Google+

Sparatorie a Milano, per Repubblica non si può incolpare Pisapia. Mica è Alemanno

settembre 12, 2012 Redazione

NON SI PUÒ INCOLPARE SEMPRE IL SINDACO. Milano ha una storia criminale antica, come tutte le grandi città, e lo schiocco acre degli spari non è certo estraneo alle sue strade.
Michele Serra sulle sparatorie in strada a Milano, la Repubblica

PISAPIA NON È ALEMANNO. In questi casi all’offesa del sangue si aggiunge sempre il penoso corollario di polemiche politiche meschine e soprattutto cretine (in entrambi i sensi), che affibbiano alla maggioranza di turno la responsabilità di mali sociali ben più annosi di un mandato amministrativo.
Michele Serra sulle sparatorie in strada a Milano, la Repubblica

E COMUNQUE UN PO’ BERLUSCONIANO. Il consolidarsi, attorno a Milano, di una cintura criminale sempre più potente e attiva è un fenomeno almeno ventennale.
Michele Serra sulle sparatorie in strada a Milano, la Repubblica

OPS, VOLEVO DIRE DESTRO. Il delitto di Porta Romana è un macro-fenomeno sinistro, pauroso.
Michele Serra sulle sparatorie in strada a Milano, la Repubblica

SE NON ORA QUANDO? Se la politica locale e le istituzioni possono fare qualcosa, in questo qualcosa non è inclusa la speculazione insulsa su fenomeni sociali, e mali collettivi, che scavalcano, e di molto, le beghe del giorno dopo.
Michele Serra sulle sparatorie in strada a Milano, la Repubblica

CASTA PRESERVATIVA. Nei partiti di plastica, si sa, la prudenza non è mai troppa.
Ernesto Galli Della Loggia, Corriere della Sera

CUCCHIAIO. Mario Draghi come Andrea Pirlo, il «centrocampista dalla visione a 360 gradi» (…) metafora calcistica per spiegare come “Supermario” sia stato capace di mettere nell’angolo la riottosa Bundesbank e andare «al salvataggio» dell’euro.
Il Corriere della Sera riprende Roger Cohen, columnist del New York Times

LA SOBRIETÀ TI FA MALE LO SO. Prima di incontrare i sindacati a Palazzo Chigi, tuttavia, Monti ha riconosciuto che gli interventi imposti dall’Europa per mettere in sicurezza i conti pubblici hanno peggiorato la recessione: «Solo uno stolto — ha detto — può pensare di incidere su elementi strutturali che pesano da decenni senza provocare, almeno nel breve periodo, un rallentamento dovuto al calo della domanda». Ma queste misure, è la tesi del premier, sono necessarie per avviare una fase due, quella della crescita.
Roberto Mania, la Repubblica

ASTENERSI PERDITEMPO E CGIL. Monti alle parti sociali: più produttività.
Corriere della Sera

SIAMO MICA QUI PER LAVORARE. Per Susanna Camusso, leader della Cgil, «la crescita non può dipendere da quello che le parti sociali possono fare in termini di produttività aziendale».
Roberto Mania, la Repubblica

NO DAI, QUESTO NO. Invece di concentrarci sul Palazzo, concentriamoci sulla vita vera, sulle persone.
Nichi Vendola intervistato da Alessandra Longo, la Repubblica

IL PROSSIMO CALENDARIO DI MAX. Torniamo al referendum. Lei sembrava un po’ a disagio nella foto ricordo con Di Pietro, Diliberto e Ferrero. «(…) Non faccio tutto questo per una foto ricordo con i capipartito. Le mie foto sono con gli operai dell’Ilva e di Pomigliano».
Nichi Vendola intervistato da Alessandra Longo, la Repubblica

SI CHIAMA ASSEGNO DI MANTENIMENTO. Le donne vanno più lontano già da sole: dopo un divorzio, sono più loro che gli uomini a vedere balzare i propri guadagni del 25 per cento.
Angelo Aquaro sulla “fine del maschio”, la Repubblica

ANGELO, DEVI DIRCI QUALCOSA? Perché il problema vero di noi maschietti, alla fine, siamo noi maschietti.
Angelo Aquaro sulla “fine del maschio”, la Repubblica

IO BOXER, TU TANGA. Ecco, gli uomini sono come quegli immigrati che nel nuovo mondo continuano a ragionare con la testa nel vecchio. E le donne invece sono gli immigrati capaci di adattarsi a nuovi usi e costumi.
Angelo Aquaro sulla “fine del maschio”, la Repubblica

TANGA ANCH’IO. Non è più un mondo per soli uomini. Ma se non vogliamo trasformarlo in un mondo di uomini terribilmente soli non ci resta che seguire un esempio: quello delle donne.
Angelo Aquaro sulla “fine del maschio”, la Repubblica

DONNA, SVEGLIATI È PRIMAVERA. Molte donne tunisine iniziano a rimpiangere Ben Ali. Il fatto chel a pillola contraccettiva non verrà più venduta a prezzo politico mentre il costosissimo Viagra sarà quasi regalato, è un ulteriore segno dell’islamizzazione e del sessismo tunisino dopo la rivoluzione del 2010.
Roberta Zunini, il Fatto quotidiano

BADA A COME PARLI. Se tuttavia penso alla classe, la mia, la vedo popolata dai volti e dai corpi dei miei alunni e sono felice all’idea di rivederli. È una sensazione quasi fisica. Che si accompagna alla voglia di toccarli, di abbracciarli. Come un tesoro che custodisco e da avaro mi piacerebbe rimirare e carezzare.
Luigi Galella, professore, sul primo giorno di scuola, il Fatto quotidiano

PREMIO CHISSENEFREGA. Tra gli stand del Mugello che sfornano bomboloni alla crema e quelli di Campi Bisenzio, dedicati al sugo di pecora, si aggira Paolone Calosi.
Marco Imarisio, Corriere della Sera

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Giulio scrive:

    certo che non è Alemanno, Pisapia è il più pirla che ci sia… per questo l’hanno fatto sindaco!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

H-D Perugia ha vinto il titolo di Battle of the King 2017 emergendo fra i 42 concessionari ufficiali Harley-Davidson sul territorio nazionale, con una apprezzatissima special su base Roadster di progetto e produzione interna. L’elezione e la proclamazione della moto vincitrice sono avvenute nell’ambito della serata The Battle of the Kings – Italian Showdown svoltasi giovedì […]

L'articolo The Battle of the Kings 2017, premiata la special su base Roadster proviene da RED Live.

I dati di mercato parlano chiaro: il segmento delle 125 viaggia a gonfie vele e nel 2016 ha fatto registrare in Italia una crescita del 40,6% rispetto al 2015. Su scala mondiale i valori relativi sono meno esaltanti ma in termini assoluti i numeri della categoria si possono tranquillamente definire da capogiro. Con un un […]

L'articolo Yamaha YS 125: chi ben comincia… proviene da RED Live.

Bye bye 1.6 TDI da 110 cv. Hai fatto un buon lavoro, però i tempi sono maturi perché tu venga sostituito da un’unità sì di pari cilindrata, ma più moderna e performante. Almeno questo è il parere di Audi che dedica alla gamma A3 il quadricilindrico turbodiesel di 1,6 litri e 116 cv già impiegato […]

L'articolo Audi A3: 1.6 TDI da 116 cv per tutta la famiglia proviene da RED Live.

A chi è capitato, almeno una volta, di transitare sulla A4 Milano-Venezia poco prima di Bergamo non può essere passato inosservato un modernissimo edificio lungo un chilometro tutto rosso. Che si chiama, appunto, Kilometro Rosso. Ed è inevitabile cercare di immaginarsi cosa ci sia dietro, o addirittura dentro. Ebbene, come molti sanno rappresenta una delle […]

L'articolo Al di là del Kilometro Rosso proviene da RED Live.

Cresce la famiglia Range Rover. Tra la “piccola” Evoque, declinata anche in configurazione Coupé e Convertible, e la Range Rover Sport s’inserisce l’inedita Velar, chiamata al debutto in occasione del Salone di Ginevra (9-19 marzo). Sebbene non siano state diffuse informazioni di dettaglio in merito al nuovo modello, è probabile che possa contare su di […]

L'articolo Range Rover Velar: un nuovo tassello proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana