Google+

Democrazia a suffragio personale. La tentazione nordcoreana di Beppe Il-sung

settembre 20, 2016 Renato Farina

La sindaca Raggi è stata eletta dai cittadini, ma risponde solo al Capo, Grillo. È una vecchia storia: si chiama partitocrazia. E non è mai stata tanto sfacciata

kim-jong-un-ansa

Pubblichiamo la rubrica “Boris Godunov” di Renato Farina contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

La tentazione di Boris sarebbe di mescolare il pericolo coreano con quello romano, e stabilire un nesso tra Kim Jong-un e Beppe Grillo, tra la bomba atomica fatta esplodere dalle parti di Pyongyang e la esplosività della questione romana per i nostri destini. Rinuncio al gioco, anzi lo lascio alla vostra suggestione e distinguo i due capitoli. Entrambi peraltro appaiono come due farse, ma sono terribilmente seri.

Corea del Nord. Nessuno ricorda che questo paese è semplicemente, banalmente comunista. È dominato da una tirannide che si propaga da padre a figlio, da nonno a nipote. L’ultimo della dinastia dei Kim ha oggi 32 anni, e appare come un pacioccone, il tipo che sembra un liceale destinato agli scherzi dei compagni di classe per la sua mole. Non so se la colpa sia degli studi in Svizzera, ma a Losanna deve aver imparato a cavare il sangue. Così i coreani oltre che senza libertà, non hanno il pane. E questo conferma una legge della società umana: la libertà aiuta a creare benessere, la tirannide equivale a miseria e crudeltà. I satelliti hanno consentito di verificare con certezza l’esistenza di immensi campi di lavoro e prigionia, dove gli uomini e le donne sono bestie, della più infima specie, insetti senza pungiglione.

La bomba atomica per davvero
L’atomica appartiene alla legge della conservazione del potere: far dimenticare al popolo con l’orgoglio patriottico e il nemico esterno l’intima natura dispotica del regime. Il problema è che la bomba atomica esiste davvero, e stavolta non è un aggeggio intrasportabile capace di fare del male solo ai confini coreani, ma l’ordigno è stato miniaturizzato e può essere lanciato con un razzo transoceanico. Non solo la Corea del Sud risulta a portata di distruzione, ma anche il Giappone e persino l’America.

Che accadrà? Le sanzioni servono solo ad affamare ulteriormente la gente comune, mentre il Gotha del potere non ha timore della fame, ma solo della crudeltà granguignolesca di Kim. L’ultimo caso riguarda l’esecuzione di un generale colpevole di essersi appisolato durante un suo discorso. Sarebbe stato abbattuto – secondo notizie fuggite oltre la gabbia di bambù – non con un plotone di fucilieri ma con un colpo di cannone, per svegliarlo. Il rischio è reale. La Cina ha interesse a conservare quel regime, per ragioni storiche, ma soprattutto per evitare, in caso di caduta del “Caro Leader”, un’ondata di profughi incontenibile. E Pechino teme che un cambiamento democratico a Pyongyang sposti i rapporti di forza nel Sud-Est asiatico, i cui mari e isole sono oggetto di contenziosi pericolosi con Washington e Tokyo.

beppe-grillo-ansa

Il governo degli Ottimati
Roma capitale. Qui è in crisi il sistema del suffragio universale. La sindaca Virginia Raggi è stata eletta dai cittadini, ma essa non risponde a loro bensì al Capo, Beppe Grillo. Questa è una vecchia storia, nella storia del nostro paese: si chiama partitocrazia. Ma mai si era palesata in modo tanto sfacciato e contemporaneamente ipocrita. I Cinque Stelle non danno alcun valore al suffragio universale, ritengono di doverlo subordinare al responso democratico per eccellenza, quello della Rete, e dentro la Rete alla crème, cioè gli iscritti al M5S. Insomma, comandano gli Ottimati, che sono più uguali degli altri, e il più uguale di tutti è Grill-il-sung. Il quale tira i fili degli eletti, senza nessuno scrupolo di coscienza. D’altra parte, la sindaca-avvocata – ma che studi ha fatto? – pare abbia firmato un contratto che le impone di obbedire a quanto c’è scritto: ma non è quello sottoscritto coi cittadini, bensì qualcosa di esoterico, che prevede una multa di 150 mila euro in caso di trasgressione. Sempre meglio di un colpo di cannone, direte. Sì, per lei senz’altro, ma che democrazia è?

La fortuna è che Beppe Grillo non è un criminale, ovvio, ma la sua concezione di democrazia, al cui vertice c’è lui, qualunque sia il voto popolare, fa paura, è un pericolo. Speriamo che Grillo, che non è sciocco, e io lo ritengo sincero, se ne accorga, e si ritiri dal trono della Corea de noantri.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. jens scrive:

    La cartina di tornasole che i grillini siano come la Nordcorea sarà che Razzi si mette a parlare bene di loro.

  2. andrea udt scrive:

    Beh, insomma, certe critiche perdono smalto pensando che vengono da chi ha militato per anni in FI.

    Anche lì col culto mistico del capo non si è andati leggeri.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Per presentare la nuova Volkswagen UP! GTI non poteva esserci occasione più adatta del Wörthersee 2017, il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW. Anche se, in realtà, come accaduto in passato alla “sorella maggiore” Golf GTI Clubsport, a debuttare non sarà la vettura in versione definitiva, bensì una concept che si […]

L'articolo Volkswagen UP! GTI: la piccola si è arrabbiata proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana