Google+

Il nuovo Facebook non funziona, secondo me (e pure secondo noi)

ottobre 26, 2013 Redazione

Il giornalista Francesco Costa ha scritto sul Post un articolo interessante (Il nuovo Facebook non funziona, secondo me). L’argomento è il social network che ha portato delle modifiche nelle modalità di visualizzazione degli aggiornamenti degli amici o delle pagine cui si è accordato il “mi piace”.

COSA E’ CAMBIATO. «In sostanza – spiega Costa -, dato che gli aggiornamenti dei vostri amici e delle vostre pagine sono molti di più di quelli che la vostra bacheca è in grado di mostrare, Facebook ha deciso di dare precedenza agli aggiornamenti più commentati, più piaciuti, più condivisi, piuttosto che a quelli più recenti. Ovviamente appaiono anche quelli più recenti, non è un interruttore on/off: ma molto meno di quanto facessero prima (anche se voi decidete così tra le impostazioni della bacheca: Facebook fa un po’ quello che vuole)».
Il risultato è che sulla bacheca appaiono in alto le foto, gli articoli, i commenti che hanno ottenuto più interazioni, indipendentemente dal momento cronologico in cui sono stati postati. «Lo stesso accade con le pagine», nota Costa. «Se siete iscritti a quella della vostra birra preferita è più facile che vediate sulla vostra bacheca un aggiornamento di ieri molto condiviso e piaciuto, piuttosto che uno di oggi che non ha ottenuto altrettante “interazioni”».

PERCHE’ E’ SUCCESSO. Perché Facebook ha apportato questo cambiamento? L’idea di fondo è quella segnalare all’utente ciò che ai suoi amici è più interessato. In altre e più banali parole: se i tuoi amici hanno condiviso/commentato questa notizia, ciò significa che è più interessante anche per te. Ragionamento che non fa una grinza, se non fosse, come nota giustamente Costa, che esistono delle «deduzioni successive: se un contenuto non ha un boost iniziale di commenti, like e share, cade nel vuoto; se vuoi visibilità a prescindere dalle tue interazioni, paga».

SI “ROMPE” LA BACHECA. La condivisibile opinione di Costa è questa: «Questo approccio non funziona e rompe la bacheca. Innanzitutto perché per la mia limitata esperienza moltissime persone su Facebook passano una buona parte del tempo a leggere cosa scrivono i loro amici e guardare le loro foto, senza necessariamente interagire. E vorrebbero continuare a farlo. Poi perché le interazioni sono un parametro grossolano nel determinare il valore di un aggiornamento: un mio amico tre giorni fa ha scritto una robina nonsense che ha generato un’infinita discussione altrettanto nonsense che a me non importa, eppure sulla mia bacheca continuo a vederla (al posto di qualcos’altro, sempre di suo, più recente, che potrebbe interessarmi di più)».

CHI DICE COSA MI INTERESSA? Cambierà qualcosa nei prossimi giorni? Costa se lo augura, notando che «il danno più grosso Facebook lo fa a se stesso». Il risultato molto banale è, infatti, che «con la nuova bacheca io stamattina mi trovo davanti un articolo sui pronostici delle partite di Champions League di due giorni fa, o mi trovo davanti un’analisi sullo shutdown due giorni dopo la fine dello shutdown, solo perché all’epoca furono molto commentati e condivisi, e non articoli più recenti – notizie più recenti – e quindi per me più interessanti. Inoltre con le notizie vale una volta di più la regola per cui le interazioni non misurano l’interesse (una notizia può interessarmi molto anche se non la commento o non clicco “mi piace”) né tantomeno la qualità (basti vedere a quanto certi articoli-bufala sono condivisi e commentati su Facebook)».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. mike scrive:

    non si deve perdere tempo coi social network. e poi, specie facebook, sono molto politicizzati a sinistra. per cui alla fine fanno solo propaganda. alla faccia della par condicio. qualcuno mi disse che la libera informazione sta nel web. nel web forse, nei social network non credo.

  2. Mappo scrive:

    Mi sono sempre tenuto alla larga sia da Facebook che da Twitter e campo benissimo.

    • Carlo Martinelli ( Charlie ) scrive:

      Io in Facebook ci ero entrato non so come, però poi non mi ci ero trovato male.
      Ora è un casino.
      Adesso non posso più fare commenti sotto gli articoli di “Tempi”.
      Magari qualcuno sarà anche contento.
      Però non si vedono nemmeno certi commenti altrui, per fortuna.
      Per recuperare i post bisogna fare tortuosi percorsi, che superano la mia infima intelligenza informatica.
      Proverò ad assumere fosforo.
      Se funziona, lo manderò anche a quelli di Face Book.

  3. Remoq scrive:

    Sarebbe bello se su FB ci fossero più commenti favorevoli alla famiglia naturale e contrari all’ideologia del gender, che ci sta rovinando.

  4. Original Bifocale scrive:

    Purtroppo l’ideologia del gender imperversa e fa danni giorno dopo giorno. Io stesso ne fui promotore, ma mi sono ravveduto.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana