Google+

Celtic-Rangers addio. Cattolici e protestanti non si sfideranno più

maggio 1, 2012 Emmanuele Michela

Guardando le immagini del 3-0 con cui il Celtic ha umiliato i Rangers viene da gioire, ma con un filo di malinconia. La facilità con cui gli uomini di Lennon hanno avuto la meglio è stata incredibile, e così anche l’unica soddisfazione che mancava per festeggiare al meglio la vittoria del campionato con 6 giornate […]



Guardando le immagini del 3-0 con cui il Celtic
ha umiliato i Rangers viene da gioire, ma con un filo di malinconia. La facilità con cui gli uomini di Lennon hanno avuto la meglio è stata incredibile, e così anche l’unica soddisfazione che mancava per festeggiare al meglio la vittoria del campionato con 6 giornate d’anticipo è arrivata. Ma le note disavventure finanziarie dei Gers portano con sé una domanda inevitabile: quello di ieri è stato l’ultimo Old Firm della storia, o per lo meno dei prossimi anni? In tanti se lo chiedono, in attesa di vederci più chiaro sul futuro dei Teddy Bears: tra amministrazione controllata e possibili cordate intenzionate a rilevare il club, ad oggi l’unica cosa certa è l’embargo al calciomercato per i prossimi 12 mesi, imposto dalla SPL. Ma in tanti paventano il rischio di retrocessione in Third Division quale punizione più giusta per una squadra che vanta un debito pari a quasi 28 milioni di euro, di cui 10,7 col fisco locale.

E se la federazione decidesse di usare la mano pesante, vorrà dire che il calcio scozzese perderà la sua squadra più titolata e con questa anche la partita più importante del suo calendario: l’Old Firm. Un match unico, su cui tanto si è scritto: il derby che si è giocato di più in assoluto (399 sono i precedenti), una partita dal valore unico perché non incarna solo due compagini calcistiche opposte, ma letteralmente due culture cittadine agli antipodi. I cattolici del Celtic (squadra nata dagli immigrati irlandesi a Glasgow a fine Ottocento) contro i protestanti-unionisti dei Rangers.



Qui sta l’origine di questa rivalità
, che anche l’altro giorno si è scatenata sugli spalti, soprattutto sulla sponda biancoverde. “Your day is coming” era il caustico striscione con cui i tifosi del Celtic salutavano la prossima fine dei nemici di sempre, con tanto di cavalli dell’apocalisse, bandierine a lutto e finte lapidi. Scene goliardiche comprensibili, anche se è lecito chiedersi se sia giusto esultare per la morte del club rivale. Non tanto per ragioni di buona creanza, quanto per lo spettacolo visto: quella rivalità è capace di offrire ogni volta partite straordinarie, combattutissime sia in campo sia sugli spalti, un match che non riesce a trovare eguali nel resto del mondo. Trecentonovantanove scontri che sono il vanto massimo del calcio scozzese, un campionato marginale che però può fregiarsi di una sfida così singolare, mossa da un’inimicizia che è letteralmente insita nelle nature di questi due club. Viene difficile pensare a una squadra senza l’altra.

In attesa quindi di capire se i Rangers saranno anche l’anno prossimo in Scottish Premier League, godiamoci le immagini di questo 3-0: la supremazia in campo degli uomini di Lennon, l’orgoglio sugli spalti dei tifosi ospiti, la festa dei supporters biancoverdi. Gustiamoci queste immagini, potrebbero essere le ultime di questa sfida unica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. These are really interesting especially like the simplicity of twitsprout. Another tool we use to analyse our twitter performance here is Crowdbooster we uncover the detailed information of our followers and their influence that this provides definitely useful.

  2. I am not sure where you’re getting your info, but good topic. I needs to spend some time learning more or understanding more. Thanks for wonderful information I was looking for this information for my mission.

  3. As I website possessor I think the written content here is very wonderful, appreciate it for your efforts.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download