Google+

Se sto male tenetemi alla larga da Cappato

marzo 1, 2017 Rodolfo Casadei

Mentre si dava la morte Dj Fabo ci ha lasciato parole che fanno male. Ha lasciato scritto che è andato in Svizzera con l’intenzione di fare quello che poi ha fatto «senza l’aiuto del mio Stato». Ha puntato un dito accusatore contro lo Stato che non lo ha aiutato a suicidarsi in Italia. Ora, come ho sentito una volta dire a Romano Prodi, che ripeteva le parole di Piero Calamandrei, «lo Stato siamo noi». In realtà fra lo Stato e noi non può esserci coincidenza, lo Stato è uno strumento della società, uno strumento che rischia di sfuggire di mano come tanti, è un’istituzione creata dalla società e che dunque la società ha facoltà di revocare. Ma in termini retorici prendiamo per buone le parole di Piero Calamandrei e Romano Prodi.

Siccome retoricamente parlando lo Stato siamo noi, lo Stato sono io, nessuno può pretendere che io approvi l’uccisione legale di un innocente, sia sotto la forma del suicidio assistito che sotto quella dell’eutanasia. Chi chiede allo Stato di godere della piena libertà di uccidersi e dell’assistenza pubblica per farlo, sta chiedendo a me di partecipare alla sua uccisione, di assumermi la responsabilità della sua morte violenta. «Ma non sei tu che uccidi», dirà qualcuno. E invece sì, indirettamente sono io, se dico sì all’eutanasia o comunque non mi oppongo alla sua istituzione. L’obiezione di coscienza non comincia solo nel momento in cui una legge controversa viene approvata e introdotta dalle istituzioni, comincia, soprattutto nei paesi a democrazia partecipativa, quando si discute l’introduzione di quella legge. Chi si astiene o lascia fare nel momento in cui lo Stato del suo paese introduce una legge che sancisce la pena di morte come punizione per certi reati, la legittimità della pratica dell’aborto su richiesta, il sostegno pubblico al suicidio o all’eutanasia, è responsabile tanto quanto chi appoggia attivamente queste scelte giuridiche. È personalmente responsabile, indirettamente, di soppressioni di vite umane per iniziativa umana. Perché, appunto, lo Stato siamo noi: siamo una comunità, siamo solidali, siamo responsabili gli uni degli altri.

Dire “ognuno faccia come crede” è venire meno a questa solidarietà. «Ma quella dell’eutanasia o del suicidio assistito è una richiesta che viene da una persona che manifesta un bisogno, ti implora di permettergli di morire perché non ce la fa più a vivere». È vero. Diversamente dal feto, sul quale si interviene con l’aborto senza avere sentito il suo parere, o dal condannato a morte, il cui parere è irrilevante perché la pena che subisce è la sanzione di un suo comportamento, la persona sofferente in procinto di essere soppressa formula lei stessa la richiesta della propria morte. Questo cambia qualcosa? Ai miei occhi no, per due distinte ragioni. La prima è di ordine pratico: è difficile valutare la volontarietà e irreversibilità di una richiesta di morte. Una persona che soffre ha molti momenti di sconforto, durante i quali può chiedere di farla finita, ma se qualcuno lo conforta non pietisticamente, ma coinvolgendosi personalmente con la sua difficoltà, cioè facendogli percepire che la sua vita vale ancora, che ha ancora uno scopo e un valore per chi gli sta attorno, il sofferente torna a scegliere la vita. Se fossi un malato terminale o se fossi afflitto da qualche grave invalidità permanente non vorrei mai essere avvicinato da una persona come Marco Cappato o altri radicali dello stesso genere, perché so che approfitterebbero della mia debolezza per orientare la mia indebolita volontà verso la scelta che porta acqua al mulino della loro ideologia (quella dell’individualismo e della cosiddetta autodeterminazione).

La seconda ragione è morale: la vita non ce la siamo data noi, perciò non abbiamo il diritto di togliercela. Possiamo farlo, possiamo suicidarci o trovare qualcuno disposto a sopprimerci, ma queste azioni non possono essere presentate come soddisfazione di un diritto, non possono presentarsi come moralmente legittime. Che la vita non ce la siamo data da soli non è la mia opinione, il mio punto di vista: è un dato di fatto inconfutabile. Che ha delle conseguenze altrettanto inconfutabili, la prima delle quali è che il senso della vita non lo decidiamo noi, ma si trova là dove ha avuto origine la mia, la tua vita e quella di tutti. Perciò la seconda frase di dj Fabo che mi ferisce come una lama piantata nell’anima è quella che dice «Le mie giornate sono intrise di sofferenza e disperazione non trovando più il senso della mia vita ora». La vita e la morte, la felicità e la sofferenza, un senso ce l’hanno, anche se noi non lo riconosciamo, anche se non lo troviamo. Quel senso ci precede e ci sovrasta, è più grande di noi, di tutto ciò che pensiamo, facciamo, sentiamo. Da credente ho la certezza di fede che quel senso lo incontrerò pienamente e definitivamente dopo la morte, nel luogo dell’eterno riposo. Ma anche chi non crede non è esentato dal riconoscere che non siamo noi a dare o a negare un senso alle cose: puoi non credere in Dio, ma non puoi pretendere di essere Dio tu. Credenti e non credenti, non possiamo non vivere la vita come un compito, e portare le sofferenze della vita, tutte, è parte di quel compito. È la parte più difficile e importante.

Con questo non voglio dire certo che chi soffre debba abbracciare l’accanimento terapeutico. Nessuno è obbligato a curarsi, ma se uno si rivolge a un medico non potrà pretendere che quello venga meno alla sua deontologia, che gli impone di curare il paziente in scienza e coscienza. Trovo perfettamente legittimo che un diabetico rifiuti l’amputazione di un arto cancrenoso, o che un malato terminale rifiuti l’alimentazione nasogastrica. Non riesco però ad accettare che questo possa essere determinato da una Dat, da una Dichiarazione anticipata di trattamento: la volontà deve essere espressa al momento dell’evento, quando si fa esperienza della situazione. E se il paziente non può esprimersi? Evidentemente si dovrà privilegiare il trattamento che permette di mantenerlo in vita. La scelta opposta farebbe sospettare un giudizio di fondo che non è condivisibile: che in certe condizioni la vita non merita più di essere vissuta, che l’intangibilità della vita non è gerarchicamente superiore ad altri valori e ad altre considerazioni.

E qui non si può non mettere in guardia l’opinione pubblica rispetto alle circostanze storiche che sembrano spianare la strada all’introduzione dell’eutanasia nei sistemi legali. Se ci guardiamo attorno, vediamo che l’eutanasia e il suicidio assistito legali sono fenomeni che riguardano quasi esclusivamente i paesi industrializzati, e in particolare gli stati dell’Unione Europea. Cioè paesi dove i livelli attuali di welfare stanno diventando insostenibili a causa dell’invecchiamento della popolazione. Le proiezioni dicono che presto non avremo le risorse per garantire a tutti assistenza sanitaria e trattamenti pensionistici adeguati. Aspettiamoci una propaganda sempre più capillare e pervasiva a favore della “buona morte” da parte dei grandi media, che sono parte integrante del sistema: le persone saranno condizionate a considerare una vita afflitta dalle limitazioni che una malattia grave impone come una vita indegna di essere vissuta, così si ridurranno sensibilmente i costi del welfare state e si potrà continuare ad erogarlo a un numero minore di titolari. Così conviene a chi tiene i cordoni della borsa pubblica.

Concludendo, le parole di dj Fabo mi fanno sentire in colpa. Non perché non ho provveduto a facilitare il suo suicidio, ma perché la sua tragedia mi mette davanti ai miei peccati di omissione, a tutte le volte in cui non sono stato e non sono capace di amare il prossimo, di far sentire importante e insostituibile per me quella particolare persona che vive difficoltà, problemi, drammi. È la mancanza di amore che uccide, attraverso le innumerevoli forme di autodistruzione e di anoressia che vediamo intorno a noi. Non l’amore sentimentalisticamente inteso, ma quello riconoscibile per il fatto che si dedicano tempo ed energie a una persona, che si considera la pienezza di vita di quella persona come un qualcosa di importante per la nostra stessa vita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: YAMAHA TEST THE EMOTION, Hyper Naked e Sport Touring in prova  DOVE E QUANDO: Pescara, 1 e 2 aprile Si chiama “Yamaha Test the Emotion” il nuovo tour itinerante di nove tappe organizzato da Yamaha per far scoprire ai motociclisti italiani i modelli delle famiglie Hyper Naked e Sport Touring di Iwata. Per la gamma MT saranno presenti […]

L'articolo RED Weekend 30 marzo – 2 aprile, idee per muoversi proviene da RED Live.

Dormire sugli allori può rivelarsi – oggi più che mai – un errore imperdonabile, anche per le Case più affermate e per i loro modelli più rappresentativi. Con la concorrenza che affila le armi e la tecnologia che si diffonde a macchia d’olio a tutti i livelli, il rischio che un modello best-seller possa finire […]

L'articolo Prova Suzuki V-Strom 650 XT 2017 proviene da RED Live.

LIVE Una delle 600 Supersport più amate di sempre si rinnova, dimostrando che Yamaha crede ancora in una categoria che altri hanno dato già per spacciata. Troppo severe le norme anti inquinamento per i frullini da 600 cc che a furia di smagrire le carburazioni sono diventati anoressici di coppia e poco godibili su strada, […]

L'articolo Prova Yamaha R6 2017 proviene da RED Live.

La primavera è per definizione la stagione più di altre foriera di novità. E le novità fioriscono anche in KTM. Dopo il lancio del tour internazionale Track ‘N Test, che farà tappa anche a Misano dal 7 al 9 aprile, ecco difatti profilarsi un’altra iniziativa. Partiamo dalla sigla C.O.R.E., ossia Complete Off Road Education e che […]

L'articolo KTM Adventure Hard C.O.R.E. proviene da RED Live.

È un’evoluzione e non una rivoluzione, questo si capisce anche da nome. Quel “Max” aggiunto si traduce in migliorie a un prodotto, Dunlop SportSmart 2, che ottenuto un buon successo sul mercato ma che meritava un upgrade per rimanere al passo con i tempi. Operazione necessaria perché l’andamento del mercato delle moto parla molto chiaro: […]

L'articolo Prova Dunlop SportSmart 2 Max proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana