Google+

Borghi (Il Giornale): «Altro che manovra Monti, la soluzione per l’Italia si chiama Lira»

dicembre 7, 2011 Paola D'Antuono

La manovra presentata dal governo Monti ha suscitato perplessità tanto nel mondo economico quanto in quello politico. A Radio Tempi l’editorialista del Giornale Claudio Borghi ha spiegato le sue: «È una manovra con troppe tasse che non fanno bene all’Italia. L’unica soluzione per salvarci dalla crisi economica si chiama Lira»

All’indomani della presentazione alla Camera della manovra del governo Monti sono in tanti a chiedersi come e se si sarebbe potuto fare di più. Radio Tempi ha chiesto all’economista e editorialista de Il Giornale, Claudio Borghi, di esprimere il suo giudizio sui provvedimenti: «L’impostazione della manovra è molto chiara: ci saranno tagli alle pensioni e più tasse. Dal mio punto di vista i tagli sono positivi, perché nascono con l’intento di ridurre le disuguaglianze, soprattutto quelle generazionali, tra i giovani e i meno giovani».

Diversa è invece l’opinione su un altro aspetto della manovra: «Questo provvedimento dal punto di vista delle tasse non funziona. In questo momento ogni tassa in più è recessiva e non è quello di cui abbiamo bisogno. Queste nuove tasse servono? E a cosa? Perché è vero che siamo un paese di evasori, ed è anche vero che abbiamo fatto di tutto per dipingerci così all’estero ma è un fatto che il gettito fiscale su Pil in Italia è ai record in Europa». Questo significa che, aldilà dell’evasione e delle disuguaglianze interne, l’Italia paga in questo momento molte più tasse rispetto per esempio alla Germania. Ogni tassa in più che verrà allocata al paese rispetto al Pil farà arretrare quest’ultimo non permettendo la crescita.

Ma allora cosa sarebbe stato giusto fare? «Prima di tutto bisogna capire se con questa manovra l’Italia riesce a ottenere una garanzia incondizionata del debito da parte dell’Europa. Però, anche in caso di risposta positiva, questa manovra sarebbe comunque un palliativo perché il vero problema è dato dalla moneta unica. La divergenza tra l’economia italiana e quella tedesca è evidente e non possiamo nasconderla, se andremo avanti queste manovre noi diventeremo più poveri e loro più ricchi. La soluzione sarebbe mettere in atto un sistema antidemocratico per andare a colpire tutti gli evasori fiscali, a tappeto, uno per uno, ma sappiamo bene che sarebbe un’operazione lunghissima e faticosissima».

Ascolta l’intervento integrale
[podcast pid=122/]

Meno lungo e faticoso, anche se non privo di problemi, sarebbe invece un ritorno alla Lira, che Borghi auspica da tempo e che permetterebbe all’Italia di uscire dalla crisi economica: «La funzione principale di una moneta è quella di ripagare il debito e serve come stabilizzatore automatico delle divergenze tra le economie nel mondo. L’euro per l’Italia, invece, non serve ne a ripagare il debito ne a stabilizzare l’economia. A questo punto ci sono due possibilità: o ci sono dei trasferimenti interni di capitale tra gli stati (ma non ci sono le premesse), oppure prima o poi le divergenze di economia esploderanno. Quindi o l’Italia diventa efficiente come i tedeschi, modernizzando in tempi brevi il sud, cosa che vedo molto difficile, oppure prima o poi dovremo tornare alla Lira riuscendo così, attraverso una svalutazione, a ottenere l’efficienza che non possiamo ottenere in altro modo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    MOLTI ECONOMISTI CONSIGLIANO UN RITORNO ALLA LIRA, MA ALTRI AFFERMANO CHE SAREBBE DEVASTANTE PER L’EUROPA,QUALE SARA’ LA POSIZIONE PIU’ GIUSTA? GRAZIE PER L’ARTICOLO IN OGNI CASO.CLAUDIO BORGHI E’ COMUNQUE UNA PERSONA CHE PARLA SEMPRE CON GIUDIZIO E COMPETENZA.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana