Google+

Caso Basiglio, ecco perché hanno assolto tutti: «Errori dei media»

ottobre 20, 2011 Redazione

Due fratellini vengono allontanati per 69 giorni dalla famiglia, subendo danni psicologici, per un disegno osé trovato alla piccola Giorgia, che però non era l’autrice. Servizi sociali, preside, maestre e psicologo vengono assolti nonostante le responsabilità. Le motivazioni: «Molti errori ma non degli imputati. Colpa del cancan mediatico»

Nel “caso Basiglio” di errori «ne sono stati compiuti molti» ma «non dagli imputati»: «imprecisioni» della Procura di Milano, causati da «un malinteso» e dalla «grande confusione» mediatica hanno sviato e confuso le indagini investigative. Ecco perché il 21 luglio il giudice Annamaria Gatto ha assolto, «perché il fatto non sussiste», la preside, le maestre, l’assistente sociale e lo psicologo che il 14 marzo 2008 disposero l’allontanamento di due fratellini di 9 e 13 anni da casa, per sospetti abusi sessuali.

Nel quaderno della bambina di 9 anni era stato ritrovato un disegno osé con la scritta “Ogni domenica Giorgia fa sesso orale con suo fratello per dieci euro”. Scatta la denuncia ai servizi sociali e partono le indagini, si pensa che il disegno sia stato eseguito dalla bambina, nonostante la mamma di una sua compagna di classe avesse dichiarato alle maestre che l’autrice era la propria figlia e non Giorgia. Ma non viene creduta, così Giorgia e il fratello Giovanni sono stati tenuti lontano da casa e dai genitori per 69 giorni, e Giovanni ha subito pressioni con la minaccia che se non avesse confessato le sue “colpe”, non avrebbe più rivisto i genitori. Fino a che non si è scoperto che la versione vera dei fatti era quella già dichiarata dalla mamma dell’autrice del disegno.

Il pm Piero Forno ha chiesto e ottenuto, nonostante il riconoscimento di tutti i gravissimi errori commessi nelle indagini, l’assoluzione per la preside, le maestre, l’assistente sociale e lo psicologo. Ora sono uscite le motivazioni della sentenza e si viene a sapere che «è a dir poco dubbio» che gli imputati abbiano appreso, prima che i fratellini fossero posti in comunità, che a fare i disegni era stata l’altra bambina. E per quanto riguarda le pressioni subite dal ragazzino dallo psicologo perché ammettesse i «giochi» che faceva con la sorella, in realtà a farle sarebbe stato un poliziotto. Il bambino avrebbe invece accusato lo psicologo perché «influenzato dal cancan mediatico» scoppiato dopo che era stato «catapultato in una realtà in cui tutto (…) era stato raccontato, esaltato, enfatizzato, ma anche falsato dai mezzi di comunicazione di massa». Nessun colpevole, dunque, la colpa è dei media, anche se risuona ancora il commento della madre dei fratellini, alla quale sono stati tolti i figli per 69 giorni, alla lettura della sentenza in Tribunale: «Che schifo la legge italiana».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana