni personali. Mi rendo inoltre conto che questa lettura storica non è condivisa dai più. È scomodo parlarne, e in molti non lo fanno.

Quindi la situazione non è cambiata…
La corruzione non è stata debellata, il finanziamento partiti è un monumentale esempio di ipocrisia. Aver distrutto i cinque partiti principali della prima Repubblica ha influito sul meccanismo di selezione della classe dirigente. Adesso, queste classi sono improvvisate. Non è mai stata vagliata e giudicata una riforma dello Stato e del sistema che potesse porvi rimedio. Nonostante, ormai, se ne parli ampiamente da vent’anni. Adesso abbiamo sotto gli occhi un degrado morale e civile delle nostre classi dirigenti che non ha mai avuto pari nella storia d’Italia.
twitter: @DanieleCiacci
 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana