Google+

Bloomberg perde la battaglia contro le bibite gassate

marzo 13, 2013 Elisabetta Longo

La soda-ban per il momento non passerà, grazie al giudice Tingling, che ha stabilito che il divieto salutista di Bloomberg era solo un capriccio

L’American beverage association è la lobby delle bibite gassate. Detiene sotto il suo monopolio bevande zuccherine o light, energy drink. Quando il sindaco di New York Michael Bloomberg ha deciso di mettere al bando le misure extra extra large di bevande (0,476 litri) in vendita per negozi e locali della città, quelli dell’American beverage association gli hanno dichiarato guerra. A maggior ragione visto che elargiscono contributi elettorali per 1,26 milioni di dollari ai politici newyorkesi.

UN CAPRICCIO. La “soda ban”, così si chiamava il provvedimento, sarebbe entrata in vigore oggi, ma la battaglia è stata vinta dalla lobby, che ha ricorso alla Corte Suprema. Il giudice Milton Tingling che la presiedeva ha detto che il provvedimento salutista di Bloomberg era solo un «divieto arbitrario, frutto di un capriccio». La strategia della lobby ha funzionato, visto che sono stati sostenuti anche dal Center for consumer freedom, una sorta di servizio tutela dei consumatori, che ha dichiarato che «è un diritto degli americani poter scegliere come vivere la propria vita, cosa bere e cosa mangiare, come spendere i propri soldi e divertirsi».

BLOOMBERG CI RIPROVA. Il giudice, decidendo di mettere in pensione la legge prima della sua entrata in vigore, ha detto che l’idea del sindaco di NYC violerebbe la disciplina della separazione dei poteri. Bloomberg però non si arrende e annuncia che farà ricorso. Ovviamente, anche in questo secondo turno, l’Aba darà battaglia, visto che se questo scherzetto di Bloomberg entrasse in vigore a loro costerebbe 600 mila dollari di spesa per ritirare dal commercio le bibite incriminate e cambiare tutte le etichette.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.