Google+

Caso Niguarda-Espresso. Ma perché vogliono demolire la sanità formigoniana?

marzo 7, 2012 Luigi Amicone

Disfare l’eccellenza? A che pro? Forse per la ragione più ovvia del mondo, ovvero per plasmare una Lombardia a immagine dei padroni che hanno sfasciato l’Italia a suon di inchieste e ciarlatani?

Anticipiamo l’editoriale che apparirà sul numero 10/2012 di Tempi, da domani in edicola.

L’ospedale Niguarda di Milano è la migliore struttura sanitaria pubblica italiana e una delle migliori in Europa. Ogni anno migliaia di pazienti affrontano da ogni dove il “viaggio della speranza” per andare a curarsi al famoso “Ca’ Granda” e negli altri nosocomi lombardi. I fatti sono lì, ostinati, come leggerete nel servizio di Casadei sul numero di Tempi da domani in edicola, a dimostrare che nonostante una politica romana (di sinistra e di destra) miope e talora ostile, il cosiddetto “regno” di Formigoni resta un caso di buon governo da manuale. Si esamini la relazione della Commissione Antonini sul federalismo e si confrontino i dati del “sistema Niguarda&C.” con quelli di una sanità nazionale dove non di rado capita di morire per un’appendicite.

E adesso, capataz sindacali, magistrati, giornali, avete deciso di demolire un modello virtuoso? E a che pro? Forse per la ragione più ovvia del mondo, ovvero per plasmare una Lombardia a immagine dei padroni che hanno sfasciato l’Italia a suon di inchieste e ciarlatani? Chissà. Certo che a Milano è di nuovo scattata un’operazione fatta di manomissione della legge e divulgazione di lettere private, infamità, cimici, spiate. Il giorno che faranno la retata? Sarà l’apocalisse de noantri.

Ricordate il Vietnam del colonnello Kurtz-Marlon Brando che si ribella ai padroni della guerra? Un bel giorno i padroni decidono che Kurtz va preso “vivo o morto”. E per prenderlo inviano il capitano Willard. Non il “capitano mio capitano” dei versi di Whitman per Lincoln che liberò l’America dalla schiavitù e venne assassinato. Ma uno di quei capitani che al posto di “soldato” potresti metterci “giornalista” e non cambierebbe nulla nel dialogo tra Kurtz e Willard nel film di Coppola. «Lei è un assassino?». «Sono un soldato». «No, tu non sei un soldato, tu sei solo un galoppino mandato da un droghiere all’incasso».
Twitter: LuigiAmicone

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    GRAZIE LUIGI AMICONE, SONO ASSOLUTAMENTE D’ACCORDO.

  2. JP scrive:

    Chissà cos’altro si inventeranno da qui al 2015…

  3. david scrive:

    Ormai Tempi e soprattutto Lei, dott. Amicone, non informate +: siete SEMPRE impegnati a gridare “Al complotto… al complotto…” e a difendere Formigoni e/o i suoi collaboratori ciellini al potere… pardon: preferisce che io li chiami c.d.o.llini? Se troverete il tempo, scriverete prima o poi due righe per spiegare le accuse dei magistrati e spiegare come vogliono replicare alla accuse i diretti interessati???????????? Basta con la reclame; è ora di TEMPI NUOVI cioè è ora che INFORMIATE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana