Google+

Con il lupo, oltre il lupo

marzo 14, 2017 Alessandro Giuli

Il lupo simboleggia, in ultima istanza, l’uomo. Come lui può essere luce o tenebre, artefice o distruttore, milite dello spirito o del dèmone della materia

lupo

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Tempo da lupi, il nostro, tempestoso e ambivalente come il più nobile dei predatori che in questo mese marziale si accoppia e prolifera (è appena arrivato dagli Appennini all’Alto Adige, quasi a sfidare il Piano Lupo del ministro dell’Ambiente che rilegittima gli appetiti sanguinari d’improvvisati lupari). La mitologia nordeuropea chiama età del lupo l’epoca della massima decadenza, quella che per noi esiodei è l’età del ferro: «Tempo dell’ascia e della spada, tempo del vento e del lupo, prima che il mondo sprofondi». È il momento storico in cui il sacro viene divorato dall’egoismo selvaggio della materia simbolizzato dal lupo Fenrir, antagonista archetipico della coppia lupesca rappresentata da Geri e Freki, ministri di Odino. Ma i nordici, si sa, eccedono in crepuscolarismo. Oggi a Berlino vige (per quanto ancora?) il Mutterrecht di Angela Merkel, un matriarcato morbido e severo che affonda le radici nel senso di colpa germanico: Schuld, con la doppia valenza di debito e di obbligazione morale, ovvero l’essenza di una Germania non abbastanza europea e di una Europa sin troppo germanizzata.

La tradizione nostra identifica nel lupo lo spirito guida di numerosi popoli italici, il solo animale ctonio che guardi verso la luce celeste: lyké, da cui lykòs, lupus. Romolo e Remo allattati dalla lupa mansuefatta sono il simbolo vivente della duplice possibilità offerta all’uomo che si rivolga in sé stesso: l’ordine o il caos, il nitore ordinato da un principio superiore o l’indistinto tenebroso e promiscuo. Il lupo è il punto di congiunzione tra il mondo ferino e quello ferace, non a caso appare come controparte maschile e apollinea nel culto silvestre di Feronia, colei che pone le forze della natura selvaggia al servizio della civitas, neutralizzandone i pericoli. Feronia è appunto il divino che porta, trasferisce, guida da uno stato a un altro, e questo divino è anzitutto un cambiamento interiore dell’uomo: l’ottuso istinto, l’impetuosa violenza desiderante che si trasforma nel chiarore del giusto mezzo, del limite aureo che orienta la centralità umana nella custodia del mundus animato e la protegge dalla civilizzazione desertificata. È l’atto sovrano con il quale, metaforicamente, si “sottomette il lupo all’aquila”, ovvero la terrestrità belluina e lunare al vibrante colpo d’ala che eleva lungo linee di vetta, in direzione del Sole. Come afferma il lupologo Christophe Levalois: «Il lupo simboleggia, in ultima istanza, l’uomo. Come lui può essere luce o tenebre, artefice o distruttore, milite dello spirito o del dèmone della materia».

L’Italia contemporanea è ancora lì, sospesa tra lupo e lupo, tra pulsioni autodistruttive, disgregatrici, eutanasiche, divoratrici di vite nascenti e aneliti al sacro; ma al tempo stesso assiste alla rinascenza di piccole realtà essenziali (c’è Tempi!) che fioriscono lì dove il pericolo cresce, come un presidio contro i nuovi dèi falsi e bugiardi del mondo secolarizzato. «Nempe lupi sumus, ast aquilarum quaerimus alas… Lupi, sì; ma ora… dateci l’ale, o aquile!» (Giovanni Pascoli, Hymnus in Romam).

Foto da Flickr

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download