Google+

Caso Niguarda-Espresso. Ma perché vogliono demolire la sanità formigoniana?

marzo 7, 2012 Luigi Amicone

Disfare l’eccellenza? A che pro? Forse per la ragione più ovvia del mondo, ovvero per plasmare una Lombardia a immagine dei padroni che hanno sfasciato l’Italia a suon di inchieste e ciarlatani?

Anticipiamo l’editoriale che apparirà sul numero 10/2012 di Tempi, da domani in edicola.

L’ospedale Niguarda di Milano è la migliore struttura sanitaria pubblica italiana e una delle migliori in Europa. Ogni anno migliaia di pazienti affrontano da ogni dove il “viaggio della speranza” per andare a curarsi al famoso “Ca’ Granda” e negli altri nosocomi lombardi. I fatti sono lì, ostinati, come leggerete nel servizio di Casadei sul numero di Tempi da domani in edicola, a dimostrare che nonostante una politica romana (di sinistra e di destra) miope e talora ostile, il cosiddetto “regno” di Formigoni resta un caso di buon governo da manuale. Si esamini la relazione della Commissione Antonini sul federalismo e si confrontino i dati del “sistema Niguarda&C.” con quelli di una sanità nazionale dove non di rado capita di morire per un’appendicite.

E adesso, capataz sindacali, magistrati, giornali, avete deciso di demolire un modello virtuoso? E a che pro? Forse per la ragione più ovvia del mondo, ovvero per plasmare una Lombardia a immagine dei padroni che hanno sfasciato l’Italia a suon di inchieste e ciarlatani? Chissà. Certo che a Milano è di nuovo scattata un’operazione fatta di manomissione della legge e divulgazione di lettere private, infamità, cimici, spiate. Il giorno che faranno la retata? Sarà l’apocalisse de noantri.

Ricordate il Vietnam del colonnello Kurtz-Marlon Brando che si ribella ai padroni della guerra? Un bel giorno i padroni decidono che Kurtz va preso “vivo o morto”. E per prenderlo inviano il capitano Willard. Non il “capitano mio capitano” dei versi di Whitman per Lincoln che liberò l’America dalla schiavitù e venne assassinato. Ma uno di quei capitani che al posto di “soldato” potresti metterci “giornalista” e non cambierebbe nulla nel dialogo tra Kurtz e Willard nel film di Coppola. «Lei è un assassino?». «Sono un soldato». «No, tu non sei un soldato, tu sei solo un galoppino mandato da un droghiere all’incasso».
Twitter: LuigiAmicone

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi