Google+

Clamoroso rapporto su Stamina: «Non ci sono cellule staminali», il metodo può trasmettere la “mucca pazza”

dicembre 19, 2013 Redazione

La Stampa ha riportato stralci dei rapporti dei Nas e del comitato scientifico del ministero finora tenuti segreti. Nel consenso firmato dai pazienti di Brescia «si dichiara che le cellule somministrate possono essere leucociti del sangue» e non staminali

«Un metodo che non dovrebbe nemmeno chiamarsi “Stamina” perché di cellule staminali nelle misteriose infusioni ce ne sarebbero sì e no tracce». Comincia così un articolo pubblicato oggi dalla Stampa sulla famigerata terapia di Davide Vannoni che sarebbe in grado di «guarire» decine e decine di malattie neurodegenerative considerate ad oggi incurabili.
La Stampa ha avuto accesso «a carte sin qui “top secret” dei verbali dei Nas e degli organismi scientifici istituzionali», insieme al parere del Comitato di esperti che ha bocciato come «non scientifico» ma che poi il Tar del Lazio ha definito «non imparziale», sospendendone il verdetto e chiedendo una nuova commissione «imparziale».

RISCHIO MUCCA PAZZA. Le infusioni che Vannoni per ordine di diversi tribunali fa a pazienti agli Spedali Civili di Brescia potrebbero «trasmettere malattie infettive, Hiv in testa, per assenza di controlli delle cellule dal donatore». È anche presente il rischio di contrarre la cosiddetta sindrome della “mucca pazza” (Bse), perché «la stessa documentazione presentata da Stamina conferma l’uso di siero bovino per la coltura delle cellule. Cosa che in sé non sarebbe vietata anche se sconsigliata. Purché – ricorda il comitato – “per ridurre i rischi di natura infettiva… il siero fetale bovino provenga da animali allevati e sacrificati in Paesi privi di Bse”, il tutto mediante certificazione europea. “Nessuna di queste informazioni è presente nei documenti pervenuti”, si legge però nel parere».

RISCHIO EMBOLIE CEREBRALI. Non solo. “Il terreno di coltura contiene antibiotici”, continua sempre il comitato, con i conseguenti rischi di tossicità e, scrive la Stampa, «la presenza di detriti dei tessuti potrebbe provocare micro embolie polmonari e cerebrali. Del resto un altro verbale rivela che in un campione prelevato a Brescia il 30% delle cellule sarebbe stato contaminato». Si sottolinea inoltre «l’assenza di un marcatore che generalmente rileva la presenza di cellule staminali mesenchimali», quelle che Vannoni dice di usare nel suo metodo.

«NON CI SONO STAMINALI». Ma se non ci sono cellule staminali, che cosa viene iniettato ai pazienti? Nel consenso informato fatto firmare ai pazienti che ricevono le infusioni, spiega un altro verbale, «sorprendentemente si dichiara che le cellule somministrate possono essere leucociti del sangue, di solito mescolati ad altre componenti minori… oppure cellule più purificate quali le cellule mesenchimali estratte dal midollo osseo». Gli scienziati del comitato affermano addirittura che «la popolazione (cellulare) che si ottiene non è purificata, non è omogenea, non è una popolazione di cellule staminali».
Per finire, le staminali mesenchimali secondo Vannoni dovrebbero mutare in cellule neuronali ed essere così in grado di curare le patologie neurodegenerative. Ma l’Istituto superiore di sanità ha provato, seguendo il protocollo di Stamina, a farle trasformare per due ore e poi per 24, nonostante Vannoni afferma che ne basta una, senza riuscirci.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.